TRIPLICE VISCO – NELLE SUE ULTIME CONSIDERAZIONI FINALI (IL MANDATO SCADE A NOVEMBRE), IGNAZIO VISCO SFERZA IL GOVERNO SUL PNRR: “NON C’È TEMPO DA PERDERE. RAPPRESENTA UN RARO E VALIDO TENTATIVO DI DEFINIRE UNA VISIONE STRATEGICA PER IL PAESE ED È CRUCIALE DARE ATTUAZIONE AL PROGRAMMA DI RIFORME” – IL GOVERNATORE DI BANKITALIA SOLLECITA ANCHE LA RATIFICA DEL MES: “POTRÀ SVOLGERE UN RUOLO IMPORTANTE” – IN PRIMA FILA, AD ASCOLTARLO, C’ERA MARIO DRAGHI…

-

Condividi questo articolo


ignazio visco foto di bacco (5) ignazio visco foto di bacco (5)

1. VISCO, SUL PNRR NON C'È TEMPO DA PERDERE

(ANSA) - Anche se sul Pnrr "miglioramenti sono possibili", tuttavia "non c'è tempo da perdere". Così il governatore di Bankitalia Ignazio Visco nelle Considerazioni Finali nella quel ricorda che il Piano "rappresenta un raro, e nel complesso valido, tentativo di definire una visione strategica per il Paese". E' quindi "cruciale dare attuazione all'ambizioso programma di riforme, da troppo tempo attese, in esso contenuto". Secondo Visco per eventuali modifiche "un confronto continuo con la Commissione è assolutamente necessario nonché utile e costruttivo".

 

2. VISCO, IL PIL AUMENTERÀ INTORNO ALL'1% NEL 2023

mario draghi considerazioni finali ignazio visco 2023 mario draghi considerazioni finali ignazio visco 2023

(ANSA) - "Per il 2023 le previsioni oggi disponibili convergono su un aumento del prodotto intorno all'1%". Lo ha detto il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, secondo il quale "nell'affrontare le conseguenze della guerra in Ucraina, così come nell'uscita dalla pandemia, l'economia italiana ha mostra una confortante capacità di reazione". Il governatore osserva nella nostra economia "segnali incoraggianti che vanno rafforzati, superando quei ritardi che ancora impediscono alla nostra economia di dispiegare appieno le proprie potenzialità".

 

3. VISCO, CONTRO L'INFLAZIONE TUTTI DEVONO CONTRIBUIRE

CHRISTINE LAGARDE IGNAZIO VISCO CHRISTINE LAGARDE IGNAZIO VISCO

(ANSA) - "Il ritorno dell'inflazione su livelli in linea con l'obiettivo sarà più rapido e meno costoso se tutti - imprese, lavoratori e governi - contribuiranno a questo fine, rafforzando l'efficacia dell'indispensabile ancorché equilibrata normalizzazione monetaria". Così il governatore di Bankitalia Ignazio Visco. Per la politica monetaria, secondo Visco "l'orientamento deve continuare a essere definito in modo da garantire un rientro progressivo, ma non lento dell'inflazione verso l'obiettivo". E' quindi importante "tenere la barra dritta della risposta monetaria, ma con la gradualità necessaria per l'incertezza ancora non dissipata".

ignazio visco mario draghi ignazio visco mario draghi

 

4. VISCO, 'COMPLETARE UNIONE BANCARIA, RUOLO IMPORTANTE MES'

(ANSA) - "Non si può non sottolineare infine la necessità di portare a compimento l'unione bancaria, attraverso una revisione dell'attuale disciplina di gestione delle crisi nonché l'istituzione di uno schema unico di garanzia dei depositi". Lo dice il Governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, sottolineando come "i recenti fenomeni di instabilità osservati al di fuori dell'Unione europea mostrano chiaramente l'importanza di raggiungere questi obiettivi". "Non appena sarà pienamente operativa la sua riforma - aggiunge - il Mes potrà svolgere un ruolo importante fornendo una rete di sicurezza finanziaria al fondo di risoluzione unico".

 

ignazio visco foto di bacco (4) ignazio visco foto di bacco (4)

5. DRAGHI IN PRIMA FILA ALLE CONSIDERAZIONI FINALI DI VISCO

(ANSA) - Mario Draghi è in prima fila questa mattina ad ascoltare le ultime considerazioni finali del governatore di Bankitalia Ignazio Visco. L'ex presidente della Bce, ex premier ed ex governatore della Banca d'Italia è poco distante da Mario Monti, Gianni Letta, Lamberto Dini, Daniele Franco e Antonio Patuelli.

 

6. BANKITALIA, OGGI L’ULTIMA RELAZIONE DI VISCO

Estratto da "il Messaggero"

 

Come sempre, platea affollata di banchieri e industriali, direttorio al completo in prima fila. Oggi le ultime Considerazioni Finali del governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, vedono il ritorno della presenza completa degli invitati nei saloni di Via Nazionale.

 

mario draghi ugo zampetti considerazioni finali ignazio visco 2023 mario draghi ugo zampetti considerazioni finali ignazio visco 2023

Il governatore, il cui mandato scade a novembre, come da tradizione, traccerà il bilancio dell'anno e delle prossime sfide per il Paese […] oltre che per il comparto bancario, che […] si trova ad affrontare molte richieste di aumentare i tassi passivi […].

 

Un invito arrivato sia dal ministro dell'economia Giorgetti sia dalla Bce e che limerà i forti margini […]. […] Ma le considerazioni saranno anche il punto finale di dodici anni del suo mandato in cui l'istituto, e il paese sono profondamente cambiati.

mario draghi daniele franco considerazioni finali di ignazio visco 2023 mario draghi daniele franco considerazioni finali di ignazio visco 2023 mario draghi lamberto dini considerazioni finali di ignazio visco 2023 mario draghi lamberto dini considerazioni finali di ignazio visco 2023 mario draghi alle considerazioni finali di ignazio visco 2023 mario draghi alle considerazioni finali di ignazio visco 2023 mario monti e mario draghi considerazioni finali ignazio visco 2023 mario monti e mario draghi considerazioni finali ignazio visco 2023 mario draghi daniele franco considerazioni finali ignazio visco 2023 mario draghi daniele franco considerazioni finali ignazio visco 2023

MARIO DRAGHI CON LA MASCHERINA E IL DISCORSO DI IGNAZIO VISCO DURANTE L EMERGENZA COVID MARIO DRAGHI CON LA MASCHERINA E IL DISCORSO DI IGNAZIO VISCO DURANTE L EMERGENZA COVID

IGNAZIO VISCO FABIO PANETTA IGNAZIO VISCO FABIO PANETTA

ignazio visco foto di bacco (2) ignazio visco foto di bacco (2) ignazio visco foto di bacco (3) ignazio visco foto di bacco (3)

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SONO GIORNI CHE FA UN CALDO DA TOGLIERE IL RESPIRO MA GIORGIA MELONI SUDA FREDDO - GIUNTA A UN BIVIO IN CUI E' DIVENTATO INUTILE IL SUO CAMALEONTISMO DA ATTRICE DI BORGATA, E’ SCOCCATA L’ORA DELLE “DECISIONI IRREVOCABILI” (COME DIREBBERO I SUOI) - LO HA BEN CAPITO IERI, A PALAZZO CHIGI: LA DUCETTA E’ SVENUTA QUANDO IL NEO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO EUROPEO, ANTONIO COSTA, HA COMUNICATO CHE IL DIRITTO DI VETO VERRA’ CASSATO: CON IL VOTO ALL’UNANIMITÀ NON SI PUÒ PIÙ GOVERNARE L’UNIONE EUROPEA, NE APPROFITTANO I PICCOLI STATI OSTILI A BRUXELLES PER METTERE IL BASTONE TRA LE RUOTE - È QUELLO CHE SUCCEDE A CHI DIMENTICA IL TERZO PRINCIPIO DELLA DINAMICA: AD OGNI AZIONE CORRISPONDE UNA REAZIONE UGUALE E CONTRARIA. E’ CHIARO CHE IL NO AL BIS DI URSULA CONDANNA IL GOVERNO DUCIONI A UNA EMARGINAZIONE CON ‘’RAPPRESAGLIA’’ SU COMMISSARI E FINANZIARIA. E AL SUO FIANCO, NON C’È PIÙ LA FORZA ITALIA SDRAIATA AI SUOI VOLERI MA UNA LEGA IN MODALITÀ ORBAN-LE PEN OSTILE NEI CONFRONTI DELL’UNIONE EUROPEA CHE MAI, COME NELL’ATTUALE DISORDINE MONDIALE, HA BISOGNO DI ESSERE UNITA PER NON FARSI TROVARE IMPREPARATA DALL’ESITO A NOVEMBRE DELLE PRESIDENZIALI AMERICANE

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…