L’EPIDEMIA NON È UGUALE PER TUTTI - TRA MARZO E APRILE SI SONO PERSI 400 MILA POSTI DI LAVORO MA LE IMPRESE FARMACEUTICHE, DI SANIFICAZIONE E LE LAVANDERIE INDUSTRIALI LAVORAVANO A PIENO RITMO E ASSUMEVANO - TIM HA IN CANTIERE 600 ASSUNZIONI, SIA PURE NELL'AMBITO DEI CONTRATTI DI ESPANSIONE: “IL COVID HA ACCELERATO IL PROCESSO DI DIGITALIZZAZIONE DEL PAESE E LA RICHIESTA DI SERVIZI DIGITALI”

-

Condividi questo articolo

Rosaria Amato per “la Repubblica”

 

menarini menarini

Quattrocentomila posti di lavoro persi tra marzo e aprile, un numero mai visto in Italia in un periodo di tempo così breve. Eppure, proprio nel periodo più buio del lockdown, le imprese farmaceutiche e di sanificazione e le lavanderie industriali lavoravano a pieno ritmo, Confagricoltura, Coldiretti e Cia facevano partire in fretta i loro portali per la ricerca di stagionali, sperando di trovare così i 200 mila braccianti che mancavano all'appello, diverse società di servizi assumevano.

 

sanificazione aereo sanificazione aereo

E per i sei mesi che ci aspettano, la buona notizia è che i concorsi della pubblica amministrazione sono partiti davvero stavolta, e che molte aziende sono disposte ad assumere, addirittura 6 su 10 se si parla delle grandi, assicura l'Istat: «Le aziende che prevedono un effetto espansivo dell'emergenza Covid-19 sull'attività dell'impresa si concentrano in alcuni settori - conferma il direttore del Dipartimento per la produzione statistica dell'Istat Roberto Monducci -. Diverso è il quadro delle iniziative proattive che le imprese prevedono di mettere in campo entro il 2020 e che coinvolgono circa il 30% delle imprese con almeno 3 addetti (oltre 300 mila unità, con un'occupazione di poco meno di 6 milioni di addetti).

 

Strategie attive di reazione all'emergenza economico-sanitaria sono previste da 6 grandi imprese su 10, con un'incidenza che tende a diminuire con la dimensione aziendale e che nella fascia delle microimprese coinvolge 3 aziende su 10». I settori maggiormente orientati ad assumere sono prevalentemente nei servizi (assicurazioni, attività di ricerca di personale, attività ausiliare dei servizi finanziari, ICT); mentre nell'industria spicca la farmaceutica.

sanificazione chiesa sanificazione chiesa

 

«Noi siamo un settore che non ha mai vissuto la fase 1 - spiega il presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi - siamo arrivati direttamente alla fase 2: non ci siamo mai fermati, non potevamo far mancare i farmaci alle persone malate, e non solo di Covid. Le nostre industrie sono quelle che in assoluto hanno perso meno ore. Non ho ancora le proiezioni sulle nuove assunzioni: so di alcune aziende, come la Menarini, che ha annunciato l'apertura di un nuovo stabilimento in Toscana con 250 posti di lavoro. Posso dire che però negli ultimi 5 anni i nostri addetti sono aumentati del 10% contro una media industriale del 5%».

 

sanificazione all'istituto privato centro studi pablo neruda di roma 2 sanificazione all'istituto privato centro studi pablo neruda di roma 2

Chi invece una previsione l'ha già fatta è l'Anip, associazione confindustriale che raggruppa le imprese di pulizia: «Secondo un'indagine del Cresme - dice il presidente Lorenzo Mattioli - in Italia con le nuove disposizioni anti-Covid le superfici che vanno sanificate sono arrivate a 2000 milioni di metri quadrati. Anche calcolando una spesa minima di 1,20 a metro quadro, si arriva ad almeno due miliardi e mezzo. Le nostre imprese hanno già avuto un incremento di richieste del 70%, e le agenzie di lavoro interinale ci dicono che il 40% dei neoassunti sono anche disposti a cambiare città. Le assunzioni quest' anno cresceranno del 15%, su una platea di 556.000 lavoratori ».

 

CORONAVIRUS - SANIFICAZIONE CORONAVIRUS - SANIFICAZIONE

Tengono anche le telecomunicazioni: Tim per esempio ha in cantiere 600 assunzioni, sia pure nell'ambito dei contratti di espansione. «Pur nelle difficoltà - spiega il direttore di Asstel Laura Di Raimondo - prima del lockdown il nostro settore stava già investendo nel capitale umano. Dobbiamo prendere atto che il Covid ha accelerato il processo di digitalizzazione del Paese e la richiesta di servizi digitali».

 

Assunzioni aperte anche in molte aziende dell'agroalimentare: proseguono per esempio i colloqui alla Bonduelle nei settori marketing, sviluppo e supply chain, anche se la situazione del settore, spiega il presidente di Federalimentare Ivano Vacondio, è a macchia di leopardo: «È abbastanza fastidioso leggere che il nostro settore è andato benissimo, perché anche noi abbiamo perso il 30% del fatturato a causa dello stop della ristorazione. Certo, ci sono comparti come quello della pasta che sono andati benissimo, ma altri hanno fatto ampio ricorso alle ferie e alla cassa integrazione».  

 

 

Condividi questo articolo

business

SOTTO LA BANCA - LADY MORATTI CI TIENE ALLA SUA PRESIDENZA DI UBI, FA IL COMPITINO SUL ‘’CORRIERE’’ E NON TROVA DI MEGLIO CHE ESALTARE LE AGGREGAZIONI “AMICHEVOLI E CONCORDATE”. QUELLE DOVE MAGARI SI CONTINUAVA A NASCONDERE LA POLVERE SOTTO I TAPPETI DELLE CAYMAN NELLE FINANZIARIE OFFSHORE TIPO PARVUS? OPPURE QUELLE OPERAZIONI FATTE ATTRAVERSO UBI INTERNATIONAL, FINO ALL'ESPLOSIONE DELLO SCANDALO DEI PANAMA PAPERS CHE HA COSTRETTO UBI A VENDERE LA SUA DIVISIONE LUSSEMBURGHESE?– TANTO CHE CI SIAMO, PERCHÉ LADY MESTIZIA NON CHIARISCE IL RUOLO DELLA SARAS, LA SOCIETÀ PETROLIFERA DEI MORATTI CHE HA FATTO OPERAZIONI SUL GREGGIO ''ESTERO SU ESTERO'' ATTRAVERSO UBI?