CAFONALINO IN CAMICIA NERA – NEL CENTENARIO DELLA MARCIA SU ROMA ALDO CAZZULLO HA MESSO IN SCENA AL TEATRO INDIA LO SPETTACOLO “IL DUCE DELINQUENTE”, TRATTO DAL SUO LIBRO "MUSSOLINI, IL CAPOBANDA" – SUL PALCO MONI OVADIA CON BOCCOLI BIANCHI E LA MUSICISTA GIOVANNA FAMULARI. AUGIAS HA INTRODOTTO LA SERATA - IN PLATEA UN SORTINO TRAFELATO, LO STRABORDANTE LUCA TELESE IN COMPAGNIA DI SIMONA ERCOLANI, FABRIZIO RONCONE IN VERSIONE “TENENTE COLOMBO” CHE PARLA FITTO FITTO CON SERENA BORTONE…

-

Condividi questo articolo


Luciano di Luciano Di Bacco per Dagospia

 

Estratto dell'articolo di Valentina Venturi per “Il Messaggero – Cronaca di Roma”

 

aldo cazzullo giovanna famulari moni ovadia foto di bacco aldo cazzullo giovanna famulari moni ovadia foto di bacco

Nell'anniversario della marcia su Roma, anche il teatro può fungere da àncora di salvezza. Lo sa bene Aldo Cazzullo che, insieme a Moni Ovadia e alla musicista Giovanna Famulari, ha intrattenuto e risvegliato le coscienze del pubblico romano, con lo spettacolo teatrale Il duce delinquente.

 

«Mi auguro - ha precisato Cazzullo qualche minuto prima di entrare in sala - che la platea di Roma, città dove vivo dal 1998, si faccia sorprendere da questa storia. Dimostrerò che il Duce non ha fatto molto per Roma, anzi. I soprusi nel quartiere di San Lorenzo lo hanno evidenziato». «Mi sono vestito in total black - scherza invece l'artista Ovadia - per adattarmi al clima della serata, ma il mio cuore resta sempre rosso». [...]

 

aldo cazzullo foto di bacco aldo cazzullo foto di bacco

Se Luca Telese in giacca di velluto marrone entra in compagnia di Simona Ercolani, Fabrizio Roncone con la sua caratteristica sahariana è insieme a Serena Bortone con cui ha parlato fitto fitto. Qualche minuto prima che si chiudessero le porte e iniziasse la lettura dell'evento, entra trafelato anche il giornalista ed ex Iena Alessandro Sortino.

 

La serata è stata introdotta da Corrado Augias: «Un regime politico durato vent' anni si giudica dalla fine e quello che ha lasciato il fascismo è stato davvero disastroso». Emozioni e riflessioni in sala.

 

Augias ha avuto il tempo di prendere posto in prima fila e il pianoforte ha suonato la canzone del 1932 Parlami d'amore Mariù le cui parole sono state intonate dolcemente dall'aretista Ovadia.

 

serena bortone fabrizio roncone foto di bacco serena bortone fabrizio roncone foto di bacco

Cent' anni fa, in questi stessi giorni, la nostra patria cadeva nelle mani di una banda di delinquenti, guidata da un uomo spietato e cattivo. Un uomo capace di tutto; persino di far chiudere e morire in manicomio il proprio figlio, e la donna che l'aveva messo al mondo. Comincia così il racconto di Aldo Cazzullo su Mussolini. E la storia prende vita.

libro di aldo cazzullo libro di aldo cazzullo

teatro india teatro india luca telese simona ercolani foto di bacco luca telese simona ercolani foto di bacco serena bortone fabrizio roncone foto di bacco (2) serena bortone fabrizio roncone foto di bacco (2) luca telese foto di bacco luca telese foto di bacco miguel gotor foto di bacco miguel gotor foto di bacco

 

aldo cazzullo foto di bacco (2) aldo cazzullo foto di bacco (2) aldo cazzullo foto di bacco (3) aldo cazzullo foto di bacco (3) aldo cazzullo foto di bacco (4) aldo cazzullo foto di bacco (4) moni ovadia foto di bacco (2) moni ovadia foto di bacco (2) alessandro sortino foto di bacco alessandro sortino foto di bacco corrado augias foto di bacco (2) corrado augias foto di bacco (2) corrado augias foto di bacco corrado augias foto di bacco corrado augias moni ovadia foto di bacco (2) corrado augias moni ovadia foto di bacco (2) corrado augias moni ovadia foto di bacco corrado augias moni ovadia foto di bacco giovanna famulari foto di bacco giovanna famulari foto di bacco libro di aldo cazzullo libro di aldo cazzullo luca telese foto di bacco (2) luca telese foto di bacco (2) moni ovadia foto di bacco moni ovadia foto di bacco pubblico pubblico

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…