SENZA UN TETTO MA CON LE BOLLETTE ANCORA SALATISSIME – PER IL “FINANCIAL TIMES” IL PIANO UE SULL'ENERGIA È “UN GIOCO DI PRESTIGIO POLITICO” IN ASSENZA DI SOLUZIONI IMMEDIATE – BRUXELLES VUOLE CHE GLI STATI UE RACCOLGANO 140 MILIARDI DI EURO DAI PROFITTI DELLE COMPAGNIE ENERGETICHE PER ATTUTIRE IL COLPO DEI PREZZI RECORD DI QUEST'INVERNO – VON DER LEYEN HA ANCHE PROMESSO UNA RIFORMA GLOBALE DEI MERCATI ENERGETICI PER SPEZZARE L“INFLUENZA DOMINANTE” DELLE QUOTAZIONI DEL GAS SUI COSTI DELL'ELETTRICITA'...

-

Condividi questo articolo


Articolo del “Financial Times” - dalla rassegna stampa estera di “Epr Comunicazione”

 

ursula von der leyen e olena zelenska a strasburgo ursula von der leyen e olena zelenska a strasburgo

Bruxelles vuole che gli Stati membri dell'Ue raccolgano 140 miliardi di euro dai profitti delle compagnie energetiche per attutire il colpo dei prezzi record di quest'inverno, in quella che sarebbe una nuova tassa in risposta alla crisi dell'Ucraina. Scrive il Financial Times.

 

La proposta di un'imposta sugli utili delle società elettriche che non bruciano gas, il cui prezzo è recentemente salito alle stelle, sarebbe accompagnata da altre misure sui gruppi di combustibili fossili.

 

"In questi tempi è sbagliato ricevere profitti straordinari da record beneficiando della guerra e sulle spalle dei consumatori", ha dichiarato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen illustrando le proposte per riportare i profitti inattesi alle famiglie e alle imprese.

 

ursula von der leyen olena zelenska e Roberta Metsola a strasburgo ursula von der leyen olena zelenska e Roberta Metsola a strasburgo

"I profitti devono essere condivisi e incanalati verso coloro che ne hanno più bisogno...". La nostra proposta raccoglierà più di 140 miliardi di euro per gli Stati membri, per attutire direttamente il colpo", ha aggiunto la Commissaria nel discorso sullo stato dell'Unione tenuto mercoledì a Strasburgo.

 

La proposta della Commissione fisserebbe una soglia obbligatoria per i prezzi applicati dalle aziende che producono energia a basso costo, non legata al gas, come i gruppi nucleari e delle energie rinnovabili.

 

URSULA VON DER LEYEN URSULA VON DER LEYEN

Le aziende dovrebbero dare agli Stati dell'UE i "profitti in eccesso" generati oltre questo livello, che la Commissione intende fissare a 180 euro/MWh. Ma gli Stati membri sarebbero liberi di stabilire soglie più basse.

 

Il commissario per l'Energia Kadri Simson ha dichiarato che il livello della Commissione coprirebbe i costi operativi della lignite, un tipo di carbone che è il combustibile non a gas più costoso.

 

Le proposte dovranno essere approvate dagli Stati membri, che sono in disaccordo sulla questione e si riuniranno per discuterne il 30 settembre. Ma sulla scia dell'invasione dell'Ucraina da parte della Russia e dei crescenti timori di carenze energetiche quest'inverno, molti governi sono sotto pressione per agire tra i timori che Mosca tagli le forniture di gas all'UE.

 

Von der Leyen ha detto che l'UE ha anche chiesto un "contributo di crisi" - un'imposta separata - alle "grandi compagnie petrolifere, del gas e del carbone [che] stanno anche facendo enormi profitti". Tale contributo costituirebbe una parte dei 140 miliardi di euro che Bruxelles vuole che gli Stati membri raccolgano.

 

putin ursula von der leyen putin ursula von der leyen

Ma ha osservato che tali pagamenti e la tassa sul reddito saranno "tutte misure di emergenza e temporanee" e che il blocco ha bisogno di ridurre la domanda di elettricità, abbassare i prezzi del gas e garantire la sicurezza dell'approvvigionamento a lungo termine.

 

Von der Leyen ha dichiarato che Bruxelles lavorerà a una riforma globale dei mercati energetici per spezzare "l'influenza dominante" del prezzo del gas sui costi dell'elettricità.

 

La Von der Leyen ha affermato che i mercati devono essere ridisegnati in modo che i consumatori possano sfruttare meglio i benefici delle energie rinnovabili a basso costo, aggiungendo che occorre trovare un'alternativa al parametro di riferimento europeo comunemente utilizzato per i prezzi del gas, il TTF olandese, che è dettato in gran parte dal gas dei gasdotti.

 

ursula von der leyen e vladimir putin ursula von der leyen e vladimir putin

Un operatore europeo del settore del gas e dell'energia elettrica ha però risposto a questo suggerimento, affermando che si tratta di un "gioco di prestigio politico" mentre la Commissione sta lottando per trovare il modo di abbassare i prezzi.

 

"Dal punto di vista del mercato non c'è un parametro migliore", ha detto l'operatore. "Non c'è ancora un'alternativa pratica basata sul mercato".

 

La scorsa settimana i ministri dell'Energia hanno discusso di un possibile tetto massimo per i prezzi del gas e la Commissione dovrebbe ora avviare colloqui con fornitori specifici, ha suggerito il presidente. L'UE e la Norvegia istituiranno una task force per ridurre il prezzo del gas, ha dichiarato la von der Leyen.

 

ttf borsa gas amsterdam ttf borsa gas amsterdam

Jonas Gahr Støre, primo ministro norvegese, incontrerà giovedì le compagnie del gas per "discutere di contratti più lunghi che possano contribuire a stabilizzare i prezzi", ha dichiarato all'emittente statale NRK. Ma in precedenza ha dichiarato di essere "scettico" riguardo a un tetto massimo di prezzo per il gas, in quanto non risolverebbe il problema fondamentale della carenza di gas in Europa.

 

Laurent Ruseckas, di S&P Global Commodity Insights, ha affermato che le proposte sono "tutte straordinariamente complesse" e "sarebbero impossibili da elaborare e attuare in tempo per l'inverno anche se ci fosse un consenso politico dietro di esse, cosa che non c'è".

 

ttf borsa gas amsterdam ttf borsa gas amsterdam

Mercoledì scorso, la Francia ha dichiarato che limiterà gli aumenti dei prezzi dell'elettricità e del gas per i consumatori al 15% nel 2023, implementando le proprie misure. Il pacchetto francese di tetti ai prezzi costerà 16 miliardi di euro, ha dichiarato il ministro delle Finanze Bruno Le Maire. Il governo sta beneficiando di meccanismi incorporati nei contratti con i produttori di energia rinnovabile che gli permettono di recuperare i fondi quando i prezzi raggiungono un certo livello.

 

La Commissione ha dichiarato che gli Stati membri hanno i propri schemi per limitare gli aumenti dei prezzi e possono introdurre "misure più ambiziose" che limitano le entrate dei produttori di energia elettrica, purché non distorcano i mercati e siano in linea con il diritto comunitario.

 

Tuttavia, diplomatici e funzionari hanno previsto che gli Stati membri vorranno una maggiore flessibilità nel regolamento proposto dall'UE per tenere conto delle proprie misure nazionali che limitano gli aumenti dei prezzi e delle diverse strutture industriali.

 

amsterdam amsterdam

"È ragionevole concordare obiettivi e misure a livello europeo, ma senza consentire la flessibilità nazionale su come raggiungerli, rischiamo di rompere i mercati che stiamo cercando di correggere", ha detto un diplomatico dell'UE.

 

La Von der Leyen ha dichiarato che l'UE è "impegnata a lungo termine" nella risposta all'invasione dell'Ucraina da parte della Russia e che si recherà a Kiev per parlare con il presidente Volodymyr Zelenskyy dell'estensione dei benefici del mercato unico europeo al suo Paese. L'UE vuole anche estendere il roaming dei telefoni cellulari all'Ucraina, ha dichiarato.

 

MEME SU PUTIN E IL GAS MEME SU PUTIN E IL GAS

Dichiarando che le sanzioni dell'UE contro Mosca hanno lasciato l'industria del Paese "a pezzi", la von der Leyen ha aggiunto che esse sono "destinate a rimanere".

GAS N ROSES - MEME BY CARLI GAS N ROSES - MEME BY CARLI PUTIN E IL GAS - BY EMILIANO CARLI PUTIN E IL GAS - BY EMILIANO CARLI

 

Condividi questo articolo

business

LA PART-ITA VA AVANTI - PROSEGUONO LE TRATTATIVE TRA IL MEF E IL FONDO "CERTARES" CHE È DECISO AD ACQUISTARE IL 50% PIÙ UN'AZIONE DI "ITA AIRWAYS" E LA PROSSIMA SETTIMANA DOVREBBE INCONTRARE I SINDACATI - LE LINEE GUIDA DEL PIANO INDUSTRIALE SONO GIÀ DELINEATE E NON È ESCLUSO L'INGRESSO DI "DELTA" IN "ITA" DEL 10-15%, BASTERÀ PER UNA POLTRONA NEL CDA DELLA COMPAGNIA? - IL FONDO CERTARES PUNTEREBBE A SVILUPPARE NON SOLO LE TRATTE DEL NORD AMERICA MA ANCHE QUELLE DELL'AMERICA LATINA E AFRICANE

TENERE IN PIEDI L'UCRAINA COSTA TROPPO ALL'OCCIDENTE. LA PACE È SOPRATTUTTO UNA QUESTIONE DI SOLDI – IL GOVERNO DI KIEV SPENDE 5 MILIARDI AL MESE SOLO PER PAGARE STIPENDI E PENSIONI. DENARO CHE IN QUESTI MESI È STATO SGANCIATO DA USA E EUROPA (ANCHE SE CON ESTREMA LENTEZZA, TANTO CHE ZELENSKY S'È LAMENTATO CON BRUXELLES). MA NON SARA' POSSIBILE FINANZIARE L'UCRAINA A LUNGO – DOPO IL CONGRESSO DEL PARTITO COMUNISTA CINESE DI META' OTTOBRE E LE ELEZIONI DI MIDTERM AMERICANE, ASSESTATI I DUE BLOCCHI GEOPOLITICI, SARA' IL CASO DI INTAVOLARE SERIAMENTE UNA TRATTATIVA DI PACE...