LO STERCO DEL “DIAVOLO” NEI PARADISI FISCALI – CHE COINCIDENZA: LO SCORSO 27 GENNAIO IL FONDO ELLIOTT HA SPOSTATO UN MILIARDO DI EURO NELLE ISOLE CAYMAN E IN DELAWARE, APPENA 24 ORE DOPO LO SCOPPIO DELL’INCHIESTA SULLA CESSIONE DEL MILAN AL FONDO REDBIRD – PER QUELL’OPERAZIONE ORA IL SOCIO DI MINORANZA DI ELLIOTT, IL FONDO BLUE SKYE CHIEDE AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI MILANO DI DICHIARARE L’INSOLVENZA DELLE DUE SOCIETÀ LUSSEMBURGHESI TRAMITE LE QUALI IL FONDI DI SINGER CONTROLLAVA IL CLUB ROSSONERO…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Luigi Ferrarella per www.corriere.it

 

GORDON SINGER GORDON SINGER

Denaro e crediti per oltre 1 miliardo di euro, flussi finanziari collegati alla compravendita del Milan, sono stati fatti affluire nelle Isole Cayman e in Delaware da due società lussemburghesi del fondo americano Elliott del finanziere Gordon Singer appena 24 ore dopo il blitz della Guardia di Finanza milanese del 26 gennaio, e cioè all’indomani dell’emergere in pubblico dell’inchiesta sulla cessione del Milan dal fondo Elliott al fondo RedBird del finanziere Gerry Cardinale.

 

Un’operazione per la quale ora il socio di minoranza di Elliott, il fondo Blue Skye, chiede al Tribunale Fallimentare di Milano (che per decidere ha fissato udienza il 24 maggio) di dichiarare l’insolvenza non del Milan, ma delle due società lussemburghesi tramite le quali Elliott controllava il Milan sino alla cessione a RedBird.

 

[…]

 

paul singer fondo elliott paul singer fondo elliott

Il punto di partenza è quando nel 2017 il controverso uomo d’affari di Hong Kong, Li Yonghong, compra da Silvio Berlusconi il Milan usando il veicolo societario lussemburghese Rossoneri Sport e prendendo in prestito i soldi (attraverso la sottoscrizione di sofisticati titoli di debito denominati TPCEs, e con un pegno sul Milan) dalla lussemburghese Project Redblack, posseduta da Elliott con il socio di minoranza Blue Skye.

 

Quando nel 2018 Li Yonghong non riesce a ripagare il prestito, i creditori escutono il pegno e diventano quindi padroni del Milan, gestendolo attraverso la nomina di propri amministratori nel cda.

 

Gerry Cardinale Gerry Cardinale

Tutto fila liscio fino al maggio-giugno 2022, quando il Milan viene ceduto al fondo americano RedBird di Gerry Cardinale con una decisione del socio di maggioranza Elliott. Il socio di minoranza Blue Skye la contesta perché afferma di averla appreso solo dalle dichiarazioni ai giornali del presidente del Milan Paolo Scaroni (entrato in cda come rappresentante di Elliott ai tempi del cinese), protesta che con una differente vendita si potesse strappare un prezzo migliore, asserisce la violazione degli accordi statutari su questo tipo di decisioni, lamenta la revoca in Rossoneri Sport del proprio amministratore Giovanni Caslini.

 

[…]

 

redbird capital partners milan redbird capital partners milan

Tutto l’armamentario di cause e controcause (pendenti negli Stati Uniti, in Lussemburgo, a Hong Kong e in Italia) non ferma la cessione nell’agosto 2022: RedBird (che agisce tramite l’olandese ACM Bidco B.V.) compra il Milan al prezzo di 1 miliardo e 160 milioni, di cui versa 600 milioni in denaro a Rossoneri Sport, mentre per pagare i restanti 560 milioni prende i soldi in prestito dal venditore Rossoneri Sport («vendor loan»).

 

Un mese e mezzo fa, il 26 gennaio, la Gdf si presenta in alcuni studi legali milanesi ad acquisire carte sull’operazione, il che disvela l’esistenza di una inchiesta della Procura (originata da un esposto di Blue Skye) per l’ipotesi di «appropriazione indebita» e di «ostacolo alle funzioni di vigilanza» della Covisoc sui bilanci delle società di calcio.

 

GERRY CARDINALE IN PIAZZA A FESTEGGIARE IL MILAN GERRY CARDINALE IN PIAZZA A FESTEGGIARE IL MILAN

Ora si scopre che, nelle 24 ore successive al blitz della GdF, Rossoneri Sport a titolo di parziale rimborso dei prestiti è corsa a versare a Redblack 515 milioni di euro in denaro e altri 541 milioni in note di credito; e che, immediatamente nella stessa giornata, Redblack si è precipitata a distribuire gli attivi a Elliott, e dunque a fare risalire il denaro e i titoli per due terzi alla Elliot International che sta alle Isole Cayman, e per un terzo alla Elliot Associates che sta in un altro paradiso fiscale come il Delaware.

singer fondatore fondo elliott singer fondatore fondo elliott gerry cardinale di redbird 4 gerry cardinale di redbird 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - TRUCIDONI SPAPPOLATI DALL’IGNORANZA, COATTONI CON LIBIDO MONNEZZARA, PIT-BULLI DI BORGATA ALLA RICERCA DELLA "BANDA DEL TRUCIDO", TRATTENETE LA CLAVA. GOVERNATE LO SHOCK. SIETE TUTTE PERSONE NORMALI, GIA' PRONTI PER LA SANTA SEDE E PALAZZO CHIGI - PARE INCREDIBILE, MA I VOSTRI CANONI DI STILE, PARAMETRI DEL GUSTO, GIÀ INFERIORI A QUELLI DEL BABBUINO, SONO STATI SUPERATI DA PAPA BERGOGLIO E "MELONI, DETTA GIORGIA" - E' COSI': TIRARE FUORI IL PROPRIO TRATTO COATTO, IMPORCHETTATO DAL SARCASMO FEROCE E DALLO SBERLEFFO ATROCE, È L'ULTIMA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE POLITICA PER ABBINDOLARE LA PANCIA DEL PAESE. QUELLA MAGGIORANZA ALL’INCONTRARIO CARA A VANNACCI CHE DETESTA IL FIGHETTISMO DEL RADICAL-SCICCHISMO CHE LA REGINA DI COATTONIA LIQUIDA CON UN POETICO: "PIACERE. QUELLA STRONZA DELLA MELONI. COME STA?"

DAGOREPORT – DR. GIORGIA E MRS. MELONI: LA DUCETTA CAMALEONTE SI SDOPPIA TRA ITALIA E UE! IN CASA PARTE DI CAPOCCIA CON DE LUCA, IN EUROPA FA IL GIOCO DELLE TRE CARTE PER SPUNTARE UN COMMISSARIO DECENTE PER L’ITALIA. E DOPO LE EUROPEE LA PERSONALITÀ DI “QUELLA STRONZA” (AUTO-CIT.) SUBIRÀ UNA NUOVA SCISSIONE: SCHIERATA ALL’OPPOSIZIONE COME LEADER DI ECR, ALLEATA “AFFIDABILE” PER SOSTENERE URSULA – TAJANI PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE? È UNA PROVOCAZIONE DEI TEDESCHI PER METTERE ALL’ANGOLO LA DUCETTA – LE TRAME DI MACRON E SCHOLZ: MAI CON I CONSERVATORI…

LA SCENEGGIATA NAPOLETANA DELLA MELONI! – IL VIDEO DELLA DUCETTA CHE IMBRUTTISCE VINCENZO DE LUCA (“SONO QUELLA STRONZA DELLA MELONI”) SOMIGLIA TANTO A UNA SCENEGGIATA PREPARATA A TAVOLINO: IL CAPO UFFICIO STAMPA DI PALAZZO CHIGI, FABRIZIO ALFANO, ERA POSIZIONATO COL CELLULARE PRONTO A FILMARE LA SCENA, CHE POI È STATA AMPLIFICATA DAI CANALI SOCIAL VICINI ALLA PREMIER - COME MAI DE LUCA NON HA RISPOSTO A TONO? PER LO “SCERIFFO” LA VENDETTA È UN PIATTO CHE VA SERVITO FREDDO. OCCHIO QUINDI ALLE PROSSIME DIRETTE SOCIAL... - VIDEO

FLASH! – INDOMABILE URSULA: SPOSATA DAL 1986 CON IL MEDICO HEIKO VON DER LEYEN, FRA IL 1988 E IL 1999 HANNO SFORNATO SETTE FIGLI (TRA CUI DUE GEMELLE), PRIMA PRESIDENTE DONNA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, A 66 ANNI LA COCCA PREFERITA DI ANGELA MERKEL È STATA INCORONATA DA FORBES LA DONNA PIÙ POTENTE DEL MONDO. BENE, A BRUXELLES SI MORMORA CHE IL FASCINO BIONDO E GELIDO DI URSULA AVREBBE INCANTATO IL 53ENNE EURODEPUTATO TEDESCO DAVID MCALLISTER, SUO COMPAGNO DI PARTITO (CDU) E PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE AFFARI ESTERI DEL PARLAMENTO EUROPEO…

PAPA FRANCESCO NON È OMOFOBO, AL MASSIMO SOLO INGENUO: IL DISCORSO DELLA “FROCIAGGINE” SUI SEMINARI È STATO PRONUNCIATO IN UN INCONTRO A PORTE CHIUSE DAVANTI A PIÙ DI 200 VESCOVI, CHE NON VEDEVANO L’ORA DI SPUTTANARE IL “PROGRESSISTA” BERGOGLIO. È IL SEGNO CHE ANCHE IN VATICANO S'E' FRANTUMATO IL RISPETTO PER L'AUTORITA': I PRIMI DI CUI IL PONTEFICE NON PUÒ FIDARSI SONO LE “SUE” ECCELLENZE - ATTENZIONE A NON CEDERE AL "WOKISMO": BISOGNA SGANCIARE LINGUAGGIO E INTENZIONI...