SAMBA PA TIM – LA SOCIETÀ ITALIANA DI TELECOMUNICAZIONI SI È AGGIUDICATA LE ATTIVITÀ MOBILI DI “OI” INSIEME A “VIVO-TELEFONICA” E ALLA MESSICANA “CLARO” E DIVENTA IL SECONDO OPERATORE TELEFONICO IN BRASILE – A “TIM BRASIL” SARANNO ASSEGNATI 14,5 MILIONI DI CLIENTI E 7.200 SITI DI ACCESSO MOBILE…

-

Condividi questo articolo

A.G. per “il Messaggero”

 

oi brasil 3 oi brasil 3

Tim cresce in Brasile. Insieme a Vivo-Telefonica e alla messicana Claro, la società guidata da Luigi Gubitosi si è aggiudicata le attività mobili di Oi, il primo operatore di telefonia fissa e il quarto in assoluto nel Paese sudamericano. Il valore complessivo dell' operazione ammonta a 2,7 miliardi e l' apporto di Tim Brasil è di 1,2 miliardi.

vivo claro oi tim vivo claro oi tim

 

Considerato il basso indebitamento e le favorevoli condizioni di mercato, la controllata brasiliana del gruppo guidato da Gubitosi ritiene di finanziare l' acquisizione facendo ricorso alla cassa e al mercato del debito locale.

luigi gubitosi foto di bacco luigi gubitosi foto di bacco

 

Alla luce dell' asta che si è tenuta nel settimo tribunale commerciale di Rio de Janeiro, le tre compagnie telefoniche si ripartiranno gli asset mobili di Oi, che nel giugno 2016 aveva presentato istanza di protezione dal fallimento. In particolare le tre società si divideranno i clienti, le radio-frequenze e l' infrastruttura.

 

In base alle norme antitrust locali e ai dati Anatel (l' agenzia nazionale carioca delle tlc), a Tim Brasil saranno assegnati 14,5 milioni di clienti (pari al 40% degli utenti di Upi Ativos Móveis), 49 megaherz come media nazionale ponderata per popolazione (il 54% delle frequenze radio dell' operatore brasiliano) e 7.200 siti di accesso mobile, equivalenti al 49% dei siti di Upi Ativos Móveis.

tim brasil 1 tim brasil 1

 

LE CONSEGUENZE

In questo modo Oi sparirebbe dal mercato della telefonia mobile e rimarrebbe solo come operatore di telefonia fissa. Cambierebbero anche le quote di mercato delle tre società: Tim passerebbe dal 23 al 32% diventando il secondo operatore, Vivo dal 33 al 37% e Claro dal 26 al 29%.

 

L' offerta vincolante era stata presentata a luglio e ai tre acquirenti era stato riconosciuto il diritto di pareggiare eventuali altre offerte. Secondo l' azienda italiana, l' operazione «porterà valore non solo alla sua controllata in Brasile, ma anche a tutto il gruppo e ai suoi azionisti perché permetterà di accelerare la crescita e aumentare l' efficienza operativa attraverso sinergie rilevanti».

 

luigi gubitosi nel 2008 luigi gubitosi nel 2008

Con l' acquisizione si attendono benefici per tutto il settore delle telecomunicazioni in Sud America, che si rafforzerà in termini di capacità di investimento, innovazione tecnologica e competitività. Il perfezionamento dell' operazione, previsto nel corso del 2021, è soggetto al verificarsi di alcune condizioni sospensive previste negli accordi e alle autorizzazioni delle Autorità competenti.

 

L' asta è la seconda relativa ai beni di Oi, in base al piano di riorganizzazione giudiziaria della società, iniziato nel 2018. La prima si è tenuta il 26 novembre e ha riguardato le torri telefoniche e il data center: acquisiti rispettivamente per 172 milioni di euro da Highline do Brasil, controllata dal gruppo di private equity americano Digital Colony, e per 52 milioni da Titan Venture Capital.

tim brasil tim brasil LUIGI GUBITOSI FRANCESCO STARACE LUIGI GUBITOSI FRANCESCO STARACE OI BRASILE OI BRASILE oi brasil oi brasil oi brasil2 oi brasil2 tim brasil 2 tim brasil 2 oi brasil 1 oi brasil 1 oi brasil oi brasil oi brasil oi brasil

 

Condividi questo articolo

business

UNICREDIT, UNICAOS - TOH, VUOI VEDERE CHE PIERCARLETTO PADOAN, NON ANCORA PRESIDENTE IN CARICA DI UNICREDIT, RISCHIA UNA BRUTTA SCONFITTA? LA CANDIDATURA CHE STA PRENDENDO VELOCITÀ IN QUESTE ORE, PER OCCUPARE IL POSTO DEL DIMISSIONARIO MUSTIER, È QUELLA DI ANDREA ORCEL CHE È SUPPORTATA PRINCIPALMENTE DA DEL VECCHIO, CARIVERONA E CASSA RISPARMIO TORINO. SÌ, PROPRIO I TRE AZIONISTI DI UNICREDIT CHE SI SONO MESSI DI TRAVERSO ALLA FUSIONE CON MONTE DEI PASCHI DI SIENA, CHE E' IL MOTIVO PER CUI IL PD AVEVA SPEDITO A PIAZZA GAE AULENTI PADOAN…

UNICREDIT, UNICAOS – SI PARTE DAL CONFLITTO TRA MICOSSI E PADOAN, SI CONTINUA CON IL CANDIDATO CEO ANDREA ORCEL, SPINTO DA CONSIGLIERE DIEGO DE GIORGI, SI PROSEGUE CON LA ROGNA DELLA FUSIONE CON MPS, CHE VEDE L’OPPOSIZIONE DEI 5STELLE E ORA ANCHE DI DEL VECCHIO - IL PATRON DI LUXOTTICA STA DIVENTANDO DAVVERO UN GROSSO PROBLEMA: SI È MESSO CONTRO NAGEL IN MEDIOBANCA, CONTRO DONNET IN GENERALI, CONTRO IL MEF SU MPS. IN QUESTO STALLO PERICOLOSO, BRILLA L’ASSORDANTE SILENZIO DI BANKITALIA