PRIMA GLI AMERICANI – LA STRATEGIA ECONOMICA DI JOE BIDEN, CHE RISCHIA DI ESSERE UN CETRIOLONE PER L'UE: CREARE UNA NUOVA POLITICA INDUSTRIALE STRATEGICA PER RIVITALIZZARE LA CLASSE MEDIA, STABILENDO UN VANTAGGIO TECNOLOGICO DURATURO CON LA CINA. MANCA SOLO UNA COSA, IN QUESTO PIANO: GLI ALLEATI – IL “FINANCIAL TIMES”: “MOLTI TEMONO CHE I SUSSIDI ALL’INDUSTRIA AMERICANA VADANO A SCAPITO DEI PRODUTTORI E DEI LAVORATORI EUROPEI…

-

Condividi questo articolo


Articolo del “Financial Times” – dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

joe biden mangia un panino joe biden mangia un panino

L'amministrazione Biden pensa di vincere la battaglia per un nuovo consenso a Washington. Alcuni alleati rimangono diffidenti

 

Nell'approccio americano all'economia internazionale è avvenuta una rivoluzione non annunciata. Il nuovo pensiero che sta emergendo sta ridisegnando l'economia globale e l'alleanza occidentale. Scrive il Financial Times.

 

L'approccio è stato esposto con la massima chiarezza in un discorso di Jake Sullivan del 27 aprile. Il fatto che Sullivan sia il consigliere per la sicurezza nazionale del Presidente Joe Biden è un indizio. La rivalità strategica con la Cina è al centro del nuovo pensiero.

 

Ma il discorso di Sullivan andava ben oltre la geopolitica. Si è trattato di uno sforzo molto ambizioso per mettere insieme gli obiettivi interni e internazionali dell'amministrazione Biden e trasformarli in un insieme coerente.

 

JOE BIDEN FIRMA L'INFLATION REDUCTION ACT JOE BIDEN FIRMA L'INFLATION REDUCTION ACT

Gli Stati Uniti intendono utilizzare una nuova politica industriale strategica per rivitalizzare contemporaneamente la classe media americana e la democrazia statunitense, combattendo al contempo il cambiamento climatico e stabilendo un vantaggio tecnologico duraturo sulla Cina.

 

Molti alleati dell'America temono che la parte che è sfuggita al tavolo sia quella degli interessi degli stranieri. Temono, in particolare, che i sussidi per centinaia di miliardi di dollari all'industria americana e alla tecnologia pulita, previsti dall'Inflation Reduction Act, vadano a scapito dei produttori e dei lavoratori europei e asiatici.

 

jake sullivan jake sullivan

Alcuni temono anche che le pressioni per "de-rischiare" gli scambi commerciali con la Cina possano turbare gravemente il commercio internazionale. E molti temono che le richieste statunitensi di riforma dell'Organizzazione Mondiale del Commercio finiscano per paralizzare il guardiano del libero scambio.

 

I funzionari statunitensi respingono questi suggerimenti, sottolineando i ripetuti riferimenti di Sullivan agli interessi degli alleati occidentali e del Sud del mondo nel suo discorso. Sostengono che l'America sta finalmente assumendo un ruolo guida nella lotta contro il cambiamento climatico e che questo dovrebbe essere accolto con favore in tutto il mondo.

 

XI JINPING E JOE BIDEN GIOCANO A SCACCHI - IMMAGINE CREATA CON MIDJOURNEY XI JINPING E JOE BIDEN GIOCANO A SCACCHI - IMMAGINE CREATA CON MIDJOURNEY

Sullivan si è anche premurato di sottolineare che "de-risking" non significa tagliare fuori la Cina dalle catene di approvvigionamento globali. Parlando con me la scorsa settimana, ha detto: "Stiamo cercando di costruire un mondo in cui ci sia più di una fonte per i prodotti critici...". Non stiamo dicendo che la Cina non dovrebbe costruire iPhone o produrre pannelli solari, ma che anche altri Paesi dovrebbero farlo".

 

Sullivan vuole convincere gli amici dell'America che questo "nuovo consenso di Washington" può funzionare per tutti. Ritiene che gli Stati Uniti abbiano compiuto progressi sostanziali in occasione del recente incontro del G7 a Hiroshima, sostenendo che il vertice abbia compiuto un "passo avanti davvero significativo". In particolare, ritiene che gli alleati dell'America siano ora rassicurati sui piani di sovvenzionamento della transizione verde e abbiano abbracciato un approccio simile. La spinta verso l'energia pulita, sostiene, "sarà più una fonte di cooperazione che di attrito in futuro".

 

joe biden ursula von der leyen joe biden ursula von der leyen

È evidente che nel comunicato del G7 c'è stata una significativa convergenza di linguaggio e di approccio su questioni che vanno dal de-risking alle catene di approvvigionamento.

 

Tuttavia, parlando con gli alleati americani - sia all'interno del G7 che al di fuori di esso - è evidente che c'è ancora inquietudine nei confronti della politica statunitense. Una delle preoccupazioni più ricorrenti è che l'America continui ad adottare misure rivolte alla Cina che i suoi "alleati e partner" saranno poi sottoposti a forti pressioni per adottarle.

 

XI JINPING VS JOE BIDEN - IMMAGINE CREATA CON MIDJOURNEY XI JINPING VS JOE BIDEN - IMMAGINE CREATA CON MIDJOURNEY

Lawrence Wong, vice primo ministro di Singapore - il più stretto alleato dell'America nel sud-est asiatico - ha recentemente avvertito che: "Se il de-risking viene portato troppo avanti... ci ritroveremo con un'economia mondiale più frammentata e disaccoppiata". In Europa si teme ancora che la nuova architettura economica globale progettata da Washington favorisca inevitabilmente i produttori e i lavoratori statunitensi.

 

I diversi alleati degli Stati Uniti stanno rispondendo in modi diversi. All'interno dell'UE c'è sempre stata una lobby che favorisce la creazione di campioni europei, attraverso una politica industriale. Questa lobby è stata rafforzata dalla svolta americana verso la politica industriale. Lo scorso dicembre, l'UE si è impegnata a realizzare "un'ambiziosa politica industriale europea" per le transizioni verdi e digitali.

 

ABBRACCIO GIORGIA MELONI JOE BIDEN - G7 HIROSHIMA ABBRACCIO GIORGIA MELONI JOE BIDEN - G7 HIROSHIMA

Ma ci sono anche europei che temono che, se l'Unione europea percorrerà la strada delle sovvenzioni, minerà il suo stesso mercato unico. L'UE ha una potenza di fuoco finanziaria molto inferiore a quella del governo statunitense, quindi potrebbe essere messa fuori gioco in una corsa ai sussidi.

 

Gli alleati americani al di fuori dell'UE, come la Gran Bretagna, il Giappone e il Canada, hanno un'altra preoccupazione. Temono che se i negoziati tra Stati Uniti e Unione Europea diventeranno il modo principale per stabilire un consenso nell'"Occidente globale", coloro che non fanno parte dei due blocchi principali saranno svantaggiati. Come dice un diplomatico, l'UE e gli USA sono "come due panda giganti". Si accoppiano molto raramente. Ma, se lo fanno, rischiano di avere una relazione esclusiva (anche se, tecnicamente parlando, i panda non sono monogami).

Ursula Von Der Leyen Joe Biden Ursula Von Der Leyen Joe Biden

 

In risposta al problema dei panda, i canadesi stanno esaminando la possibilità di conferire al G7 un ruolo formale nella proposta e nell'elaborazione delle nuove regole dell'economia globale.

 

I britannici sono incuriositi dal discorso di Sullivan sui "nuovi partenariati economici internazionali innovativi". Durante il suo viaggio a Washington questa settimana, Rishi Sunak, primo ministro britannico, esplorerà le aree in cui il Regno Unito potrebbe avviare questo tipo di partnership con gli Stati Uniti, tra cui la tecnologia della difesa e la regolamentazione dell'intelligenza artificiale.

BIDEN YELLEN BIDEN YELLEN

 

Su tutte queste discussioni economiche aleggia una nube di paura geopolitica. La Russia sta conducendo una guerra ai confini dell'UE. I giapponesi temono la Cina. Tutte le parti guardano allo Zio Sam per la protezione militare. Gli alleati dell'America hanno ancora delle riserve sulla dottrina Sullivan. Ma non è il momento di entrare in polemica con gli Stati Uniti.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA...