A PIAZZETTA CUCCIA SI FA LA CONTA E SI PREPARA LA GUERRA  – IL PATTO DI CONSULTAZIONE, CHE RAGGRUPPA IL 10,9% DEL CAPITALE, HA ESPRESSO IL SUO SOSTEGNO A NAGEL E ALLA LISTA DEL CDA. COME ANDRÀ A FINIRE? DELFIN, CHE HA IL 19,8%, DEVE DECIDERE SE PRESENTARE UNA LISTA CORTA O LUNGA - IL VOTO DI CALTA - LE INCOGNITE MAGGIORI: BENETTON E UNIPOL - SECONDO ALCUNI SONDAGGI, IL CONTEGGIO NON AVREBBE ANCORA UN VINCITORE (ALLA FINE DEL DUELLO, L'ULTIMA PAROLA SPETTA ALLA BCE...)

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Giovanni Pons per “la Repubblica”

 

ALBERTO NAGEL ALBERTO NAGEL

Nella partita per il rinnovo del cda di Mediobanca, che dovrà essere decisa dall’assemblea dei soci in programma il 28 ottobre, è già partita la conta dei voti. Ieri si è riunito in Piazzetta Cuccia il patto di consultazione che raggruppa il 10,9% del capitale e ha espresso, come già successo in passato, il suo sostegno al management e dunque alla lista che è stata presentata dal cda uscente.

 

[…] Tuttavia la vicenda non è così scontata come potrebbe apparire. Il primo azionista di Mediobanca, Delfin, con il 19,8%, sta decidendo in questi giorni se presentare una lista di minoranza, corta o lunga, cioè con tre o sette nomi. Nel secondo caso sarebbe determinante la conta dei voti in assemblea per capire la composizione del nuovo cda.

 

FRANCESCO MILLERI FRANCESCO MILLERI

Se la lista lunga Delfin risulterà la più votata allora i suoi sette candidati entreranno tutti in consiglio, pareggiando altri sette della lista uscente mentre un solo rappresentante spetterà ad Assogestioni se la sua lista verrà votata da almeno il 2% del capitale.

 

E, secondo alcuni sondaggi fatti da entrambe le parti, il conteggio porta a non vedere ancora un chiaro vincitore. La lista del cda, oltre che dal 10,8% del patto, dovrebbe essere votata dagli investitori istituzionali, che però negli ultimi tempi si sono assottigliati per effetto di alcuni rastrellamenti.

 

FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE

Per esempio Francesco Gaetano Caltagirone ha dichiarato di essere in prossimità del 10%, avendo raddoppiato la propria posizione iniziale che era vicina al 5%. E poi altri imprenditori, che avevano votato all’assemblea Generali del 2022 contro la lista del cda, potrebbero aver raccolto piccoli pacchetti di azioni i cui voti, come quello di Caltagirone, potrebbero andare alla lista Delfin.

 

Le incognite maggiori sono rappresentate da Edizione — che ha in portafoglio il 2,2% di Mediobanca e il cui cda si riunirà appena prima dell’assemblea per decidere che strada prendere — e anche da Unipol che ha il 2%. Inoltre la stessa Delfin sarebbe in contatto con alcuni fondi per cercare di convogliarli verso la sua lista. Solo il 3 ottobre, data ultima per la presentazione delle liste, Delfin deciderà che tipo di lista presentare in base agli ultimi sondaggi e alle stime di affluenza. Una decisione che il cda di Delfin prenderà in autonomia, come previsto dallo statuto, senza dover consultare i suoi otto soci con il 12,5% a testa.

FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE PHILIPPE DONNET FRANCESCO GAETANO CALTAGIRONE PHILIPPE DONNET FRANCESCO MILLERI FRANCESCO MILLERI Alberto Nagel Alberto Nagel Alberto Nagel Alberto Nagel FRANCESCO MILLERI FRANCESCO MILLERI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…