SE TUTTO VA BENE, SIAMO ROVINATI – L’INFLAZIONE ALLE STELLE STA DURANDO PIÙ DEL PREVISTO E L’ECONOMIA ITALIANA NE RISENTE. DOPO COMMISSIONE UE, BANKITALIA E FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE, CONFINDUSTRIA METTE IL CARICO DA 90: L’ECONOMIA ITALIANA STA CRESCENDO A RITMI INFERIORI A QUANTO PREVISTO (E SE IL GOVERNO NON SI SBRIGA CON IL PNRR ANDRÀ PERFINO PEGGIO) – I DATI EUROSTAT PARLANO CHIARO: NEL 2023 LE ATTIVITÀ CHE HANNO DICHIARATO BANCAROTTA SONO AUMENTATE DEL 2,6%

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Fabrizio Goria per “la Stampa”

 

inflazione inflazione

Sono sempre di più le nubi che si addensano sull'economia italiana. Dopo i moniti di Commissione Ue, Banca d'Italia e Fondo monetario internazionale ora è Confindustria a rimarcare come l'attività domestica stia crescendo a ritmi più moderati nel secondo trimestre.

 

A trainare sono i servizi, mentre l'industria fatica. A preoccupare è l'inflazione, più persistente del previsto, e le possibili conseguenze delle strette monetarie della Banca centrale europea (Bce). In aumento, secondo le stime preliminari di Eurostat visionate da La Stampa, sono i fallimenti. Il trend iniziato nel finale del 2022 e proseguito nel primo trimestre 2023, bancarotte a +2,6% su base annua, continuerà ancora. E potrebbe deprimere l'espansione del Pil italiano.

 

INFLAZIONE INFLAZIONE

Non è una bocciatura, ma una presa di coscienza. Il centro studi di Confindustria, nel suo rapporto periodico, evidenzia quanto sia chiaroscurale la situazione. I servizi stanno trainando il Pil italiano, mentre è meno solida la condizione di manifattura e costruzioni. Allo stesso tempo, i tassi d'interesse continuano a salire e i prestiti a calare.  […]

 

La congiuntura non è positiva. Specie se si valutano altri aspetti. Come i fallimenti in arrivo. Secondo Eurostat, dopo l'incremento del 26,8% negli ultimi tre mesi del 2022 rispetto al trimestre precedente, anche nella prima parte dell'anno in corso c'è stato un aumento. E un ulteriore girandola è continuata nel periodo corrente.

 

inflazione 2 inflazione 2

Il picco, teme la banca tedesca Deutsche Bank, non sembra vedersi ancora. Ma è chiaro che i rialzi dei tassi da parte della Bce, che proseguiranno per buona parte dell'estate, complicano la vita a imprese e famiglie. Le seconde spendono meno, le prime vanno in crisi di liquidità e devono portare i libri in tribunale. Per ora, evidenzia Eurostat, il fenomeno in Italia è ancora non marcato, per merito della grande liquidità delle società, ma il vento potrebbe cambiare in fretta.

 

INFLAZIONE IN AUMENTO INFLAZIONE IN AUMENTO

[…] Il rischio di un rallentamento è sempre più concreto. L'erosione dei margini nella manifattura, dice Confindustria, «può frenare la crescita degli investimenti in Italia, perché riduce la capacità di autofinanziamento delle imprese». A ciò si aggiunge che «le disponibilità liquide sono in calo (-43 miliardi i depositi a marzo da luglio 2022) e il credito bancario si riduce».

 

GIORGIA MELONI PNRR GIORGIA MELONI PNRR

Infine, una frase che sa di sentenza: «Non vi sono nei bilanci delle imprese italiane risorse facilmente utilizzabili per finanziare nuovi investimenti». È in quest'ottica che la Ue, così come Banca d'Italia e il Fmi continuano a ripetere che è cruciale la piena adozione del Pnrr. Senza un avanzamento dei progetti del Recovery, lo stop del Paese sarà quasi inevitabile.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

BERGOGLIO? UNO DI NOI: TE LO DO IO IL POLITICAMENTE CORRETTO! "NELLA CHIESA C'È TROPPA ARIA DI FROCIAGGINE" E QUINDI I VESCOVI DEVONO SEMPRE, LETTERALMENTE, "METTERE FUORI DAI SEMINARI TUTTE LE CHECCHE, ANCHE QUELLE SOLO SEMI ORIENTATE". PAPALE PAPALE! - LO RIFERISCONO, TRA IL BASITO E L’ALLEGRO, PARECCHI VESCOVI ITALIANI CHE QUESTA SETTIMANA SONO INTERVENUTI ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELLA CEI, DOVE PAPA FRANCESCO HA RIBADITO PUBBLICAMENTE, MA A PORTE CHIUSE, LA SUA NOTA CONTRARIETÀ AD AMMETTERE AL SACERDOZIO CANDIDATI CON TENDENZE OMOSESSUALI - BERGOGLIO DEL RESTO NON È NUOVO A UN LINGUAGGIO SBOCCATO. DURANTE LA RECENTE VISITA A VERONA, HA RACCONTATO UNA STORIELLA… - VIDEO

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)