È TUTTA COLPA DEL GOVERNO PRECEDENTE - NEL SECONDO TRIMESTRE CALA LA DISOCCUPAZIONE AL 9,9%, IL DATO PIÙ BASSO DAL 2011 - IL NUMERO DEGLI OCCUPATI CRESCE DI 130MILA UNITÀ, CON L'AUMENTO DEI DIPENDENTI PERMANENTI - NELLA RICERCA PREVALE SEMPRE IL CANALE INFORMALERIVOLGERSI A PARENTI, AMICI E CONOSCENTI (82,7%); SEGUONO L'INVIO DI CURRICULUM (65,4%) E LA RICERCA TRAMITE INTERNET (55,6%)

-

Condividi questo articolo

Da www.ansa.it

 

Nel secondo trimestre dell'anno il tasso di disoccupazione scende al 9,9% (-0,4 punti). Lo comunica l'Istat, diffondendo i dati sul mercato del lavoro.

A livello trimestrale è il dato più basso dopo il quarto trimestre del 2011 (9,2%).

PIENA OCCUPAZIONE PIENA OCCUPAZIONE

Nel secondo trimestre il numero degli occupati cresce di 130 mila unità (+0,6%) rispetto al trimestre precedente, con l'aumento dei dipendenti permanenti (+97 mila, +0,7%) e quello "meno intenso" dei dipendenti a termine (+16 mila, +0,5%) e degli indipendenti (+17 mila, +0,3%).

 

L'Istat segnala che prosegue ma "a ritmi meno sostenuti" anche la crescita rispetto allo stesso trimestre dell'anno scorso, con +78 mila occupati (+0,3%), dovuta ai dipendenti permanenti (+112 mila, +0,7%) a fronte del calo di quelli a termine (-15 mila, -0,5%) e indipendenti (-19 mila, -0,4%).

 

Nella ricerca di lavoro, seppure in lieve diminuzione, continua a prevalere l'uso del canale informalerivolgersi a parenti, amici e conoscenti rimane la pratica più diffusa (82,7%, -0,7 punti); seguono l'invio di curriculum (65,4%, -0,5 punti) e la ricerca tramite internet (55,6%, -2,0 punti). E' quanto emerge dalla rilevazione Istat relativa al mercato del lavoro nel secondo trimestre dell'anno. Aumenta tuttavia sia la quota di disoccupati che ha contattato il Centro pubblico per l'impiego (22,3%, +1,1 punti) sia quella di quanti si sono rivolti alle agenzie di somministrazione (12,2%, 1,6 punti).

ISTAT OCCUPAZIONE 1 ISTAT OCCUPAZIONE 1

 

 

Condividi questo articolo

business