ALE-DANNO GIOCA AL PICCOLO ARCHITETTO IN MEZZO ALLE ARCHI-STAR - E ARRIVANO TUTTI QUANDO CI SONO AFFARI DA FARE: DAL RADICAL-CHIC RENZO PIANO ALL'ULTRAS FUKSAS, DALL'EX GAROFANO DI BETTINO PAOLO PORTOGHESI AL 'PONTIERE VENEZIANO' CALATRAVA - IL SINDACO FA IL RAGAZZO DEL MURETTO ALL’ARA PACIS - CON L'AUTORE DELLA 'BARA PACIS' RICHARD MEIER - PER ANNUNCIARE LA ROMA CHE VERRÀ (EIA EIA TRALLALÀ) NELL’ERA RETROMANNIANA E ORA DISPONIBILE ANCHE IN FORMATO POLVERINIZZATA: “CREDIAMO IN UN'URBANISTICA E IN UN'ARCHITETTURA AL SERVIZIO DEL POPOLO” (O POPOLO BUE, QUANTI DELITTI SI FANNO NEL TUO NOME)

Condividi questo articolo


  • Pierre de Nolac per "Italia Oggi"
    Foto di Umberto Pizzi da Zagarolo

    RENZO PIANO GIANNI ALEMANNO ZIZZI ACCAMERENZO PIANO GIANNI ALEMANNO ZIZZI ACCAME

    Le parole del sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ieri mattina hanno fatto tremare parte del pubblico dell'Auditorium: «Crediamo in un'urbanistica e in un'architettura al servizio del popolo». Qualcuno, con il cuore a sinistra, ha evocato lo scenario della terza Roma mussoliniana, ma di progetti il primo cittadino ha dimostrato di averne, nel convegno mondiale in corso nella struttura progettata da Renzo Piano.

    RENZO PIANO CLAUDIO TOTIRENZO PIANO CLAUDIO TOTI

    Si è registrato il tutto esaurito, nella sala Petrassi (che a qualche architetto ricorda il cognome di un noto costruttore capitolino più che l'insigne e indimenticato musicista Goffredo, di Zagarolo) e pure qualche spintone per riuscire ad entrare. Con qualche siparietto curioso, come le affettuosità tra l'ex assessore capitolino Pd, Gianni Borgna, e Teodoro Buontempo della Destra di Francesco Storace. Il sindaco ha rilanciato l'allarme sul piano regolatore «minacciato dalle sentenze del Tar».

    RENZO PIANORENZO PIANO

    A moderare l'incontro il presidente dell'ordine degli architetti, Amedeo Schiattarella, che ha introdotto tutti gli interventi, a cominciare da quello dell'assessore comunale Marco Corsini. Al tavolo alcuni dei maggiori architetti contemporanei, tra cui Richard Meier, Massimiliano Fuksas, Paolo Portoghesi e Santiago Calatrava. Oggi sarà il turno di Piano, Zaha Adid e Leon Krier.

    PAOLO PORTOGHESI RENZO PIANOPAOLO PORTOGHESI RENZO PIANO

    Tema del primo giorno, «La città storica, le aree dismesse come provocazione allo sviluppo», Oggi si prosegue «dall'espansione alla ricostruzione dell'identità». All'ingresso della Auditorium, intanto, a denunciare l'esclusione dei territori dal dibattito c'erano alcuni presidenti di municipio di centrosinistra, come Sandro Medici, già noto come giornalista del quotidiano il manifesto. I minisindaci hanno definito l'evento dell'Auditorium come «una inutile passerella e una messa in scena sul futuro urbanistico di Roma».

    PAOLO PORTOGHESI GIANNI ALEMANNO RENZO PIANOPAOLO PORTOGHESI GIANNI ALEMANNO RENZO PIANO

    La risposta di Alemanno è stata rapidissima: «Quello di oggi è un momento di un percorso più vasto e dopo il workshop ci sarà un confronto con le realtà e il sentimento popolare». Intanto, a Richard Meier sono state proposte nuove possibili collaborazioni nelle periferie perché «ha uno stile moderno in grado di valorizzarle artisticamente». E il sindaco ha promosso la riqualificazione di via Giulia nel lato vicino il liceo Virgilio, con un concorso di progettazione per un «intervento di ricucitura sul tessuto preesistente». Ma se Alemanno punta sul cemento, alla provincia di Roma di Nicola Zingaretti si scommette sul verde.

    MUSICA COCKTAILMUSICA COCKTAIL

    Così a palazzo Valentini ieri sono state promosse le aree situate nei dintorni della capitale. La Provincia intende rilanciare questi spazi verde sempre come più luoghi di incontro e di svago per tutti. E sono cinque le riserve naturali che vengono gestite dall'amministrazione provinciale, verranno investiti 3 milioni di euro di cui 1milione e 200mila per il rifacimento dei tabelloni dei parchi, della segnaletica conoscitiva e per la realizzazione di aree di benvenuto. E con un investimento di 600mila euro si dovrebbe rendere navigabile il tratto del Tevere tra le riserve di monte Soratte e quella di Nazzano Tevere Farfa.

    MASSIMILIANO FUKSAS SANTIAGO CALATRAVAMASSIMILIANO FUKSAS SANTIAGO CALATRAVA

     

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY

    ultimi Dagoreport

    DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

    DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

    DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

    DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…