IL "BULLONAIRE" NON BALLA PIÙ: FLAVIO BRIATORE STA PER VENDERE IL BILLIONAIRE E IL TWIGA A UN FONDO AMERICANO. IL PREZZO? 180 MILIONI DI EURO - ENTRAMBI SONO PROPRIETA' DEL GRUPPO MAJESTAS, HOLDING LUSSEMBURGHESE CHE NE HA PRESO LA GESTIONE E CHE È STATA FONDATA DA BRIATORE, DI CUI NE CONTROLLA IL 50% - L’ALTRA METÀ È POSSEDUTA DALLA FAR EAST LEISURE, UNA SOCIETÀ LUSSEMBURGHESE CHE FA CAPO PER IL 66,75% ALL’IMPRENDITORE ROMANO FRANCESCO COSTA...

-

Condividi questo articolo


Estratto da www.ilgiornaleditalia.it

 

GIORGIA MELONI AL TWIGA CON FLAVIO BRIATORE GIORGIA MELONI AL TWIGA CON FLAVIO BRIATORE

Flavio Briatore sarebbe vicino alla firma per la vendita del Billionaire e di Twiga a un fondo americano: secondo i rumors raccolti da Il Giornale d'Italia, la divisione luxury – incorporata da Majestas – verrà venduta per un prezzo che si aggira intorno alla cifra di 180 milioni di euro. Le proiezioni di bilancio 2023 non ancora pubblicate vedrebbero i ricavi a circa 100 milioni di euro e un EBITDA di circa 25 milioni di euro, includendo Crazy Pizza.

 

Considerando il deconsolidamento di Crazy Pizza e l'indebitamento netto, il multiplo della vendita si attesterebbe a circa 20, trattandosi del settore "Luxury". Alle porte di Majestas si erano affacciate altre realtà tra cui un operatore turco, un operatore francese e un operatore degli Emirati Arabi Uniti (Dubai e Abu Dhabi).

 

Attualmente non sono note le motivazioni che potrebbero aver spinto l’imprenditore piemontese a cedere tutte le sue quote dei due marchi. Da escludere tra queste il suo recente problema di salute che lo ha portato a subire un intervento al cuore - Il giornale d'Italia ne aveva negli scorsi giorni - in quanto le trattative per la vendita sarebbero iniziate già prima della scoperta della malattia.

billionaire billionaire

 

D'altro canto, bisogna tener conto che le sue attuali condizioni di salute potrebbero suscitare un'accelerazione del processo di vendita. Certo è che non rientra nelle sue attuali intenzioni, invece, la vendita del terzo brand del Gruppo Majestas: Crazy Pizza. […]

 

Billionaire e Twiga fanno parte del Gruppo Majestas - holding lussemburghese leader internazionale nel settore della ristorazione e hospitality di lusso - che ne ha preso la gestione e che è stato fondato proprio da Briatore. Il Gruppo Majestas è proprietario oltre che dei marchi Billionaire e Twiga, anche di Crazy Pizza e ha le licenze per Montecarlo di due iconici brand, Cova Monte Carlo e Cipriani. Briatore controlla il 50% di Majestas, l’altra metà è posseduta dalla Far East Leisure, una società lussemburghese che fa capo per il 66,75% all’imprenditore romano Francesco Costa.

massimo boldi e daniela santanche al twiga - ferragosto 2023 massimo boldi e daniela santanche al twiga - ferragosto 2023

 

Billionaire è un marchio di proprietà degli imprenditori Philipp Plein e Flavio Briatore, fondato nel 1998 da Briatore e dall'ex portiere della Juve Giancarlo Alessandrelli. Già nel 2012 Briatore ne aveva annunciato la chiusura, salvo poi riaprire l'anno seguente quando il marchio Billionaire è stato venduto alla società Bay Capital che fa capo alla Far East Leisure, con sede a Singapore. Il marchio Billionaire è nato da un’idea di Flavio Briatore, che aveva l’obiettivo di creare un nightclub che potesse riportare il glamour in Costa Smeralda, in Sardegna. Il club creato da Briatore a Porto Cervo, meta prediletta del jet set internazionale, è diventato famoso in tutto il mondo.

 

Successivamente, il marchio è stato esteso anche a linea di abbigliamento da uomo e alla gestione di eventi di lusso. Oltre alla sede di Porto Cervo, Flavio Briatore ha anche inaugurato i “Billionaire” di Cortina d’Ampezzo (2005, per la stagione invernale), Monte Carlo (2008-2015, all’interno dell’Hotel Fairmont in occasione del Gran Premio di maggio), Istanbul (2011, ormai chiuso), Marbella (2012), Bodrum (2012), Baku (2016), Dubai (2016), Riyadh (2021), Doha (2022).

 

billionaire billionaire

Il Twiga è uno stabilimento balneare di proprietà dell’imprenditore Flavio Briatore diventato negli anni ritrovo di politici e celebrità del mondo dello sport e dello spettacolo, che ne hanno fatto lo scenario di molte storie; gli stabilimenti italiani si trovano a Marina di Pietrasanta, in provincia di Lucca e sulla costa toscana della Versilia, a pochi chilometri da Forte dei Marmi. Altri sono presenti all'estero, tra cui: Montecarlo, Londra e Doha, capitale del Qatar.

 

I prezzi del Twiga sono noti per essere molto al di sopra della media. Una “tenda” con un divano, due letti, due lettini, un tavolino e una sedia può arrivare a costare 600 euro al giorno nel mese di agosto (lo stabilimento ha in totale 45 tende disponibili). Anche i prezzi del menù non sono economici, e in generale è uno stabilimento considerato di lusso. La società che lo gestisce, la Twiga Srl, è stata fondata nel 2001.

flavio briatore leni klum foto di chi 6 flavio briatore leni klum foto di chi 6

 

Majestas possiede il 56,9% di Twiga Srl e alla fine del 2022 Briatore ha acquistato per 1,4 milioni di euro dal ministro del Turismo Daniela Santanché - dopo non poche polemiche di cui Il Giornale d'Italia aveva parlato durante un'intervista a Briatore dopo la nomina della ministra - una quota dell’11,025% di Twiga (lei possedeva una quota del 22,05%, una metà è andata a Flavio Briatore, l'altra metà, sempre l'11,025%, è stata acquistata dal compagno della stessa ministra del governo Meloni, Dimitri Kunz d’Asburgo Lorena) diventando così l’azionista di maggioranza della società. […]

billionaire porto cervo 1 billionaire porto cervo 1 BRIATORE AL BILLIONAIRE BRIATORE AL BILLIONAIRE santanchè twiga santanchè twiga billionaire mansion dubai billionaire mansion dubai flavio briatore al billionaire flavio briatore al billionaire leni klum foto di chi 8 leni klum foto di chi 8

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?