"RITENIAMO CHE IL SETTORE BANCARIO CINESE POSSA DIGERIRE UN DEFAULT DI EVERGRANDE SENZA INTERRUZIONI SIGNIFICATIVE" - SE CREDETE ANCORA ALLE PREVISIONI FINANZIARIE, SEGNATEVI LE PAROLE DI STANDARD & POOR'S: "IL GOVERNO CINESE NON FORNIRÀ ALCUN SUPPORTO DIRETTO AL GRUPPO EVERGRANDE. RITENIAMO CHE PECHINO SAREBBE COSTRETTA A INTERVENIRE SOLO SE CI FOSSE UN CONTAGIO DI VASTA PORTATA CHE CAUSASSE IL FALLIMENTO DI MOLTI IMPORTANTI SVILUPPATORI PONENDO RISCHI SISTEMICI ALL'ECONOMIA"

-

Condividi questo articolo


Evergrande Cina Evergrande Cina

(ANSA) - Il governo cinese non fornirà "alcun supporto diretto al gruppo Evergrande. Riteniamo che Pechino sarebbe costretta a intervenire solo se ci fosse un contagio di vasta portata che causasse il fallimento di molti importanti sviluppatori ponendo rischi sistemici all'economia".

 

Standard & Poor's, in una nota, ha rilevato che "gli effetti negativi diretti di Evergrande sui progetti di altri importanti player sarebbero gestibili, anche in uno scenario predefinito", mentre le banche sarebbero in grado di gestire il colpo. L'agenzia di rating Usa, inoltre, ha tagliato il giudizio di Sinic Holdings Group a 'CCC', con outlook negativo.

 

Evergrande Cina 2 Evergrande Cina 2

"Riteniamo che il settore bancario cinese possa digerire un default di Evergrande senza interruzioni significative, anche se siamo consapevoli dei potenziali effetti a catena", ha aggiunto nella nota l'agenzia di rating Usa che, in precedenza, aveva affermato che l'indebitamento di Evergrande "sarà probabilmente smontato" insieme alla vendita di asset.

 

Evergrande manifestazione Evergrande manifestazione

Giovedì, Standard & Poor's aveva tagliato il rating su Evergrande, portandolo a 'CC' e con outlook negativo, a causa "dell'estremamente alto rischio di non pagamento" del debito nei tempi dovuti. La mossa si era aggiunta alle analoghe misure decise nei giorni scorsi da Moody's e Fitch, sempre in base a un quadro in forte e rapido deterioramento.

 

Condividi questo articolo

business

UN BEL BOTIN PER ORCEL - L’EX PRESIDENTE DI UBS AXEL WEBER E IL CAPO DELLA BANCA SVIZZERA, MARK SHELTON, HANNO TESTIMONIATO DAVANTI AI GIUDICI DI MADRID SUL CASO DEI BONUS NON PAGATI DAL BANCO SANTANDER AD ANDREA ORCEL. I DUE NON HANNO POTUTO CHE CONFERMARE CIÒ CHE AVEVANO GIÀ DETTO PIÙ VOLTE, CIOÈ CHE UBS AVEVA AVVISATO IL SANTANDER CHE NON AVREBBERO PAGATO LORO QUEI BONUS - ORCEL ORA INCASSERÀ IL DOVUTO, SI PARLA DI 76 MILIONI DI EURO. E ANA BOTIN? GLI AZIONISTI POTRANNO CONFERMARE UN PRESIDENTE SMENTITO DI FRONTE A TUTTO IL MONDO?

LA MILANO DI MEDIOBANCA HA SCHIFATO DEL VECCHIO E LUI CI RIPROVA A ROMA - IL “PAPERONE DI AGORDO” È PRONTO A DONARE 150 MILIONI PER IL RISANAMENTO DEGLI OSPEDALI CATTOLICI DELLA CAPITALE - UNA PRIMA INIEZIONE DI LIQUIDITÀ DA 25 MILIONI SAREBBE DESTINATA ALLA RISTRUTTURAZIONE DEL FATEBENEFRATELLI, PER IL QUALE È IN ATTO DA MESI UNA TRATTATIVA TRA LA CHIESA E IL GRUPPO SAN DONATO DELLA FAMIGLIA ROTELLI - PER DEL VECCHIO SAREBBE UNA RIVINCITA DOPO NON ESSERE RIUSCITO A PRENDERE IL CONTROLLO DELLO IEO DI MILANO...

ORA CHE LE ELEZIONI SONO ANDATE, SI PUÒ FINALMENTE CELEBRARE IL MATRIMONIO UNICREDIT-MPS. PECCATO CHE LA TRATTATIVA SIA A UN PUNTO MORTO: ORCEL VUOLE CHIUDERE ENTRO IL 27 OTTOBRE, MA C’È ANCORA DA TROVARE UN ACCORDO SULLA "DOTE" E SUI SOLDI CHE IL GOVERNO DOVREBBE INIETTARE NEL MONTE PER RENDERE NEUTRALE L’OPERAZIONE PER UNICREDIT. MESI FA SI PARLAVA DI UN AUMENTO DI CAPITALE DI 3 MILIARDI MASSIMO, ORA IL TESORO SAREBBE PRONTO AD ARRIVARE A 5 (MA SECONDO ORCEL NON BASTA) - IL GIALLO DELLA PROROGA PER L’USCITA DEL TESORO DAL CAPITALE...