"IL 45% DELLE AZIENDE RISCHIA DI ARRENDERSI" - L'ALLARME DELL'ISTAT CERTIFICA CHE IL SISTEMA PRODUTTIVO ITALIANO E' ORMAI SPREMUTO. E NON BASTERANNO NÉ I SOSTEGNI NÉ I RISTORI A EVITARE IL DISASTRO - LA PARALISI DEI VIAGGI HA MASSACRATO TUTTE LE ATTIVITÀ LEGATE (IN MODO DIRETTO O INDIRETTO) AL TURISMO - SEI REGIONI HANNO UN TESSUTO PRODUTTIVO AD ALTO RISCHIO, E CINQUE DI ESSE SONO AL SUD, (ABRUZZO, BASILICATA, CALABRIA, CAMPANIA E SARDEGNA)

-

Condividi questo articolo


Luigi Grassia per "la Stampa"

 

insolvenze imprese 6 insolvenze imprese 6

Un limone completamente spremuto: dopo un anno di Covid, il sistema italiano delle aziende non ha più risorse, e se la ripresa economica non arriva presto, assisteremo a fallimenti a catena, e non basteranno né i sostegni né i ristori a evitare il disastro. Dal Rapporto 2021 dell' Istat sulla competitività dei settori produttivi risulta che solo l' 11% delle aziende è classificabile come «solido», mentre il 45% appare «strutturalmente a rischio» e il 44% risulta comunque «fragile», pur resistendo (con grande fatica).

 

azienda azienda

A causa del lockdown il valore aggiunto (che è quello su cui si reggono le imprese, e in definitiva lo scopo della loro esistenza e del loro funzionamento) è diminuito dell' 11,1% nell' industria, dell' 8,1% nei servizi, del 6,3% nelle costruzioni e del 6,0% nell' agricoltura.

La paralisi dei viaggi ha massacrato tutte le attività legate ( in modo diretto o indiretto) al turismo: la quota dei titolari di impresa che segnalano seri rischi di chiusura è particolarmente elevata nelle agenzie di viaggio (oltre 73%), in quelle impegnate in attività artistiche o di intrattenimento (oltre 60%), nel trasporto aereo (59%) e nella ristorazione (55%).

 

insolvenze imprese 3 insolvenze imprese 3

Quanto al comparto industriale, risultano in particolare difficoltà le aziende della filiera della moda: abbigliamento (oltre il 50%), pelli (44%), tessile (35%); questo perché ci sono state meno occasioni di uscire con gli abiti nuovi, e la voce di spesa corrispondente è stata fra le prime a essere tagliata.

 

La crisi ha colpito soprattutto le imprese piccole e piccolissime, che hanno subìto un crollo della domanda interna e della liquidità; inoltra la pandemia ha esasperato le divisioni territoriali, anche a causa di misure di contenimento che sono state prese su base regionale. In 11 Regioni, si legge nel Rapporto dell' Istat, «la metà o più delle imprese presenta almeno due di tre criticità che le denotano a rischio alto o medio-alto: riduzione di fatturato, seri rischi operativi e nessuna strategia di reazione alla crisi».

 

fallimento imprese 1 fallimento imprese 1

Sette di queste Regioni sono nel Mezzogiorno, una al Nord e tre nel Centro Italia. Una diversa classificazione, basata su un indicatore territoriale di «rischio combinato» (sintesi del rischio per imprese e addetti), mostra sei Regioni hanno un tessuto produttivo ad alto rischio, e cinque di esse appartengono al Mezzogiorno, (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania e Sardegna) e una al Centro (Umbria) mentre le sei a rischio basso sono tutte nell' Italia settentrionale: Piemonte, Liguria, Lombardia, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia e Provincia di Trento).

 

Condividi questo articolo

business

MARCHI, CONTRATTI E POST: L'IMPERO DI CHIARA FERRAGNI VALE QUASI 20 MILIONI DI EURO DI FATTURATO - I SUOI 23,3 MILIONI DI FOLLOWER SU INSTAGRAM VALGONO ALMENO 50 MILA EURO PER UN POST SUI SOCIAL NETWORK - QUESTE ATTIVITÀ FANNO CAPO ALLA “SISTERHOOD”, SRL MILANESE DELLA QUALE CHIARA HA IL 99% MENTRE IL RESTANTE 1% È SUDDIVISO TRA LA SORELLA VALENTINA E FABIO MARIA DAMATO, AMMINISTRATORE UNICO DELLA SOCIETÀ NONCHÉ MANAGER DELLE ATTIVITÀ DELLA FERRAGNI - E POI C’E’ LA “TBS CREW”, CHE GESTISCE TRA LE ALTRE COSE IL SITO “THE BLONDE SALAD”

IL MUTUO, IL REDDITO E IL PATRIMONIO DI DRAGHI: L’ANALISI VELENOSA DI “STARTMAG” - “ENTRO IL 13 MAGGIO, DRAGHI DOVRÀ PRESENTARE LA SUA SITUAZIONE PATRIMONIALE E REDDITUALE E SI CAPIRÀ QUALE SIA STATO IL REGIME FISCALE DA LUI SCELTO DURANTE GLI ANNI IN GOLDMAN SACHS A LONDRA. SONO STATI TASSATI NEL REGNO UNITO O HA MANTENUTO LA RESIDENZA FISCALE IN ITALIA? MOLTI BANCHIERI VOGLIONO COMPRENDERE, NEL CASO DI ATTIVITÀ FINANZIARIE ALL’ESTERO IN QUALITÀ DI RESIDENTE FISCALE IN ITALIA, L’EVIDENZA FORNITA NEL QUADRO RW DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI O SE ABBIA FATTO RICORSO A…”