È UFFICIALE: CI VOLEVA UN GOVERNO SOVRANISTA PER (S)VENDERE ALITALIA AI TEDESCHI – IL MEF E LUFTHANSA HANNO UFFICIALIZZATO L’ACCORDO PER LA CESSIONE DI UNA QUOTA DI MINORANZA DI “ITA” AI TEDESCHI – L’INVESTIMENTO INIZIALE SARÀ DI 320 MILIONI, PER IL 40% DELLA COMPAGNIA, POI ARRIVERANNO ALTRI 500 PER IL 50%. IL RESTANTE 10% RIMARRÀ AL TESORO – ORA LA PALLA PASSA ALLA CORTE DEI CONTI E POI ALL’UNIONE EUROPEA, CHE DOVRANNO DARE IL VIA LIBERA ALL’OPERAZIONE

-

Condividi questo articolo


ITA: MEF, FIRMATO ACCORDO CON LUFTHANSA

ANTONINO TURICCHI 2 ANTONINO TURICCHI 2

(ANSA) - Il Ministero dell'Economia e delle Finanze e Lufthansa hanno firmato l'accordo per la cessione di una quota di monoranza al gruppo tedesco di Ita. Il ministro dell'Economia e delle Finanze Giancarlo Giorgetti e l'amministratore delegato di Deutsche Lufthansa Carsten Spohr - è scritto in una nota diffusa in inglese - si sono incontrati oggi al Mef per confermare la conclusione dell'accordo: l'investimento di Lufthansa in Ita Airways per rilevarne una quota di minoranza dopo aver già condiviso il piano industriale della compagnia, che prevede una crescita dei ricavi di 2,5 miliardi di euro previsti quest'anno e 4,1 miliardi di euro previsti per il 2027.

 

ITA AIRWORTH - MEME BY EMILIANO CARLI ITA AIRWORTH - MEME BY EMILIANO CARLI

Alla riunione ha partecipato anche il presidente di Ita, Antonino Turicchi". Dopo la firma - prosegue la nota - l'accordo sarà sottoposto alla Corte dei Conti italiana e notificato alla Direzione Generale (DG) per la Concorrenza dell'UE. La strategia di sviluppo di Ita Airways continuerà ad essere condivisa tra i due azionisti (Mef e Lufthansa). "Questi risultati - spiega il comunicato - consentiranno la crescita e il rinnovamento della flotta, che a fine 2027 conterà 94 aeromobili rispetto agli attuali 71, con un'età media di cinque anni, e garantiranno l'ottimizzazione dei consumi di carburante e dell'impatto ambientale.

 

GIANCARLO GIORGETTI GIANCARLO GIORGETTI

L'organico, previsto quest'anno a 4.300 unità grazie alle 1.200 assunzioni in corso di perfezionamento, salirà a oltre 5.500 a fine piano". La strategia di Ita Airways - prosegue la nota - "punta ad affermarsi come player di riferimento tra i vettori full service nei tre settori intercontinentale, internazionale e domestico, con particolare attenzione al traffico di lungo raggio.

 

Questo riposizionamento strategico consentirà inoltre di rafforzare maggiormente il traffico dell'hub di Roma Fiumicino, che avrà un ruolo centrale nel modello multi-hub del Gruppo Lufthansa. Ita Airways continuerà ad essere la compagnia aerea di riferimento del Paese italiano ea rappresentare con orgoglio l'Italia nel mondo, garantendo collegamenti all'interno del Paese e con il resto del mondo, supportando lo sviluppo dei flussi turistici e di business".

CARSTEN SPOHR - CEO LUFTHANSA CARSTEN SPOHR - CEO LUFTHANSA

 

ITA: GIORGETTI, MERCATO SI SVILUPPERÀ IN INTERESSE ITALIA

(ANSA) - "La giornata di oggi segna la fine di un percorso nella storia della compagnia di bandiera nazionale, che ha portato alla prospettiva dell'integrazione con un importante vettore europeo. Con questo governo oggi si scioglie un nodo che da trent'anni condiziona il mercato del trasporto aereo in Italia. Siamo convinti che questa decisione consentirà al mercato dell'aviazione di svilupparsi nell'interesse dell'Italia". Lo afferma il ministro dell'Economia, Giancarlo Giorgetti, commentando l'accordo tra Ita e Lufthansa.

ita airways 8 ita airways 8 ita airways 9 ita airways 9 ita airways ita airways

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)