QUALCOSA NON QUAGLIA – OGGI I CONSIGLIERI DI INDIRIZZO DELLA FONDAZIONE CRT DOVRANNO SCEGLIERE IL NUOVO PRESIDENTE: ALL’USCENTE GIOVANNI QUAGLIA SI OPPONE FABRIZIO PALENZONA, EX VICEPRESIDENTE DI UNICREDIT, BANCA CON CUI HA ANCORA UN RAPPORTO DI FERRO – A PROPOSITO: SI TORNA A PARLARE CON INSISTENZA DI UN INTERESSE DI ANDREA ORCEL PER BANCO BPM…

-

Condividi questo articolo


fabrizio palenzona 7 fabrizio palenzona 7

Estratto dell’articolo di Daniela Polizzi per il “Corriere della Sera”

 

Si profila una nomina sul filo di lana quella al vertice della Fondazione Crt. La scelta tra l’attuale presidente Giovanni Quaglia e il candidato Fabrizio Palenzona è però alle battute finali.

 

Oggi i consiglieri di indirizzo sceglieranno a chi affidare per il nuovo mandato al 2027 il ruolo di presidente dell’ente piemontese.

 

giovanni quaglia giovanni quaglia

Si andrà alla conta, anche se è difficile che Palenzona […] si presenti senza i numeri. Non è la sua abitudine di gioco. È comunque la prima volta che per la presidenza della Fondazione si arriva a un passo dal voto senza che ci sia un unico candidato. È ancora presto per definire gli schieramenti perché la partita è in pieno svolgimento. Quaglia ieri ha reso noto il suo programma, accompagnato dai risultati degli ultimi sei anni.

 

fondazione crt fondazione crt

[…] Per l’ex vicepresidente di Unicredit, oggi al vertice di Prelios, […] occorre adottare un «nuovo statuto più adatto alle sfide future», perché […] in tempi di cambiamenti radicali, imprevedibili, si deve avere il coraggio di innovare, e se si hanno grandi risorse si ha anche il dovere morale di trovare strumenti adeguati per farlo».

 

Palenzona propone la cabina di regia tra gli enti del Nord dove si concentra il 70% delle Fondazioni che possono collaborare di più. Non fa riferimento alle banche ma sa bene che la Fondazione Crt ha l’1,9% di Unicredit, l’1,8% di Banco Bpm, l’1,61% di Generali e l’1,5% di Cdp. Palenzona ha contribuito a costruire Unicredit con Capitalia e Banco di Sicilia. E con Unicredit ha ancora un rapporto di ferro.

andrea orcel di unicredit andrea orcel di unicredit

 

Ora si parla di un ritorno di interesse dell’istituto guidato da Andrea Orcel per Banco Bpm. Testimoniato sul mercato anche dalla mossa di Goldman Sachs, salita al 6,3% dallo 0,92%. Agli acquisti di Goldman ha risposto Banco Bpm che ha chiuso con +3%. Palenzona ha sempre sottolineato l’importanza di campioni: banche e infrastrutture. Crt ha anche il 5,17% di Mundys e il 3,67% di F2i.

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…