È TUTTA COLPA DEL GOVERNO PRECEDENTE - NEL SECONDO TRIMESTRE CALA LA DISOCCUPAZIONE AL 9,9%, IL DATO PIÙ BASSO DAL 2011 - IL NUMERO DEGLI OCCUPATI CRESCE DI 130MILA UNITÀ, CON L'AUMENTO DEI DIPENDENTI PERMANENTI - NELLA RICERCA PREVALE SEMPRE IL CANALE INFORMALERIVOLGERSI A PARENTI, AMICI E CONOSCENTI (82,7%); SEGUONO L'INVIO DI CURRICULUM (65,4%) E LA RICERCA TRAMITE INTERNET (55,6%)

-

Condividi questo articolo

Da www.ansa.it

 

Nel secondo trimestre dell'anno il tasso di disoccupazione scende al 9,9% (-0,4 punti). Lo comunica l'Istat, diffondendo i dati sul mercato del lavoro.

A livello trimestrale è il dato più basso dopo il quarto trimestre del 2011 (9,2%).

PIENA OCCUPAZIONE PIENA OCCUPAZIONE

Nel secondo trimestre il numero degli occupati cresce di 130 mila unità (+0,6%) rispetto al trimestre precedente, con l'aumento dei dipendenti permanenti (+97 mila, +0,7%) e quello "meno intenso" dei dipendenti a termine (+16 mila, +0,5%) e degli indipendenti (+17 mila, +0,3%).

 

L'Istat segnala che prosegue ma "a ritmi meno sostenuti" anche la crescita rispetto allo stesso trimestre dell'anno scorso, con +78 mila occupati (+0,3%), dovuta ai dipendenti permanenti (+112 mila, +0,7%) a fronte del calo di quelli a termine (-15 mila, -0,5%) e indipendenti (-19 mila, -0,4%).

 

Nella ricerca di lavoro, seppure in lieve diminuzione, continua a prevalere l'uso del canale informalerivolgersi a parenti, amici e conoscenti rimane la pratica più diffusa (82,7%, -0,7 punti); seguono l'invio di curriculum (65,4%, -0,5 punti) e la ricerca tramite internet (55,6%, -2,0 punti). E' quanto emerge dalla rilevazione Istat relativa al mercato del lavoro nel secondo trimestre dell'anno. Aumenta tuttavia sia la quota di disoccupati che ha contattato il Centro pubblico per l'impiego (22,3%, +1,1 punti) sia quella di quanti si sono rivolti alle agenzie di somministrazione (12,2%, 1,6 punti).

ISTAT OCCUPAZIONE 1 ISTAT OCCUPAZIONE 1

 

 

Condividi questo articolo

business

È SCOPPIATA UNA GUERRA TRA DUE MULTINAZIONALI DEL TABACCO: BRITISH AMERICAN TOBACCO (BAT), NON RIUSCENDO A COMPETERE CON LA IQOS DI PHILIP MORRIS, PRESENTA UN ESPOSTO CONTRO LA CONCORRENTE - DIETRO C'È IL GRANDE TEMA CHE DIVIDE LE DUE AZIENDE: LE VECCHIE SIGARETTE CONTRO I NUOVI PRODOTTI A TABACCO RISCALDATO. BAT HA CHIESTO AL GOVERNO DI NON AUMENTARE LE IMPOSTE SULLE ''BIONDE'', CHIEDENDO INVECE DI PUNIRE LE ALTERNATIVE CHE FANNO MOLTO MENO MALE. MA COME? PURE BAT HA UN PRODOTTO IN QUEL MERCATO! MA...