WHATEVER IT GAS! – SENTITE CINGOLANI: “È BASTATO PARLARE DI PRICE CAP PER FAR CROLLARE IL PREZZO” – IL MINISTRO DELLA TRANSIZIONE ECOLOGICA DICE CHE IL GOVERNO STA LAVORANDO A UN PROVVEDIMENTO PER DARE ALLE AZIENDE IL METANO A PREZZI CONTROLLATI: “L’EUROPA SI MUOVE VELOCEMENTE PER INTRODURRE IL TETTO AL PREZZO” (SARÀ, MA SONO MESI CHE SE NE PARLA, E LA DECISIONE È STATA RINVIATA PER L’ENNESIMA VOLTA, PER LE FREGOLE DI GERMANIA E OLANDA)

-

Condividi questo articolo


GAS: APRE IN CALO A 200 EURO (-3,4%) AD AMSTERDAM

ROBERTO CINGOLANI ROBERTO CINGOLANI

(ANSA) - Avvio ancora in calo per il prezzo del gas sul mercato di Amsterdam, punto di riferimento per il metano in Europa. I future Ttf con scadenza ottobre cedono il 3,4% a 200 euro al megawattora nonostante le difficoltà dell'Europa di trovare un accordo sul price cap.

 

CINGOLANI,MISURA PER GAS A PREZZO CONTROLLATO AD AZIENDE

(ANSA) – Il Governo sta lavorando a un provvedimento per dare una certa quantità di gas a prezzo controllato alle aziende che stanno soffrendo. Lo ha detto il ministro per la transizione Ecologica Roberto Cingolani a Radio 24 spiegando che il provvedimento dovrebbe arrivare la settimana prossima.

 

MEME SU PUTIN E IL GAS MEME SU PUTIN E IL GAS

"Gli operatori che mettono questo gas a disposizione - ha detto - non sono delle onlus, sono aziende quotate in Borsa, non gli si può chiedere di regalare allo Stato il gas da dare a prezzo scontato, ci sono degli investitori a cui devono spiegare l'operazione". Cingolani ha l'ipotesi in campo per risolvere questo problema.

 

"Stiamo contestualmente pensando - ha aggiunto il ministro - di consentire l'estrazione di una quantità piccola ma significativa di gas, quattro o cinque miliardi di metri cubi sui giacimenti esistenti senza contare l'alto Adriatico che è critico per tanti motivi per aumentare l'autonomia italiana ed acconsentire agli operatori di compensare questo sforzo he farebbero per dare alle nostre aziende gas a prezzo scontato".

 

TETTO LA QUALUNQUE - BY CARLI TETTO LA QUALUNQUE - BY CARLI

 Il ministro ha poi spiegato che servirà il voto del parlamento. "Io voglio portare questa cosa la settimana prossima - ha aggiunto - Dopodiché deve essere votata in Parlamento. Spero che venga votata positivamente perché è l'unica cosa che possiamo fare per alleviare le sofferenze delle aziende. Se qualcuno vota contro poi lo dovrà spiegare alle aziende".

 

GAS: CINGOLANI, GIÀ CHIAMATI ESPERTI PER PRICE CAP

(ANSA) - L'Europa si muove velocemente per l'introduzione del price cap sul gas: "già ieri c'è stata la chiamata per un primo gruppo di esperti, tra cui un italiano", ha detto il ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani intervistato da Radio 24. Cingolani ha spiegato che è stato dato il mandato "per settembre" a studiare il price cap e che "nell'arco di due settimane" ci saranno le prime indicazioni. "Per la decisione - ha spiegato - non serve l'unanimità, si va a maggioranza qualificata"

mario draghi roberto cingolani mario draghi roberto cingolani

 

GAS: CINGOLANI,È BASTATO PARLARE PRICE CAP PER CROLLO PREZZO

(ANSA) - "E' bastato parlare di price cap, di tetto al prezzo del gas e il prezzo gas e il prezzo è caduto. Putin diceva una parola e saliva, non è credibile, è troppo volatile". Lo ha detto il ministro per la Transizione ecologica in un 'intervista a Radio 24 parlando di un mercato di riferimento per il gas "folle" con "dei prezzi che non riflettono la realtà".

 

"Mettiamo in ginocchio le imprese europee e i cittadini - ha proseguito - perché c'è un mercato che dà dei costi del gas che non hanno senso. Nella risoluzione finale in Europa - ha spiegato - "i 27 hanno dato mandato di far una proposta sul price cap entro settembre. Se questo è un insuccesso qualcuno mi spieghi cosa sia il successo".

PUTIN E IL GAS - BY EDOARDOBARALDI PUTIN E IL GAS - BY EDOARDOBARALDI GAS N ROSES - MEME BY CARLI GAS N ROSES - MEME BY CARLI PUTIN E IL GAS - BY EMILIANO CARLI PUTIN E IL GAS - BY EMILIANO CARLI

 

 

Condividi questo articolo

business

UN WURSTELONE PER IL GOVERNO ITALIANO – LUFTHANSA VUOLE PRENDERSI “ITA” A PREZZO DI SALDO: LA COMPAGNIA TEDESCA OFFRE 250 MILIONI PER IL 51% DELL’EX ALITALIA. MENO DELLA METÀ DEL GENNAIO 2022, QUANDO SI PROPOSE INSIEME A MSC, E VENNE RIFIUTATA DAI TECNICI DEL MEF (GUIDATI DAL DG ALESSANDRO RIVERA) – ORA LA MAGGIORANZA STA LAVORANDO PER CONVINCERE APONTE A TORNARE IN PISTA: GLI AMBASCIATORI CHE DOVREBBERO CONVINCERE IL CAPO DI MSC SONO GIANNI LETTA E/O FABRIZIO PALENZONA. MA SARÀ DURA…