UBI SBANCA E MASSIAH LASCIA. A RAPPRESENTARE INTESA SARÀ GAETANO MICCICHÈ CHE SI È MOLTO PRODIGATO CON I RIOTTOSI SOCI DI UBI – ORA, PRIMA DI PENSARE ALL’RCS DI CAIRO, VISTO IL COSTO DELL’OPS, MESSINA DEVE RISPETTARE GLI IMPEGNI CON I SUOI AZIONISTI – L’UNICO CHE PUÒ CANTARE VITTORIA È CIMBRI: CON UN ESBORSO DI 100 MLN, UNIPOL SI PORTA A CASA UNA RAMIFICAZIONE SUL TERRITORIO CHE VALE MOLTO 

-

Condividi questo articolo

ubi - Victor Massiah, Letizia Moratti e Andrea Moltrasio ubi - Victor Massiah, Letizia Moratti e Andrea Moltrasio

Rosario Dimito per “il Messaggero”

 

Victor Massiah trae le conseguenze della fallita resistenza all'Opas di Intesa Sanpaolo andata in porto con oltre il 90% e, come anticipato dal Messaggero del 24 luglio, ieri ha rassegnato le dimissioni con effetto immediato, al termine del cda che ha approvato una brillante semestrale chiusa con un risultato in aumento del 38%.

 

Carlo Messina e victor Massiah Carlo Messina e victor Massiah

«Approfitto di questa occasione - ha detto il banchiere durante la conference call con gli analisti - per dare un abbraccio e dire un arrivederci a tutti gli analisti che ci hanno seguito nel corso di questi anni. Per me è stato un onore - ha concluso - ed un piacere interagire sia durante le conference call sia durante gli incontri one to one». 

 

carlo messina gaetano micciche carlo messina gaetano micciche

L'interim è stato affidato al vicario Elvio Sonnino mentre «i consiglieri di Ubi - in una nota - manifestano la propria intenzione di rimettere il proprio mandato nelle mani dell'offerente rimanendo, se del caso, in carica per garantire la continuità operativa e gestionale nonché la corretta amministrazione della Banca fino all'assemblea di rinnovo degli organi». 

miccichè cairo miccichè cairo

 

Dopo il muro contro muro che ha caratterizzato tutta la vicenda, sin dal lancio dell'Ops di Intesa (17 febbraio), nelle ultime ore c'è stato finalmente il disgelo fra le parti. Durante il week end passato, un paio di volte il ceo di Intesa, Carlo Messina, avrebbe avuto colloqui telefonici con la presidente di Ubi, Letizia Moratti, concordando i passi successivi relativi alla transizione e dando garanzie riguardo la prima linea manageriale e i dipendenti bergamaschi. 

 

LE TAPPENel prossimo cda di Ubi che dovrebbe tenersi giovedì 6 verrà cooptato il successore di Massiah alla guida: sarà quasi certamente un manager di Intesa sul cui nome Messina avrebbe fatto un breve cenno durante il cda straordinario di Ca' de Sass, ieri pomeriggio, che ha tirato le somme dell'operazione. 

 

Bazoli e Victor Massiah Bazoli e Victor Massiah

Il suo arrivo servirà a fare da trait-d'union fra i due istituti fino all'insediamento della nuova governance in occasione dell'assemblea straordinaria per la nomina del nuovo board, senza indebolire però la prima linea sul fronte dei crediti di Via Monte di Pietà. Ecco perché l'ipotesi Raffaello Ruggieri, presa in esame in un primo tempo, è poi sfumata: avrebbe privato Intesa di una figura-chiave in un settore nevralgico in questo contesto di crisi e ripresa post-Covid. 

 

Messina avrebbe perciò privilegiato una soluzione più alta: un top manager di grande esperienza, con uno skill rodato nei rapporti con la clientela, specie quella top del mondo corporate, con un nome e una reputazione altissima, versatile al punto da aver ricoperto incarichi in mondi diversi da quello della finanza, il cui distacco in Ubi non creerebbe però disagi all'attività quotidiana di Intesa. 

carlo cimbri carlo cimbri

 

Un identikit non facilmente reperibile nel mondo dei banchieri, ecco perché ieri i consiglieri di Intesa hanno pensato subito a Gaetano Miccichè, attuale chairman della divisione Investment banking dell'istituto, considerato l'uomo delle grandi relazioni. 

 

Si diceva del cantiere aperto per predisporre il traghettamento che passerà dall'avvento della nuova governance. Domani è fissato il settlement con il pagamento del prezzo dell'Opas e a quel punto l'operazione sarà davvero chiusa.

 

carlo cimbri 3 carlo cimbri 3

Così i legali di Intesa Sp potranno inoltrare alla Moratti la lettera con la richiesta di convocazione dell'assemblea. Siccome, oltre al sell-out, ci sono da attivare le procedure per la presentazione delle liste di minoranza, i soci potrebbero essere convocati per metà ottobre. 

 

Condividi questo articolo

business

AUTOSTRADE PERDUTE - ATLANTIA DELIBERA LA SCISSIONE DI ASPI CON UN DOPPIO BINARIO: O VENDITA SUL MERCATO CON GARA INTERNAZIONALE (PER CUI SPUNTA ANCHE IL FONDO SOVRANO DEL KUWAIT) O SCISSIONE PROPORZIONALE DELLA RETE DA CONFERIRE POI IN UN VEICOLO CREATO AD HOC - MA I BENETTON CONTINUANO A TIRARE LA CORDA E GOVERNO E CDP INIZIANO A STUFARSI: LA CASSA HA PRONTA UNA LETTERA UFFICIALE PER SFILARSI DALLA TRATTATIVA, RESA IMPOSSIBILE DALL’ASSENZA DI UNA MANLEVA ALMENO SUI DANNI DEL CROLLO DI PONTE MORANDI…