PERCHÉ LUCA GIUSEPPE REALE RUFFINO HA VOLUTO NASCONDERE LA SUA SCALATA A "VISIBILIA"? DALL'OTTOBRE DEL 2022 L’IMPRENDITORE, MORTO SUICIDA IL 5 AGOSTO, DETENEVA UNA QUOTA DEL 31,15%, SUPERIORE ALLA SOGLIA PER CUI È NECESSARIA UN'OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO (30%) - PERCHÈ GLI ACQUISTI NON SONO STATI COMUNICATI? - INTANTO È STATO NOMINATO IL NUOVO PRESIDENTE DI "VISIBILIA": GIUSEPPE VADALÀ BERTINI

-

Condividi questo articolo


Luca Giuseppe Reale Ruffino Luca Giuseppe Reale Ruffino

1- VISIBILIA, 'RUFFINI OLTRE LA SOGLIA D'OPA AD OTTOBRE 2022'

 

(ANSA) - Luca Giuseppe Reale Ruffino e la sua Sif Italia hanno superato la soglia del 30% nel capitale di Visibilia, oltre la quale scatta l'obbligo di un'opa, "sin dal 24 ottobre 2022", quando Ruffini era arrivato a detenere una quota del 31,15%. Lo rende noto la stessa Visibilia, commentando in una nota le risultanze a cui è giunta la Consob in merito alla scalata occulta compiuta dall'imprenditore suicidatosi all'inizio di agosto.

 

Il cda "monitorerà con attenzione i prossimi sviluppi" anche in vista dell'esercizio del potere sospensione del diritto di voto per violazione degli obblighi di comunicazione in tema di opa.

 

Luca Giuseppe Reale Ruffino Luca Giuseppe Reale Ruffino

Il cda ricorda che lo statuto di Visibilia, all'articolo 10.6, richiama alcune disposizioni del Testo unico della finanza in materia di opa prevedendo che, in caso di superamento della soglia d'opa (30% del capitale) non accompagnato da apposita comunicazione al cda e dalla presentazione di una offerta pubblica totalitaria, il consiglio "possa disporre la sospensione del diritto di voto sulla partecipazione eccedente la soglia medesima".

 

Il cda "preso atto delle circostanze sopra descritte e in attesa delle delucidazioni del caso in merito alla possibile violazione delle disposizioni in materia" di opa "monitorerà con attenzione i prossimi sviluppi" anche "ai fini della possibile applicazione delle disposizioni" dello statuto che permettono di sospendere il diritto di voto per le azioni eccedenti la quota del 30%.

 

luca giuseppe reale ruffino quotazione sif italia 3 luca giuseppe reale ruffino quotazione sif italia 3

2- VISIBILIA NOMINA BERTINI PRESIDENTE AL POSTO DI RUFFINO

(ANSA) - Visibilia ha chiuso il primo semestre dell'anno con ricavi per 1,9 milioni di euro, sostanzialmente in linea con il 2022, un ebitda (margine operativo lordo) negativo per 64.364 euro, in miglioramento di 307.462 euro, e una perdita ridottasi di 446.450 euro a 0,2 milioni di euro.

 

La posizione finanziaria netta, si legge in una nota, si mantiene attorno ai 2,8 milioni di euro, mentre il patrimonio netto migliora di 468.254 euro a 0,5 milioni. Il cda ha nominato Giuseppe Vadalà Bertini, già amministratore della società, alla presidenza, in sostituzione dello scomparso Luca Giuseppe Reale Ruffino mentre ha rinviato ad una futura riunione il tema dell'integrazione del cda con un nuovo consigliere.

servizio di report su daniela santanche 18 novembre 2012 4 servizio di report su daniela santanche 18 novembre 2012 4 servizio di report su daniela santanche 18 novembre 2012 5 servizio di report su daniela santanche 18 novembre 2012 5 LA DIFESA DELLA SANTA - MEME BY EMILIANO CARLI LA DIFESA DELLA SANTA - MEME BY EMILIANO CARLI sigfrido ranucci report inchiesta su visibilia sigfrido ranucci report inchiesta su visibilia servizio di report su daniela santanche 18 novembre 2012 8 servizio di report su daniela santanche 18 novembre 2012 8

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! – PRESIDENZIALI USA 2024 AL PUNTO DI SVOLTA: SE NON C’È TRUMP NON CI SARÀ BIDEN. L’HA DETTO “SLEEPY JOE” AI SUOI COLLABORATORI E A OBAMA – IL NUOVO SONDAGGIO DEL “WALL STREET JOURNAL”: SE LA CANDIDATA REPUBBLICANA ALLE PRESIDENZIALI FOSSE LA 51ENNE INDO-AMERICANA NIMRATA "NIKKI" RANDHAWA, CONIUGATA HALEY, L’OTTUAGENARIO BIDEN FINIREBBE AI GIARDINETTI - L’EX GOVERNATRICE DELLA CAROLINA DEL SUD ED EX AMBASCIATRICE USA ALL’ONU AVREBBE UN VANTAGGIO DI BEN 17 PUNTI PERCENTUALI (51-34)…

QUANTO PUÒ DURARE ANCORA LA PARTITA DI POKER CON BLUFF DI MELONI CON L’EUROPA? - DAL 1 GENNAIO DEL 2024, SE ROMA NON RATIFICA IL MES, TUTTI GLI ALTRI 26 STATI MEMBRI DELL'UNIONE EUROPEA SAREBBERO SENZA OMBRELLO DI SALVATAGGIO IN CASO DI DEFAULT - NEGOZIANDO, COME SE FOSSE AL MERCATINO DI PORTA PORTESE, LA CONTRATTAZIONE SUL PATTO DI STABILITÀ IN CAMBIO DEL MES, LA DUCETTA RISCHIA DI RESTARE COL CERINO ACCESO - PER BRUXELLES, IL “PACCHETTO MELONI” È UNA MINACCIA CHE REGGE POCO: L’UNICO PAESE CHE RISCHIA IL DEFAULT, DALL’ALTO DI UN DEBITO PUBBLICO MOSTRUOSO (2.844 MILIARDI DI EURO) SAREBBE L’ITALIA. E SENZA MES, I MERCATI LA PUNIREBBERO CON LO SPREAD IN SALITA - PER LA DUCETTA LA RIUSCITA DELLA TRATTATIVA SAREBBE L’UNICA VIA D’USCITA PER EVITARE DI VENIR SBERTUCCIATA COME “CAMALEONTE” - O PEGGIO: “LA CAZZARA DELLA FIAMMA” - DALL’OPPOSIZIONE E INFILZATA COME UN TORDO DA MATTEO SALVINI, CHE NON ASPETTA ALTRO CHE LA RATIFICA DEL MES PER SPUTTANARLA E RIACCHIAPPARE I VOTI PERDUTI

AH GIORGIA, MA CHE CAZZO STAI A DI’? – TRAFITTA DA UN RAGGIO DI PARA-ALZHEIMER, "IO SO' GIORGIA" SUL MES ATTACCA IL PD: “PERCHÉ QUANDO GOVERNAVA NON L’HA RATIFICATO?” - DAGO-RISPOSTA: NON L'HA RATIFICATO PER IL SEMPLICE MOTIVO CHE ALL’EPOCA NON C’ERA ALCUNA URGENZA IN QUANTO LA SCADENZA PER IL TRATTATO DEL MES ERA IL 31 DICEMBRE 2023. IL PRECEDENTE GOVERNO, GUIDATO DA MARIO DRAGHI, E’ STATO FATTO FUORI IL 21 LUGLIO 2022 - QUALCHE ANIMA PIA PUO’ RICORDARE ALLA SMEMORATA DI COLLE OPPIO CHE IL PRIMO ATTO POLITICO E FORMALE DI NASCITA DEL MES RISALE ALL’11 LUGLIO 2011, QUANDO IN ITALIA ERA AL GOVERNO IL CENTRODESTRA DI SILVIO BERLUSCONI E GIORGIA MELONI, IN QUELLA LEGISLATURA ADERENTE AL POPOLO DELLE LIBERTA’, ERA MINISTRA DELLA GIOVENTU’. ALL’EPOCA, SUL MES, NON SI RISCONTRANO RIMOSTRANZE, ALMENO PUBBLICHE, NE' DELLA DUCETTA NE' DI SALVINI