DAGOGAMES BY FEDERICO ERCOLE – “RISE OF THE RONIN” PER PS5 È UN “OPEN WORLD” D’AZIONE MARZIALE PROFONDA E APPAGANTE, DALL’ESTETICA DATATA SEBBENE MAI SGRADEVOLE E SUGGESTIVA, CHE CI PONE IN UN AFFASCINANTE E DRAMMATICO PERIODO STORICO PER IL GIAPPONE, LA METÀ DEL DICIANNOVESIMO SECOLO, QUANDO L’OCCIDENTE GIUNGE NELLE TERRE DEGLI SHOGUN - UN OTTIMO GIOCO PURTROPPO SOTTOVALUTATO DA UNA CRITICA E UN PUBBLICO VIZIATI DA GRAFICHE MILIARDARIE QUANTO ORMAI INSOSTENIBILI, DESTINATO A DIVENTARE UN “CULT”… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Federico Ercole per Dagospia

rise of the ronin 16 rise of the ronin 16

Mentre risulta sempre più catastrofico per i lavoratori, l’industria e persino per i giocatori, un sistema produttivo fondato su troppo sporadici colossal miliardari che richiedono anni di sviluppo, ecco giungere su una Playstation 5 che necessita di un parco giochi più ampio, diversificato e soprattutto giapponese, un videogioco realizzato in tempi non iperbolici e con uno sforzo economico non eccessivo. Si tratta di Rise of the Ronin, un’esclusiva PS5  che la comunità sempre insoddisfatta, antipatica, spesso incompetente e arrogante dei “veri gamer” sta già etichettando come prodotto vecchio e sbrigativo, lamentando soprattutto una grafica non al passo con i tempi.

rise of the ronin 12 rise of the ronin 12

 

 Peccato, perché c’è bisogno di videogame come questo, di cose senza dubbio buone senza essere capolavori, opere più che dilettevoli che ampliano e diversificano l’offerta,  sebbene si rifacciano a canoni forse abusati ma non per questo riciclati con pigrizia e cattivo gusto, in questo caso quelli dell’ “open world”, un mondo da esplorare con una relativa libertà alle cui regole e dinamiche il Team Ninja (maestri giapponesi di uno “sword & sorcery” complesso e talvolta eccelso come nei due Nioh) non hanno saputo applicare la stessa sapienza e rigore dimostrate in altri ambiti creativi.

rise of the ronin 10 rise of the ronin 10

 

Tuttavia non temiate, l’esplorazione di Rise of the Ronin, sebbene non sia una fonte di meraviglia panoramica se non in rarissimi momenti, è assai più interessante e gratificante, funzionale al gioco, che in tanti “open world” più blasonati e belli da vedere, soprattutto quelli di Ubisoft e dei loro ultimi Assassin’s Creed. Questo perché malgrado le ambientazioni talvolta suggestive, anche se sembrano provenire dalla precedente generazione Playstation (Ghost of Tsushima sulla quarta console di Sony stupiva lo sguardo assai più dell’opera di Team Ninja sulla quinta, ma quanto sarà costato di più?)

 

rise of the ronin 11 rise of the ronin 11

Rise of the Ronin vanta un sistema di combattimento davvero eccezionale, appagante e vario oltre che una trama narrativa talvolta persino emozionante, che affascina grazie al suo tappeto storico. Insomma, se amate il Giappone più  o meno antico, vi state crogiolando in Shogun o avete visto tutto lo straordinario Kenshin,  e preferite una giocabilità che esalta alla grafica strabiliante, Rise of the Ronin potrebbe dilettarvi per innumerevoli ore, risultando più “vero”, proprio perché giapponese, del comunque bellissimo, diverso,  Ghost of Tsushima che è una produzione invece occidentale. 

 

rise of the ronin 8 rise of the ronin 8

QUANDO L’OCCIDENTE ARRIVÒ IN GIAPPONE

Rise of the Ronin si svolge durante il crepuscolo degli anni detti “Bakumatsu” , tardo periodo Edo, quando il “Bakufu”, ovvero la reggenza degli Shogun, si sta esaurendo con l’avvento delle civiltà occidentali in Giappone. Siamo a metà circa del 1800 e controlliamo uno dei due gemelli appartenenti ad un ordine ancestrale di guerrieri. Solo uno, perché dopo un colpo di scena assai efficace dovremo scegliere con quale di questi, femmina o maschio, proseguire la storia. Capiterà tuttavia che alcuni alleati lotteranno con la o il protagonista.

rise of the ronin 14 rise of the ronin 14

 

Eccoci dunque dopo fughe e drammi nei pressi di Yokohama, dove l’occidente sta diffondendo la sua presenza colonialista, le sue architetture e i suoi modi. Questa chimerica compresenza tra antichità e un nuovo presente è dipinta con arte e studio, risultando uno scenario più che affascinante dove complotti, tradimenti, tentativi di rivoluzione e fantasmi di dominio miscelano una drammaturgia “shakespeariana “ alla storia giapponese,  che “shakespeariana” sembra esserlo a priori e inconsciamente, come ha dimostrato ad esempio Akira Kurosawa con Ran o Il Trono di Sangue. 

rise of the ronin 13 rise of the ronin 13

 

Così viaggiamo, liberiamo villaggi oppressi, giochiamo a dadi, fotografiamo panorami e persone con un prototipo, planiamo con le ali di un aliante, cementiamo o inaspriamo fino al conflitto i rapporti con innumerevoli personaggi anche storici sebbene romanzati, ma soprattutto combattiamo e questa è l’azione migliore offerta dal Team Ninja.  Ah, e per chi ama i gatti c’è un’attività opzionale tenera e dilettevole.

rise of the ronin 5 rise of the ronin 5

 

MILLE MODI PER UCCIDERE

Si possono usare ovviamente spade come katane e persino lame occidentali, le “odachi” ovvero spadoni tipo quello di Sephiroth, lance, stelle ninja, archi o armi da fuoco; combinandole nella proria strategia offensiva e difensiva. Si para, si reagisce all’attacco, si schiva, si libera con una veloce scossa la lama dal sangue nemico per riacquistare energia. Tecnica, velocità e personalizzazione dello stile marziale,  che diventano tattica dell’azione, compiuta, quasi perfetta. Inoltre c’è un’attenzione notevole, come in altri giochi di Team Ninja, all’estetica e alla varietà delle armi, all’abbigliamento.

 

rise of the ronin 3 rise of the ronin 3

Ci sono decine e decine di vesti e di armi, così che persino i nemici generici sembrano tutti diversi, come il protagonista la cui forma cambia sempre grazie ad un nuovo kimono, un’armatura, delle calzature. Rise of the Ronin, incompreso e forse addirittura travisato, diventerà probabilmente un’opera di culto, un territorio numerico esclusivo per appassionati di storia, cultura e arte giapponese, oltre per chi ama dilettarsi con virtuosismo e piacere in una marzialità virtuale raramente così profonda e precisa.

 

 

rise of the ronin 4 rise of the ronin 4 rise of the ronin 6 rise of the ronin 6

 

rise of the ronin 2 rise of the ronin 2

 

rise of the ronin rise of the ronin rise of the ronin 15 rise of the ronin 15 rise of the ronin 7 rise of the ronin 7 rise of the ronin 9 rise of the ronin 9

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…