L’UE TARPA LE ALI AL MATRIMONIO ITA-LUFTHANSA – DOPO AVER IMPOSTO LA CESSIONE DELL’EX ALITALIA, ORA BRUXELLES STA CERCANDO IN OGNI MODO DI OSTACOLARE L’OPERAZIONE, TRAMITE PALETTI ASSURDI E PRETESTUOSI (UNO FRA TUTTI: IL CONTEGGIO DEGLI SCALI). IL GOVERNO ITALIANO È PREOCCUPATO SOPRATTUTTO DALLA RIGIDITÀ DELLA COMMISSARIA VESTAGER, SEMPRE PRONTA A DIFENDERE GLI INTERESSI DI AIR FRANCE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Giuliano Balestreri per “la Stampa”

 

margrethe vestager margrethe vestager

Per volare da Torino a Bruxelles, con Ita Airways, c'è una sola opzione: fare scalo a Fiumicino. Dall'aeroporto romano, poi, si decolla verso la capitale belga, sede delle istituzioni europee. Quello del capoluogo piemontese è un problema che accomuna quasi tutte le città italiane, ma ora – per i conteggi dell'Antitrust Ue – rischia di diventare un incubo anche per Ita e Lufthansa che da due anni sta cercando di rilevare l'ex Alitalia.

 

L'Unione europea vuole evitare che una qualsiasi decisione venga impugnata e quindi sta analizzando con attenzione il mercato dei cieli. A preoccupare il Mef, quanto Lufthansa, però, è la rigidità con cui la commissaria Marghrethe Vestager sta gestendo il dossier.

 

ita airways 2 ita airways 2

Per esempio non convince le parti il mondo in cui vengono considerati gli scali: nel caso del Torino-Bruxelles, la tratta Roma-Bruxelles si somma ai voli che partono dalla capitale, come se fosse un viaggio a se stante, ma – si lamenta chi è vicino al dossier – «sarebbe impossibile collegare tutte le città senza scali. E, soprattutto, non avrebbe alcun senso economico».

 

ITA AIRWORTH - MEME BY EMILIANO CARLI ITA AIRWORTH - MEME BY EMILIANO CARLI

Il problema si pone anche a livello internazionale. Per calcolare il peso di Lufhtansa nei cieli, la Commissione europea ha deciso di prendere in considerazione anche le rotte di Air Canada e United Airlines: una compagnia canadese e il secondo vettore americano, che sono semplici partner commerciali dei tedeschi attraverso Star Alliance. Un approccio mai utilizzato prima che ha scoperto 60 tratte intercontinentali su cui le tre compagnie avrebbero una sovrapposizione indiretta. E, soprattutto, secondo Bruxelles sarebbe lesiva della concorrenza. […]

 

LUFTHANSA LUFTHANSA

Se sul fronte della cessione degli slot di Linate, dove Ita e Lufthansa hanno circa il 67% del mercato, le due compagnie non hanno intenzione di fare resistenza, sul conto delle tratte sono pronte a fare le barricate. Anche perché il consolidamento del settore serve proprio a ottimizzare le spese.

 

Per il momento i tedeschi non hanno alcune intenzione di tirarsi indietro e aspettano il 6 giugno, data indicata dalla Commissione Ue, per capire cosa accadrà. […]

 

Di certo a tifare contro il matrimonio italo-tedesco c’è Air France che teme da sempre la ramificazione di diversi voli di linea diretti da diversi centri nevralgici dell'Europa. Motivo per cui a più riprese ha messo nel mirino prima Alitalia e poi Ita.

 

margrethe vestager margrethe vestager

La trattativa per Ita, però, è naufragata sotto la procedura europea […] per aiuti di Stato durante la pandemia Covid. «La sensazione – si lascia scappare una fonte vicina al dossier – è che oggi a Bruxelles pesino di più le preoccupazioni di Air France che gli interessi di Roma e Berlino […]». Peraltro nel momento della candidatura di Vestager alla Bei, la tensione con il Tesoro è arrivata ai massimi livelli, quando l'esecutivo tricolore ha deciso di non appoggiare la danese.

 

[…]   A maggio 2023 è arrivato l'accordo tra il Mef, azionista al 100% della newco nata dalle ceneri dell'ex compagnia di bandiera, e Lufthansa: con un aumento di capitale riservato da 325 milioni di euro, il vettore salirà al 41% e avrà diritto a nominare due dei cinque consiglieri d'amministrazione, tra cui l'ad. Il Tesoro ne avrà tre, compreso il presidente.

ita airways 1 ita airways 1 LUFTHANSA LUFTHANSA margrethe vestager 2 margrethe vestager 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)