UNA VILLA A ME, UNA A TE: COSÌ I BERLUSCONI SI DIVIDONO L’EREDITÀ DI SILVIO – PROCEDE SPEDITA LA SPARTIZIONE DELL’IMPERO DEL MATTONE LASCIATO DAL CAV: “FININVEST REAL ESTATE” ACQUISISCE PER 400 MILIONI “IMMOBILIARE IDRA”, LA SOCIETÀ CHE POSSIEDE LE PRINCIPALI DIMORE DELLA FAMIGLIA – BARBARA SI PRENDE LA VILLA DI MACHERIO TANTO CARA ALLA MADRE VERONICA, A PIER SILVIO ANDRA’ VILLA GRANDE SULL'APPIA ANTICA – E ARCORE? QUANDO MARTA FASCINA SMAMMERA’, LI’ NASCERA’ UNA FONDAZIONE...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Giovanni Pons per “la Repubblica”

 

villa di macherio villa di macherio

Si è quasi conclusa la spartizione del patrimonio immobiliare lasciato in eredità da Silvio Berlusconi ai figli. Un’operazione infragruppo, annunciata ieri dalla famiglia, porterà la Immobiliare Idra - nella cui pancia sono custodite quattro grandi dimore dell’ex Cavaliere, quella di Arcore, la Certosa in Sardegna, Villa Belvedere a Macherio e Villa Grande a Roma - sotto l’ombrello della Fininvest real estate. La motivazione ufficiale è che in questo modo si potrà usufruire dell’esperienza e dei servizi della società che fa capo a Fininvest per vendere e/o valorizzare gli asset.

 

In realtà due di questi immobili hanno già una destinazione precisa: la villa di Macherio, quella che ha ospitato gli anni di Silvio insieme a Veronica Lario e ai tre figli Barbara, Eleonora e Luigi, e dove registrò il video della famosa discesa nel campo della politica del 1994, verrà acquistata da Barbara. [...]

 

VILLA GRANDE 5 VILLA GRANDE 5

[...] i 400 milioni che Fininvest real estate deve spendere per comprare da Dolcedrago la quasi totalità di Idra, è la somma di valori di perizia. La sola Villa Certosa, infatti, quella vicino a Porto Rotondo dove Berlusconi ospitò capi di stato come Vladimir Putin, Tony Blair e George Bush, ha un valore di 259 milioni determinato da una perizia dello studio Magnano del 19 gennaio 2021.

 

Il suo valore di realizzo, invece, come riferiscono fonti vicine alla holding di famiglia, potrebbe arrivare anche a 500 milioni. Quindi, nell’accordo tra i figli sull’eredità del settembre scorso, è probabilmente compreso il fatto che chi è interessato alle ville può comprarle dalla comunione degli altri fratelli ma ai valori peritali e non a quelli di mercato.

 

villa campari - silvio berlusconi villa campari - silvio berlusconi

Per esempio se Pier Silvio darà seguito al suo interessamento per Villa Grande sulla via Appia a Roma (ex villa Zeffirelli) dovrà pagare il corrispettivo alla Fininvest real estate sfruttando, come Barbara, il valore peritale. Così come deve aver fatto Marina quando ha rogitato l’acquisto di Villa Campari a Lesa sul Lago di Garda, il luogo dove a volte passava i week end con il padre.

 

Non sembra invece che abbia espresso desideri riguardo le ville la figlia Eleonora, mentre Luigi aveva già comprato dalla Fininvest la villa Borletti in via Rovani a Milano, che agli esordi era la sede della holding televisiva. Ora l’ha ristrutturata e ci è andato a vivere con la famiglia.

 

villa campari 9 villa campari 9

Un paio di settimane fa è stato inoltre venduto il Morning Glory, panfilo di oltre 50 metri che era di stanza a Viareggio dove ha sede la Perini Navi. E quando sarà completata la vendita di Villa Certosa, di cui si sta occupando l’agenzia internazionale Dils, dentro Fininvest real estate rimarrà solo Villa San Martino ad Arcore che i figli hanno deciso di non vendere ma utilizzare per le riunioni di famiglia e per ospitare una Fondazione in ricordo del padre. Al momento ad Arcore vive ancora Marta Fascina, l’ultima compagna di Silvio, a cui ha lasciato un legato del valore di 100 milioni di euro.

 

meme su marta fascina ad arcore by 50 sfumature di cattiveria meme su marta fascina ad arcore by 50 sfumature di cattiveria

Il presidente di Fininvest real estate è Adriano Galliani che deve dare un futuro anche ai terreni in Sardegna a sud di Olbia, la rinomata Costa Turchese, dove i Berlusconi avevano in progetto insediamenti alternativi alla Costa Smeralda, appena più nord. [...]

VILLA GRANDE 2 VILLA GRANDE 2 MARTA FASCINA, LA BARBIE DI ARCORE - MEME BY GIAN BOY MANETTI MARTA FASCINA, LA BARBIE DI ARCORE - MEME BY GIAN BOY MANETTI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)