C’E’ GROSSA CRISI! - GOLDMAN SACHS TAGLIA IL BONUS ALL'AD DAVID SOLOMON: MENO 30%, DA 35 MILIONI DI DOLLARI A 25 MILIONI, PER IL 2022 - PESA IL CALO DEGLI UTILI (-48% RISPETTO AL 2021) E DELLE ENTRATE – MA NON SARA’ L’UNICO “PURGATO”: DA BANK OF AMERICA A WELLS FARGO, PASSANDO PER CITI E J.P. MORGAN, LE SFORBICIATE ALLE REMUNERAZIONI SONO LA NUOVA NORMALITÀ. E IL 2023 POTREBBE ESSERE ANCORA PIÙ SEVERO PER I BANCHIERI…

-

Condividi questo articolo


F.Gor. per “la Stampa”

 

David Solomon 2 David Solomon 2

Vietato chiamarla austerity, anche se di quello di tratta. Il 2023 di Wall Street si apre all'insegna dei tagli a bonus e stipendi. L'ultimo in ordine temporale a subirlo è David Solomon, amministratore delegato di Goldman Sachs. Meno 30%, da 35 milioni di dollari a 25 milioni, per il 2022. Pesa il calo degli utili, meno 48% rispetto al 2021, ma anche le entrate, meno 20 per cento. Non sarà il solo.

 

Da Bank of America a Wells Fargo, passando per Citi e J.P. Morgan, le sforbiciate alle remunerazioni sono la nuova normalità. E, come avverte LinkedIn, il 2023 potrebbe essere ancora più severo per i banchieri. Il rialzo dei tassi d'interesse da parte delle banche centrali, l'inflazione e le incertezze geopolitiche fanno sentire il loro peso anche nella grande finanza.

 

David Solomon David Solomon

Nel caso di Solomon, l'ultimo pacchetto retributivo ha previsto un stipendio base di 2 milioni di dollari, un bonus in contanti da 6,9 milioni e un premio in azioni della banca pari a 16,1 milioni, legato alla performance aziendale. A conti fatti, si tratta di un taglio di un terzo rispetto a quanto elargito nel 2021 ante guerra in Ucraina. Simili operazioni sono previste dall'intero comparto finanziario. Difficile, secondo la società di risorse umane statunitense Adp, che si torni in fretta ai livelli del 2019.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI