ORO DELLE MIE BRAME - LE BANCHE CENTRALI INGROSSANO LE LORO RISERVE AUREE, COME BENE RIFUGIO RISPETTO ALLA VOLATILITÀ DEI MERCATI - NEL SECONDO TRIMESTRE 2019, GLI ISTITUTI HANNO MESSO NEI CAVEAU 224 TONNELLATE DI ORO (+47% RISPETTO AL 2018) - TRA I PAESI PIÙ ATTIVI CI SONO RUSSIA, CINA, TURCHIA E KAZAKISTAN...

-

Condividi questo articolo

Paola Jadeluca per “Affari & Finanza - la Repubblica”

 

lingotti d'oro lingotti d'oro

Corsa all' oro delle Banche centrali. Nel clima globale, con i rischi geopolitici in aumento e le tensioni commerciali inasprite dal braccio di ferro sui dazi tra Usa e Cina, risparmiatori retail e investitori hanno puntato dritto su questo bene rifugio per antonomasia.

 

E anche le Banche centrali hanno pensato bene di mettersi in sicurezza: dalla Bce alla People' s Bank of China si sono mosse quasi all' unisono, ancorandosi tutte assieme a 224 tonnellate di oro solo nel secondo trimestre dell' anno. Il dato è fornito dal World Gold Council, l' associazione industriale delle principali aziende minerarie aurifere. La crescita degli acquisti netti rispetto allo stesso periodo del 2018 è stato pari al 47%.

 

lingotti lingotti

Calcolando l' intero semestre, gli acquisti netti hanno raggiunto quota 374,1 tonnellate, il livello più alto dal 2010, ovvero da quando le banche centrali sono tornate a essere stabilmente acquirenti di oro fisico come riserva, un ritorno ideale ai tempi degli accordi di Bretton Woods, quando le riserve auree erano considerate il perno della stabilità. In termini di controvalore, i primi sei mesi del 2019 hanno visto le Banche impegnare 15,7 miliardi di dollari. Una protezione contro la volatilità dei mercati e una diversificazione dal dollaro, considerata la riserva principale per decenni.

 

In pieno dilemma di fondo se proseguire con politiche monetarie accomodanti, come appena deciso da Mario Draghi, governatore della Bce, oppure cambiare rotta, l' oro mette d' accordo tutti. Gli acquisti si distribuiscono tra un largo numero di banche centrali, ma sono soprattutto i paesi emergenti i più dinamici.

lingotti d'oro lingotti d'oro

 

La Russia ha comprato oro per 105,3 tonnellate nel primo semestre, portando le riserve a 2207 tonnellate a fine giugno, pari al 19% delle riserve totali. L' incremento delle riserve della Cina nello stesso periodo è pari a 74 tonnellate; a seguire, la Turchia, con 60,5 tonnellate, e il Kazakistan con circa 25. Gli acquisti più importanti sono stati realizzati dalla banca centrale polacca, 100 tonnellate.

 

Condividi questo articolo

business

FLASH! I GRANDI SOCI RCS NON POTEVANO CHE SMENTIRE LA LETTERA SVELATA DA ''LETTERA43'': SAREBBE STATA UNA SFIDUCIA TROPPO PESANTE VERSO L'AD CAIRO. MA LORO UNA SORTA DI MANLEVA LA VORREBBERO: A GENNAIO DOVREBBE ARRIVARE IL LODO DEL CASO CONTRO BLACKSTONE (IL CAPO SCHWARTZMAN SEGUE PERSONALMENTE IL PROCEDIMENTO). IN CASO DI VITTORIA DEL FONDO, SAREBBERO DOLORI PER RCS, E POI PURE PER CAIRO, CHE IL FONDO HA DENUNCIATO NEGLI USA PER ESTORSIONE (PROCESSO SOSPESO IN ATTESA DELL'ARBITRATO MILANESE)