SCAZZI VOLANTI – MICHAEL O'LEARY, FONDATORE E PROPRIETARIO DI RYANAIR, SPARA A ZERO SULL'ACCORDO TRA ITA-AIRWAYS E LUFTHANSA E ATTACCA L’UE: “AI TEDESCHI BRUXELLES CONCEDE TUTTO, A SCAPITO DI CHI INVESTE IN EUROPA” – I PIANI DELLA NUOVA COMPAGNIA ITALO-TEDESCA SONO MOLTO AMBIZIOSI, E RISCHIANO DI SOTTRARRE UNA GROSSA FETTA DI MERCATO ALLA LOW-COST IRLANDESE – LUFTHANSA VUOLE TRASFORMARE GLI SCALI ITALIANI IN HUB STRATEGICI: A PARTIRE DA FIUMICINO E MALPENSA...

-

Condividi questo articolo


DAGONOTA

michael o leary michael o leary

L’irritazione del proprietario di Ryanair, Michael O’Leary, per l’accordo tra Ita Airways e Lufthansa è legato al timore di vedersi scippare importanti quote di mercato in Europa. I tedeschi, che già dispongono di due importanti hub (Francoforte e Monaco di Baviera) hanno piani ambiziosi per l’ex Alitalia, basati sulla trasformazione degli scali italiani in aeroporti strategici.

 

Quello di Roma Fiumicino, ad esempio, dovrebbe diventare il principale snodo per le rotte verso Africa e Medio Oriente, con un 50% delle tratte riservate ai voli verso gli Stati Uniti. Milano Malpensa, di proprietà della Sea, è in trattativa per accogliere Emirates, mentre l’aeroporto di Linate sarà potenziato da Lufthansa. I nuovi piani della compagnia aerea guidata dall’ad, Carsten Spohr, avranno dei riflessi anche sui collegamenti Roma-Milano, che verranno ridursi i voli e aumentare i treni diretti tra le due città.

 

 

lufthansa lufthansa

ITA-LUFTHANSA, O'LEARY ATTACCA "A BERLINO L'EUROPA DICE SOLO SÌ"

Estratto dell'articolo di Luigi Grassia per “La Stampa”

 

Istrionico e sopra le righe come sua abitudine, Michael O'Leary, fondatore e proprietario della compagnia aerea "low cost" Ryanair, spara a zero colpendo nel mucchio la vecchia Alitalia, la nuova Ita Airways, la tedesca Lufthansa che se si sta comprando la compagnia italiana, e soprattutto attacca l'Unione europea che si appresta a autorizzare l'operazione, invisa a Ryanair perché minaccia di toglierle spazio di mercato.

 

ITA AIRWORTH - MEME BY EMILIANO CARLI ITA AIRWORTH - MEME BY EMILIANO CARLI

Secondo O'Leary la Commissione europea di Ursula von der Leyen è colpevole di «concedere tutto» al tandem franco-tedesco formato da Lufthansa e Air France, «a scapito di chi» (come lui) «continua a investire in Europa».

 

La critica di O'Leary coinvolge «75 anni di mala gestione di Alitalia», anche per colpa dei politici italiani che hanno dimostrato di essere «straordinariamente incompetenti nella gestione della compagnia di bandiera» (e qui è difficile obiettare).

 

Il boss di Ryanair è arrivato ieri a Bruxelles per presentare una petizione, firmata da 1,1 milioni di passeggeri, che chiede all'Ue di «mantenere i cieli aperti» contro le continue cancellazioni dei sorvoli a causa degli scioperi – perlopiù francesi – dei controllori del traffico aereo.

 

MICHAEL O LEARY RYANAIR OLEARY MICHAEL O LEARY RYANAIR OLEARY

[…]  O'Leary ha messo nel mirino la politica di concorrenza targata Von der Leyen dando per scontato che la recente intesa tra Lufthansa e Ita «sarà approvata automaticamente» senza difficoltà, per il solo motivo che ai tedeschi «tutto è concesso da Bruxelles».

 

L'attacco ha riguardato anche il via libera concesso dall'Antitrust comunitario alla ricapitalizzazione da 6 miliardi di euro da parte di Berlino nel 2020 per sostenere la Lufthansa durante il Covid, che a detta di O'Leary «non ha fatto altro che accrescere il potere» del vettore tedesco. Ora l'operazione con Ita «fa parte di un processo di consolidamento inevitabile in Europa, ma non sarà positiva per l'Italia», visto che Ita diventerà per Lufthansa «nient'altro che un bacino di raccolta di passeggeri per portarli verso gli hub di Francoforte e Monaco».

ursula von der leyen olaf scholz ursula von der leyen olaf scholz

 

[…]  Comunque Ryanair per bocca del suo numero uno conferma l'intenzione di crescere ancora nel mercato del nostro Paese. […]

CARSTEN SPOHR - CEO LUFTHANSA CARSTEN SPOHR - CEO LUFTHANSA michael o leary 3 michael o leary 3 ursula von der leyen foto di bacco (3) ursula von der leyen foto di bacco (3)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDONO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?