SAPETE QUALI SOLO LE ROTTE AEREE PIU’ REDDITIZIE AL MONDO? ECCO LE PRIME DIECI - OVVIAMENTE NESSUNA COINVOLGE L’ITALIA MA NEANCHE FRANCIA, GERMANIA O PECHINO - QUELLA CHE HA FRUTTATO PIU’ SOLDI, 1,15 MILIARDI DI DOLLARI TRA APRILE 2018 E APRILE 2019, NON È NEANCHE LA PIÙ TRAFFICATA…

-

Condividi questo articolo

Da www.lastampa.it

 

aereo 2 aereo 2

Ogni giorno i nostri cieli sono attraversati da migliaia di voli, ma solo alcune rotte sono più redditizie di altre e non sempre sono le più trafficate. La britannica OAG, azienda di consulenza nell'aviazione, ha stilato la classifica delle dieci rotte con i maggiori ricavi nel mondo tra aprile 2018 e 2019.

 

British Airways si distingue per aver guadagnato 1,15 miliardi di dollari per coprire i 5.554 chilometri che collegano Londra a New York. La compagnia vola dall’aeroporto di Heathrow al JFK fino a 15 volte al giorno e più della metà degli introiti di quel tragitto entra nelle casse dai posti di Prima classe o Business, che superano il 30%.

 

aereo 1 aereo 1

Al secondo posto della classifica c'è l'australiana Qantas Airways con la tratta Melbourne - Sydney, che le frutta oltre 861 milioni di dollari all'anno. Il servizio di Emirates che unisce Londra a Dubai è al numero 3, con più di 796 dollari di entrate totali.

 

Seguono nella lista:

Londra - Singapore di Singapore Airlines (735,6 dollari);

San Francisco - Newark di United Airlines (689.37 dollari);

Los Angeles - New York di American Airlines (661.74 dollari);

Londra - Doha di Qatar Airways (639.12 dollari);

Hong Kong - Londra di Cathay Pacific Airways (604.6 dollari);

Sydney - Singapore di Singapore Airlines (549.71 dollari);

Vancouver - Toronto di Air Canada (541.12 dollari).

 

Condividi questo articolo

business

BRAGANTINI REPLICA, DAGO RISPONDE – ‘’OBIETTO AL FATTO DI ESSER DIPINTO COME UOMO LEGATO AD UBI. HO DOVUTO PERFINO FAR CAUSA AD UBI. SEMMAI HO DEI LEGAMI PROFESSIONALI CON INTESA" – DAGO: ''A GIUDICARE DAL SUO ARTICOLO NON SI DIREBBE CHE LEI SI SIA LASCIATO IN MALO MODO CON UBI, ANZI SEMBRA CHE NE SUBISCA ANCORA IL RICHIAMO. EVIDENTEMENTE, NON HA MESSO UN SOLO MOTIVO FAVOREVOLE ALL’OPS DI INTESA SU UBI PROPRIO PERCHÉ HA DEI LEGAMI PROFESSIONALI ATTUALI, TRAMITE UNA SOCIETÀ DA LEI PRESIEDUTA, CON INTESA. ALTRIMENTI, QUALCHE MOTIVO FAVOREVOLE NON AVREBBE CERTO FATICATO A TROVARLO"

SALVATORE INTERESSATO - L’EX COMMISSARIO CONSOB BRAGANTINI, CHE OGGI SUL ‘’CORRIERE’’ SI SCHIERA CONTRO L’OPS DI INTESA SU UBI, PER CASO È LO STESSO SALVATORE BRAGANTINI CHE ERA AD DI CENTROBANCA, PRIMA CONTROLLATA E POI FUSA IN UBI NEL 2013? VUOI VEDERE CHE È LO STESSO BRAGANTINI CHE RICOPRIVA LA VICEPRESIDENZA DI IW BANK, ISTITUTO SOGGETTO ALL’ATTIVITÀ DI DIREZIONE DI UBI? CHISSÀ SE E’ SEMPRE LUI CHE, SOCIO DI ‘’PERMICRO’’, VENIVA SPONSORIZZATO DA UBI? - INFINE: TRA IL 2016 E IL 2017 È LUI IL VICEPRESIDENTE VICARIO DELLA FALLITA POPOLARE DI VICENZA DI ZONIN O MAGARI UN SUO OMONIMO?