PUBBLICHE RELAZIONI & GRANDI RITORNI – STEFANO LUCCHINI (EX ENI) TORNA IN INTESA COME RESPONSABILE DEGLI AFFARI INTERNAZIONALI E INTANTO SI METTE IN PROPRIO – E COMIN (EX ENEL) APRE LA COMIN & PARTNERS

Non sono stati con le mani in mano i due big delle relazioni esterne, dopo il cambio di management in Eni ed Enel. Lucchini ritorna in Intesa alla guida di una direzione creata apposta per lui e apre una sua società. Comin spazia dalle strategie di comunicazione alle campagne pubblicitarie e alle ricerche di mercato…

Condividi questo articolo


Andrea Giacobino per http://andreagiacobino.wordpress.com/2014/08/04/comin-e-lucchini-meglio-soli-che-in-gruppo/

 

GIANLUCA COMIN GIANLUCA COMIN

Sono stati negli anni scorsi due “re” incontrastati delle relazioni esterne italiane. Ma ora, visto che i loro rispettivi capi sono stati silurati dal governo Renzi, hanno deciso, in attesa di tempi migliori, che è meglio correre l’avventura imprenditoriale in proprio.

 

Così, a pochi giorni di distanza l’uno dall’altro il cherubico romano Stefano Lucchini, già responsabile relazioni esterne dell’Eni di Paolo Scaroni e il serafico udinese Gianluigi Comin, per anni a fianco di Fulvio Conti ceo di Enel, hanno costituito le loro società. Entrambi, ovviamente, si occuperanno di ciò che meglio sanno fare: il vasto mondo delle relazioni esterne e del lobbismo. Lucchini, comunque, s’è assicurato anche il ritorno in Intesa Sanpaolo dove guiderà la nuova Direzione International & Regulatory Affairs.

STEFANO LUCCHINI FIRMA IL LIBRO STEFANO LUCCHINI FIRMA IL LIBRO


Lucchini & Associati si chiama la newco di Lucchini costituita pochi giorni fa a Torino nello studio del notaio Giovanna Ioli. Perché un romano sceglie Torino per la sua società? A saperlo… Fatto sta che con un capitale sociale di partenza di 10.000 euro e con Lucchini quale amministratore unico, la newco si occuperà di “consulenza commerciale, marketing, ricerche di mercato, consulenza pubblicitaria e promozionale di vendita, assistenza e consulenza di gestione aziendale”.

 

Paolo Scaroni Paolo Scaroni

Lucchini & Associati presterà anche “servizi volti alla realizzazione di campagne pubblicitarie, di programmazione e pianificazione di tempi e spazi pubblicitari, di marchi e insegne, di pubbliche relazioni e relazioni istituzionali sia in Italia sia all’estero”.

 

Giovanni Bazoli Giovanni Bazoli

A Roma, invece, davanti al notaio Marina Varlese è nata la Comin & Partners: anche qui il capitale di partenza è 10.000 euro e anche in tal caso Comin ne è amministratore unico. L’attività si rivolge a enti privati e pubblici offrendo servizi di “comunicazione e relazioni pubbliche, attraverso lo studio, la pianificazione e la realizzazione di strategie e piani di comunicazione”.

 

GIANLUCA COMIN GIANLUCA COMIN

Ma rientrano nel business anche “la realizzazione di campagne pubblicitarie, sondaggi e ricerche di mercato”, la realizzazione di pubblicazioni, brochure, house organ aziendali”, “la promozione, organizzazione e gestione di fiere, congressi e seminari”, per chiudere con “la gestione di servizi di commercio elettronico” e di “studio, vendita e gestione di spazi pubblicitari”.

 

Insomma, il già affollato mondo delle pr italiane è avvisato: son scesi in campo due campioni con ottime entrature…

Fulvio Conti Fulvio Conti

 

 

Condividi questo articolo

business

I RELIGIOSI VADANO A PREGARE, SUI SOLDI MEGLIO I LAICI – PAPA FRANCESCO NOMINA PREFETTO DELLA SEGRETERIA PER L'ECONOMIA IL MANAGER MAXIMINO CABALLERO LEDO - È IL SECONDO LAICO CHE PRENDE LA GUIDA DI UN MINISTERO DELLA SANTA SEDE - LA SEGRETERIA, NATA NEL 2014, DOPO LA CONTROVERSA GESTIONE DEL CARDINALE GEORGE PELL, HA INTRODOTTO NOVITA’ COME IL CODICE DEGLI APPALTI, LA GESTIONE DELLE "MATERIE RISERVATE", IL NUOVO CODICE PER GLI INVESTIMENTI FINANZIARI, L'ACCENTRAMENTO DELLE RISORSE DELLA SANTA SEDE (CIRCA 2 MILIARDI) NELL'APSA (E AFFIDATE IN GESTIONE ALLO IOR)

DAGOREPORT - CHE CI FACEVA ALESSANDRO MICHELE, FRESCO DI DIVORZIO GUCCI, NEI PRESSI DELLA SEDE ROMANA DI BULGARI, CELEBERRIMA MAISON DI ALTA GIOIELLERIA? – COSA C’ENTRA CON ANELLI E COLLIER LO STILISTA CHE HA IMPOSTO IL GENDER FLUID SULLA SCENA DEL TAGLIA E CUCI? INVECE, ESISTE UN GUCCI GIOIELLI - I RUMORS SPIFFERANO CHE L’OFFERTA DI BULGARI PER MICHELE SAREBBE CONCRETA MA, A QUANTO PARE, NON ANCORA CORRISPOSTA. IL NUOVO DIRETTORE ARTISTICO DI GUCCI DOVREBBE ARRIVARE PRIMA DI NATALE. E IL NOME CHE CIRCOLA È QUELLO DEL BRAVISSIMO JW ANDERSON…

“È STATA SUZANNE HEYWOOD, PUPILLA DI JOHN ELKANN, A COSTRUIRE LA TRAPPOLA IN CUI È CADUTO ANDREA AGNELLI” – GIGI MONCALVO RICOSTRUISCE IL SILURAMENTO DEL PRESIDENTE DELLA JUVENTUS: “NON SI È DIMESSO, È STATO ‘DIMESSO’, LO HANNO COSTRETTO AD ANDARSENE, SI È TROVATO IN MINORANZA NEL CONSIGLIO (SI PARLA DI SEI VOTI CONTRO, UN INDECISO A TUTTO, PAVEL NEDVED, E SOLO DUE A FAVORE, LO STESSO AGNELLI E IL SUO FEDELE FRANCESCO RONCAGLIO). SI ERA PRESENTATO PIENO DI CERTEZZE E SICURO DI SFANGARLA UN'ALTRA VOLTA. CONTAVA SUL FATTO CHE IL CUGINO JOHN ELKANN NON VOLESSE AFFONDARE IL COLPO DECISIVO. MOLTI DEI CONSIGLIERI COVAVANO DENTRO DI SÉ DA MESI, FORTI DI AUTOREVOLI PARERI LEGALI, IL TIMORE DI FINIRE NEI GUAI CON LA MAGISTRATURA PER AVER ‘ACCOMPAGNATO’ ANDREA NELLE SUE ‘ACROBAZIE’ ED ERANO PRONTI AD ABBANDONARLO…”