SOTTO LA BANCA IL VIP CREPA - TRA GLI AZIONISTI DI VENETO BANCA CHE HANNO VISTO ANDARE IN FUMO I LORO INVESTIMENTI NON MANCANO I VIP: BERLUSCONI, BETTEGA, BENETTON, VESPA, ZAIA E TANTI ALTRI. HANNO VISTO MILIONI DI EURO VAPORIZZARSI IN UN ANNO. KO ANCHE LE CHIESE

Minusvalenze a valanga: due milioni di perdite per la curia di Treviso, 200mila euro per quella di Vicenza. Bruno Vespa ha ancora un milione di euro di azioni, Roberto Bettega un milione e mezzo. Ecatombe per Benetton…

Condividi questo articolo


Nino Sunseri per “Libero Quotidiano

 

Veneto Banca Veneto Banca

Ci sono parecchi nomi da copertina fra gli azionisti di Veneto Banca. Un bel salotto di vip che fino ad un anno fa contava il valore dell' investimento in milioni di euro. Oggi i valori residui potrebbero non bastare per l' acquisto di una utilitaria. Domani, con quello che resterà dopo l' aumento di capitale, saranno spiccioli. Una classifica del potere e della ricchezza che si è sbriciolata nel giro di un anno.

 

Com' è ovvio i danni più gravi si registrano in Veneto e, in molti casi, si tratta di perdite che si vanno a sommare a quelle già rimediate su Popolare di Vicenza. È il caso di alcuni big della finanza come Assicurazioni Generali che fra investimenti diretti e quelli effettuati con Toro, Alleanza e Banca Generali ha bruciato 70 milioni a Montebelluna.

maria elena boschi bruno vespa samantha cristoforetti maria elena boschi bruno vespa samantha cristoforetti

 

Altri 40 milioni li lasciati a Vicenza. Perdite che fanno male anche nell' immenso portafoglio del colosso triestino. Per non parlare di Cattolica che ha dovuto spesare svalutazioni per 114 milioni sulle quote di Vicenza, Veneto Banca e San Miniato. Certo in alcuni casi erano quote legate ad accordi di bancassurance e quindi, per qualche verso, investimenti obbligati. Ora però ci sono portafogli da ricostituire.

 

ANCHE BENETTON

BETTEGA BETTEGA

Ma l' elenco di eccellenze venete che oggi contano minusvalenze a valanga non si fermano qui. Per esempio la famiglia Amenduni, proprietaria dell' acciaieria Valbruna di Vicenza che nel rogo delle banche venete ha bruciato un' ottantina di milioni fra investimenti personali e tesoreria aziendale. Ma anche Carlo Benetton.

 

Però, al di là dei nomi di copertina non è difficile capire che sono il risparmio e gli investimenti di una intera regione ad essere scomparsi insieme al sogno del Nord-est. Per vent' anni il simbolo del nuovo miracolo italiano. Oggi falò delle vanità.

 

Per non parlare, naturalmente, dei soldi persi dalle chiese delle diverse città.

Due milioni la curia di Treviso 200 mila quella di Vicenza. E che dire di Fabio Bragagnlo, patron della Pasta Zara che manderà al macero sei milioni di euro dopo i venti immolati a Vicenza? Un rogo milionario che ha colpito piccoli azionisti e nomi illustri. Talvolta con qualche sorpresa.

LUCA ZAIA SPEZZA IL PANE LUCA ZAIA SPEZZA IL PANE

 

Per esempio fra i soci di Veneto Banca figura anche Silvio Berlusconi. Un investimento marginale: poco più di un milione di euro, sempre ragionando al vecchio prezzo di 40,75 euro per azione. Tuttavia a nessuno piace perdere dei soldi. Per esempio Bruno Vespa. Il suo portafoglio valeva quasi otto milioni ed era riuscito a uscire indenne vendendo prima della crisi.

 

Dagli ultimi aggiornamenti, però, risulta avere ancora ventottomila azioni, per un valore che due anni fa superava il milione di euro. Oggi valgono poco e ancora meno dopo l' aumento di capitale, che si annuncia molto diluitivo. Ha perso anche Luca Zaia, presidente della Regione che, nei mesi scorsi, aveva cercato una soluzione di sistema.

GIANFRANCO E VITTI ZOPPAS jpeg GIANFRANCO E VITTI ZOPPAS jpeg

 

PESI MASSIMI

Ma non mancano gli investimenti pesanti. Renè Caovilla, industriale delle scarpe, 7,5 milioni, Enrico Marchi, (Aeroporto di Venezia), 7,6 milioni. Gianfranco Zoppas (oltre dieci milioni), Graziano Castagner (imprenditore di Vazzola, otto milioni), Giuseppe Stefanel (5,3 milioni) e la famiglia Piovesana di Conegliano (5,1 milioni). Ci sono anche Mario Polegato (circa 1,8 milioni)

 

Giuseppe Stefanel Giuseppe Stefanel

Il rogo di Veneto Banca non ha divorato solo il salotto veneto. Le fiamme sono arrivate fino a Torino per via della Bim, la casa d' investimenti della famiglia Segrè. Gestioni patrimoniali non sempre fortunate. Quelle personali della signora Franca e del resto della dinastia (450 mila azioni in carico alla MiMoSe) e Pietro d' Aguì, ex vicepresidente di Bim. C' è anche Roberto Bettega.

 

L' ex attaccante e poi vicepresidente della Juventus, presente in assemblea a Volpago del Montello lo scorso anno, ha in portafoglio azioni che valevano oltre un milione e mezzo di euro. Ha perso circa 53 milioni di euro la famiglia Giovannone che, attraverso la MaVa risulta addirittura essere il primo azionista privato della banca. Infine una curiosità.

ENRICO MARCHI ENRICO MARCHI

Fra gli azionisti di Veneto Banca figura anche la Popolare dell' Etruria. Che dire?

L' abisso che chiama l' abisso.

 

Condividi questo articolo

business

L'OCCIDENTE CERCA UN TESORO TRA I GHIACCI PER NON DIVENTARE SCHIAVO DELLA CINA – UN GRUPPO DI MILIARDARI, TRA CUI JEFF BEZOS, BILL GATES E MICHAEL BLOOMBERG, HA FINANZIATO UNA COSTOSISSIMA MISSIONE DI SCIENZIATI IN GROENLANDIA PER TROVARE NUOVI GIACIMENTI DI MINERALI RARI – UN TENTATIVO PER CONTRASTARE LA CINA, CHE DA TEMPO SI È PRESA TUTTA L'AFRICA CON LE SUE STERMINATE MINIERE DI COBALTO E NICHEL E, CON IL MONOPOLIO DELLE TERRE RARE, HA LANCIATO UN'OPA SUL FUTURO ENERGETICO E TECNOLOGICO DEL PIANETA...

L’INFLAZIONE USA RALLENTA E LE BORSE TIRANO UN SOSPIRONE DI SOLLIEVO – I PREZZI AL CONSUMO NEGLI STATI UNITI CRESCONO DELL’8,5%, MENO DELL’8,7 ATTESO DAGLI ANALISTI E DEL 9,1% DI GIUGNO – È UNA BUONA NOTIZIA PER I MERCATI INTERNAZIONALI, E INFATTI LE PIAZZE FINANZIARIE DI TUTTO IL MONDO VIRANO IN POSITIVO. IN CALO IL RENDIMENTO DEI TITOLI DI STATO ITALIANI, SCENDE ANCHE LO SPREAD – LA FED, VISTO IL DATO, POTREBBE RIALZARE I TASSI DELLO 0,5% E NON DELLO 0,75 INIZIALMENTE STIMATO

UN FISCO PER L'ESTATE – NELL'ULTIMO GIORNO PRIMA DELLE LUNGHE VACANZE, LA CAMERA HA APPROVATO LA RIFORMA DELLA GIUSTIZIA TRIBUTARIA CHE HA L'OBIETTIVO DI RIDURRE I TEMPI DELLE CAUSE – È PREVISTO UN SOLO GIUDICE PER I CONTENZIOSI SOTTO I 5 MILA EURO. NASCONO COMMISSIONI SPECIALIZZATE AFFIDATE A 600 MAGISTRATI – ALLA FINE DELLO SCORSO ANNO LE LITI PENDENTI CON IL FISCO ERANO OLTRE 272 MILA PER UN VALORE DI OLTRE 37 MILIARDI – SUL PROVVEDIMENTO, NECESSARIO ALL'ATTUAZIONE DEL PNRR, SI SONO DIVISI LA LEGA, FAVOREVOLE, E FRATELLI D'ITALIA, CONTRARISSIMI…