UN RICICLAGGIO DELLA MADONNA - NEL 2019 L’AUTORITÀ DI INFORMAZIONE FINANZIARIA DEL VATICANO HA RICEVUTO 64 SEGNALAZIONI DI ATTIVITÀ SOSPETTE E HA DISPOSTO 4 MISURE PREVENTIVE E DUE ISPEZIONI ALLO IOR – IL DIRETTORE SCHLITZER: “LA MAGGIORANZA DEI POTENZIALI REATI COINVOLTGONO SOGGETTI STRANIERI PER FRODE INTERNAZIONALE E…"

-

Condividi questo articolo

 

GIUSEPPE SCHLITZER GIUSEPPE SCHLITZER

 

(ANSA) - L'Autorità di Informazione Finanziaria del Vaticano ha ricevuto nel 2019 64 segnalazioni di attività sospette, di cui 55 dagli enti vigilati e 4 da Autorità della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano.

 

 Ha disposto 4 misure preventive, incluso il blocco di 1 conto corrente. Ha inoltre trasmesso 15 Rapporti all'Ufficio del Promotore di Giustizia, confermando il trend di crescita nella proporzione tra Rapporti inviati e segnalazioni ricevute. E' quanto si legge nel Rapporto Aif 2019

 

papa Bergoglio papa Bergoglio

Nel 2019, l'Autorità di Informazione Finanziaria del Vaticano ha dunque disposto 4 misure preventive: 3 sospensioni di transazioni e operazioni per complessivi 240.000 euro e il blocco di 1 conto per 178.970,65 euro "a conferma del consolidamento del rigoroso approccio preventivo nel contrasto di potenziali attività sospette".

 

E' quanto si legge nel Rapporto Aif 2019. In ambito vigilanza, sono state condotte - si legge ancora nel Rapporto - due ispezioni in loco presso lo Ior. La prima, nel mese di giugno, mirata a una verifica di conformità tecnica al quadro legislativo e regolamentare vigente in materia di servizi di pagamento, nonché della sussistenza di tutti i requisiti necessari per l'adesione dell'Istituto agli schemi di pagamento Sepa.

 

VATICANO, SEDE IOR VATICANO, SEDE IOR

La seconda, nel mese di agosto, mirata alla verifica di conformità in materia di prevenzione e contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo, nonché dell'efficace funzionamento delle misure e presidi adottati. In generale "la maggioranza dei potenziali reati di natura finanziaria - sottolinea il direttore dell'Aif Giuseppe Schlitzer - sullo sfondo coinvolgono soggetti stranieri o condotte intraprese in, o in connessione con, giurisdizioni estere. I principali potenziali reati presupposto sono frode internazionale, inclusa frode fiscale, e appropriazione indebita".

vaticano vaticano archivio vaticano archivio vaticano barboni in vaticano 2 barboni in vaticano 2 san pietro vaticano coronavirus san pietro vaticano coronavirus

 

Condividi questo articolo

business