SIAMO UOMINI O GENERALI?  - ORA CHE CALTAGIRONE E DEL VECCHIO (VIA BARDIN) SI SONO SFILATI DAL CDA, È TUTTO PRONTO PER LA BATTAGLIA FINALE SUL LEONE DI TRIESTE: MA CHI SARANNO I SOLDATI DEI DUE SCHIERAMENTI? DA UN LATO CI SARÀ LA LISTA DEL CDA, CHE RICANDIDERÀ DI CERTO DONNET (GALATERI È IN FORSE) - DALL’ALTRA PARTE CI SONO I “PATTISTI”: IN PISTA PER LA PRESIDENZA LA PRESIDENTE DI MPS PATRIZIA GRIECO E SERGIO BALBINOT. PER IL POSSIBILE AD SI FANNO I NOMI DI TERZIARIOL, DE GIORGI E DELL’AMMINISTRATORE DELEGATO DI POSTE DEL FANTE…

-

Condividi questo articolo


gabriele galateri di genola philippe donnet gabriele galateri di genola philippe donnet

Francesco Spini per “La Stampa”

 

«Più che sul piano strategico, nello scontro delle Generali conterà chi sarà chiamato ad attuarlo», scommette un autorevole, benché anonimo interlocutore. In primavera, insomma, sarà una sfida anzitutto tra manager.

 

Donnet Caltagirone Del Vecchio Donnet Caltagirone Del Vecchio

Da un lato ci sarà la lista del cda - di cui oggi sarà decisa una prima versione lunga di una ventina di nomi - che ricandiderà di certo l'ad Philippe Donnet. Ma essa potrebbe non contemplare la riconferma del presidente Gabriele Galateri: per lui pesa la perdita, benché non nuova, del requisito di indipendenza.

 

francesco gaetano caltagirone philippe donnet francesco gaetano caltagirone philippe donnet

Anche il patto di consultazione formato da Caltagirone, Del Vecchio e Crt stringe sulla composizione della squadra. La normativa ha maglie strette per i manager assicurativi: devono avere esperienza almeno quinquennale presso società del settore o comunque finanziarie, in aziende di «dimensioni adeguate» alla compagnia dove sono diretti, o svolgere attività professionali, ad esempio di insegnamento, «attinenti al settore».

 

philippe donnet gabriele galateri di genola alberto minali philippe donnet gabriele galateri di genola alberto minali

Per la presidenza circolano i nomi di Patrizia Grieco, oggi presidente di Mps, o Sergio Balbinot, ex co-ad del Leone oggi in Allianz. Per il possibile ad le indiscrezioni riguardano Matteo Del Fante (ad di Poste), Giulio Terzariol (cfo di Allianz), il banchiere Diego De Giorgi. Senza contare che sul mercato ci sono assicuratori dal passato di rango come l'ex ad di Cattolica, Alberto Minali, oggi impegnato nella Spac Revo.

Sergio Balbinot Sergio Balbinot patrizia grieco patrizia grieco diego de giorgi diego de giorgi matteo del fante poste italiane 2 matteo del fante poste italiane 2 Sergio Balbinot Sergio Balbinot philippe donnet gabriele galateri di genola philippe donnet gabriele galateri di genola

 

Condividi questo articolo

business

“L'ALTERNATIVA NON È TRA PACE E CONDIZIONATORI MA FRA PACE E COSA MANGIAMO” - IL “BANCHIERE DI SISTEMA” CARLO MESSINA AVVERTE CHI VUOLE INSEGUIRE BIDEN SULLE SANZIONI A OLTRANZA A PUTIN: “SENZA IL GAS RUSSO ANDREMMO VERSO UNA RECESSIONE CERTA CON UNA PERDITA DI POSTI DI LAVORO SIGNIFICATIVA. UNO SCENARIO DEL GENERE CI VEDREBBE IN SOFFERENZA PER QUALCHE ANNO. PURTROPPO L'AREA DELLA POVERTÀ SI ALLARGHERÀ GIÀ OGGI. DOBBIAMO GUARDARE CON ATTENZIONE A CHI OGGI HA UN REDDITO TRA I 1.500 E I 2.500 EURO AL MESE” - LA BLINDATURA DI DRAGHI A PALAZZO CHIGI: “QUESTO GOVERNO DEVE CONTINUARE NEL SUO LAVORO PERCHÉ STA FACENDO BENE” - LA STILETTATA A COTTARELLI CHE HA INVOCATO LE ELEZIONI IN AUTUNNO: “UNA FESSERIA IL VOTO ANTICIPATO"  

ATTENZIONE ALL’INFLAZIONE! - IL GOVERNATORE DELLA BANCA D’INGHILTERRA, ANDREW BAILEY, LA TOCCA PIANO E PREVEDE AUMENTI “APOCALITTICI” DEI PREZZI DEI GENERI ALIMENTARI: “L’INFLAZIONE RAGGIUNGERÀ IL PICCO DEL 10,25% NELL’ULTIMO TRIMESTRE DEL 2022” - “IL PRINCIPALE MOTORE DELL'INFLAZIONE È IL GRANDISSIMO SHOCK DEL REDDITO REALE CHE PROVIENE DA FORZE ESTERNE E, IN PARTICOLARE, DAI PREZZI DELL'ENERGIA E DAI PREZZI GLOBALI DEI BENI. CIÒ AVRÀ UN IMPATTO SULLA DOMANDA INTERNA E SMORZERÀ L'ATTIVITÀ E TEMO CHE AUMENTERÀ LA DISOCCUPAZIONE. SCUSATE SE SONO APOCALITTICO MA…"

MA CHE DAVERO? L’UOMO PIÙ RICCO DEL MONDO C’HA IL BRACCINO CORTO E VUOLE LO SCONTO - ELON MUSK TORNA A METTERE IN DUBBIO L’ACCORDO CON TWITTER, MA È SOLO UN MODO PER DOVER SGANCIARE MENO SOLDI: “NON PUÒ ANDARE AVANTI FINO A QUANDO NON SARÀ PROVATO CHE GLI ACCOUNT FAKE SONO INFERIORI AL 5%” - PROBLEMA: I DATI SUI BOT SONO NOTI DA TEMPO. IL FONDATORE DI TESLA STA CERCANDO UN MODO PER SALVARE LA FACCIA: SI DEVE ESSERE ACCORTO CHE IL SOCIAL È UN CETRIOLONE CHE COSTA TANTO E NON PORTA PROFITTI - IL TITOLO CROLLA IN BORSA