SOTTO A CHI TECH! ELON MUSK FA CAUSA A CHATGPT, CHE AVEVA CONTRIBUITO A CREARE, E AI SUOI EX SOCI SAM ALTMAN E GREG BROCKMAN: “L'UTILE SUPERA I BENEFICI PER L'UMANITÀ, TRADITA LA MISSIONE INIZIALE DI OPENAI” – IL MILIARDARIO SUDAFRICANO ACCUSA ALTMAN DI ESSERE AL SOLDO DI MICROSOFT E DI FARE RICERCHE SOLO PER FINI COMMERCIALI – DIETRO ALLA GUERRA LEGALE C’È ANCHE LA SOCIETÀ DI MUSK CHE SI OCCUPA DI INTELLIGENZA ARTIFICIALE…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Alberto Simoni per “La Stampa”

 

SAM ALTMAN ELON MUSK SAM ALTMAN ELON MUSK

Quando il 17 novembre dello scorso anno Sam Altman, signore dell'intelligenza artificiale e amministratore delegato di OpenAI, venne messo alla porta dal suo Board, la chat dei potenti di Silicon Valley si infiammò. «Sam è fuori», il messaggio partito da qualcuno che aveva avuto la soffiata. Nella chat ci sono cento big dell'hi tech, c'è Mark Zuckerberg, di Meta, così come Drew Houston di Dropbox.

 

Non Elon Musk che però fu il primo ad arrivare in soccorso dell'uomo con cui nel 2015 aveva fondato OpenAI. Gli offrì un incarico nella sua galassia imprenditoriale e spinse l'offerta persino ai dipendenti che erano rimasti delusi e scioccati dalla cacciata da parte del board del loro Ceo. Nel giro di 48 ore però, come solo la Silicon Valley sa fare, la crisi di OpenAI con Altman è rientrata grazie al ruolo di Microsoft, azionista da oltre 13 miliardi di dollari di investimenti e con un posto garantito a capotavola.

 

sam altman elon musk 3 sam altman elon musk 3

Ma il mondo corre veloce, come la tecnologia, e la relazione fra Musk e Altman entrerà negli annali (almeno ad oggi) non solo per il loro matrimonio nel 2015 da cui nacque OpenAI, o la decisione di Musk di lasciare il cda nel 2018 per differenza di vedute, ma perché il patrono di Tesla e Space X e uomo più ricco del pianeta ha deciso di fare causa a OpenAi e ai suoi ex soci Sam Altman e Greg Brockman.

 

Le carte sono già depositate al tribunale di San Francisco per una disputa dai contorni etici o quantomeno "filosofici". Elon Musk accusa Altman di aver tradito quella che era la vocazione originaria di OpenAI e di essere oggi non solo al soldo di Microsoft ma anche di fare ricerche i cui risultati condivide solo con gli eredi di Bill Gates per fini commerciali.

 

sam altman chatgpt sam altman chatgpt

Il piano di Musk nel 2015 e pure quello di Altman, secondo l'accusa, era quello di costruire sistemi di intelligenza artificiale per il bene dell'umanità, un modello "open source" disponibile al pubblico. La società doveva rientrare nella categoria del no profit e mettere a disposizione di tutti i risultati delle ricerche e i laboratori.

 

Se questa è la cornice, l'accusa di Musk in realtà non è vaga. Egli si riferisce in particolare a una recente scoperta, ovvero l'ultimo modello di intelligenza artificiale di OpenAI. Secondo il miliardario di origini sudafricane, Gpt 4 ha violato la soglia dell'intelligenza artificiale generale (Agi). In pratica, e semplificando, Gpt 4 lavorerebbe meglio o quantomeno allo stesso livello dell'intelligenza umana. Il giudice del tribunale di San Francisco dovrà proprio decidere se Gpt 4 debba o meno considerarsi un Agi. [...]

 

sam altman elon musk 2 sam altman elon musk 2

La partita non è solo fra dispensatori di buone cose per il genere umano e avidi cercatori di soldi. Musk è a sua volta un imprenditore del settore. La diversità di vedute nel 2018 lo spinse a lasciare la start-up e a creare la sua compagnia, xAI che è composta da ingegneri informatici provenienti da Google e Microsoft. Quest'ultimo da tempo è il vero bersaglio degli strali e delle accuse di Elon.

 

[...]

 

In dicembre xAI di Musk ha rilasciato il Grokfor Premium, il rivale di Chat Gpt, il prodotto con cui OpenAI nel 2022 ha letteralmente stravolto il mercato, i costumi e la ricerca attorno all'Intelligenza artificiale generativa. Il confronto fra i guru della Silicon Valley insomma è su diversi livelli. Anche culturale. Non più tardi di un anno fa, insieme ad altri Ceo ed esperti di tecnologia, Musk aveva chiesto una moratoria di sei mesi sulle ricerche nello sviluppo di sistemi complessi e altamente performanti come Gpt 4.

chatgpt open ai chatgpt open ai elon musk elon musk elon musk al superbowl elon musk al superbowl CHATGPT 3 CHATGPT 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)