CAFONALINO SUL GRANDE SCHERMO – NELLA SEDE DELL'ANICA, CON FRANCESCO RUTELLI PADRONE DI CASA, LA PRESENTAZIONE DEL SAGGIO “MEDIASET E IL CINEMA ITALIANO” È TUTTO UN RACCONTARE STORIE DI FILM, GRANDI LITIGI, TRIONFI E SPETTACOLARI TONFI – ENRICO VANZINA RICORDA GLI SCONTRI TRA CECCHI GORI E BERLUSCONI, DOMENICO PROCACCI AMMETTE DI AVER SBAGLIATO “TUTTO QUELLO CHE UN PRODUTTORE PUO’ SBAGLIARE” NEL SUO PRIMO FILM (“LA BIONDA” DI RUBINI) – FOTO BY LUCIANO DI BACCO

-

Condividi questo articolo


Foto di Luciano Di Bacco per Dagospia

 

Estratto dell'articolo di Pedro Armocida per news.cinecitta.com

 

rocco moccagatta paolo genovese domenico procacci enrico vanzina foto di bacco rocco moccagatta paolo genovese domenico procacci enrico vanzina foto di bacco

È stata una serata, […] a metà tra la classica presentazione di un volume, l'indispensabile, perché era uno studio totalmente mancante, Mediaset e il cinema italiano - Film, personaggi, avventure a cura di Gianni Canova e Rocco Moccagatta (Mondadori), la riunione di autori e manager che quella storia, fatta di circa 600 film, l’hanno costruita – Enrico Vanzina, Domenico Procacci, Paolo Genovese, Federico Di Chio, Giampaolo Letta – e la trasmissione di tutto questo portato ai giovani studenti di Anica Academy creata nel 2020 da ANICA, Medusa Film, Netflix, Rai, Paramount e Vision Distribution.

 

giampaolo letta foto di bacco (2) giampaolo letta foto di bacco (2)

Insomma si è trattato del primo appuntamento del nuovo format "Anica Academy Talks", un  programma di presentazioni, case histories e momenti di formazione che si svolgono nella storica sede Anica di Roma ora completamente rinnovata: [...]

 

Introdotta da Francesco Rutelli, presidente di Anica, la presentazione del volume, che in copertina ha Toni Servillo nei panni di Jep Gambardella nel film premio Oscar La grande bellezza di Paolo Sorrentino, è stata condotta da uno dei due curatori, Rocco Moccagatta, mentre l’altro, Gianni Canova, ha mandato un videomessaggio dal momento che è rimasto a Milano per via del lutto che ha colpito l’università Iulm di cui è rettore con il suicidio della giovane studentessa.

 

La prima parte della serata ha visto sul palco lo sceneggiatore, regista e produttore Enrico Vanzina che è stato, con il fratello Carlo, uno dei grandi protagonisti dell'epoca dorata della Penta quando ancora Vittorio Cecchi Gori collaborava con Silvio Berlusconi.

 

Ma le frizioni tra i due grandi imprenditori ci son sempre state e proprio a Enrico Vanzina è toccato assumere il ruolo di consulente generale della Penta perché, ha ricordato, «Berlusconi mi pregò, mi pregò davvero di fare da cuscinetto. La mia assistente nei grandi uffici di via Aurelia [che oggi non sono più lì, ndr] era Fabiana Moccia, la figlia del grande sceneggiatore Pipolo e sorella del futuro romanziere e regista Federico Moccia».

 

paolo genovese domenico procacci enrico vanzina foto di bacco paolo genovese domenico procacci enrico vanzina foto di bacco

Insieme a Vanzina sul palco il produttore Domenico Procacci che ha mosso i primi passi con la sua Fandango proprio grazie a Medusa che gli diede carta bianca sulle scelte editoriali. Con un inizio da brivido perché, ha ricordato con sincerità, «ho sbagliato tutto quello che un produttore avrebbe potuto sbagliare non in una ma in due carriere». Il riferimento è al «flop da dimenticare, La bionda di Sergio Rubini» che però, ha aggiunto, «quando ne rivedo dei pezzi, perché non riesco a farlo per intero, mi dico pure che c’è qualcosa di buono». […]

 

francesco rutelli sergio del prete foto di bacco francesco rutelli sergio del prete foto di bacco

 

Paolo Genovese ha invece ricordato sia l’incredibile successo che nessuno aveva immaginato di Perfetti sconosciuti, tra l'altro il film italiano con più remake al mondo della storia, sia la frase dei fratelli Taviani: «Non date al pubblico ciò che gli piace ma ciò che ancora non sa potrebbe piacergli».

 

Federico di Chio, direttore del Marketing Strategico Mediaset, ha ricostruito, insieme a Giampaolo Letta, vicepresidente e amministratore delegato di Medusa Film, i primi passi di questa casa di produzione, responsabile di 400 dei 600 film presi in esame nel rapporto tra Mediaset e il cinema, […]

paolo genovese foto di bacco paolo genovese foto di bacco rocco moccagatta foto di bacco rocco moccagatta foto di bacco giampaolo letta foto di bacco (1) giampaolo letta foto di bacco (1) giampaolo letta federico di chio foto di bacco giampaolo letta federico di chio foto di bacco paolo genovese foto di bacco (1) paolo genovese foto di bacco (1) enrico vanzina foto di bacco enrico vanzina foto di bacco luciana migliavacca foto di bacco luciana migliavacca foto di bacco libro presentato libro presentato invitati invitati gloria satta alessandra magliaro foto di bacco gloria satta alessandra magliaro foto di bacco francesco rutelli foto di bacco francesco rutelli foto di bacco giampaolo letta giuliano adreani foto di bacco giampaolo letta giuliano adreani foto di bacco giuliano adreani giampaolo letta foto di bacco giuliano adreani giampaolo letta foto di bacco paolo genovese foto di bacco (2) paolo genovese foto di bacco (2) paolo genovese foto di bacco (3) paolo genovese foto di bacco (3) fabio christian guarnaccia rocco moccagatta giampaolo letta federico di chio foto di bacco fabio christian guarnaccia rocco moccagatta giampaolo letta federico di chio foto di bacco fabio christian guarnaccia rocco moccagatta paolo genovese domenico procacci enrico vanzina foto di bacco fabio christian guarnaccia rocco moccagatta paolo genovese domenico procacci enrico vanzina foto di bacco federico baglioni rossi foto di bacco federico baglioni rossi foto di bacco federico di chio foto di bacco (1) federico di chio foto di bacco (1) federico di chio foto di bacco (2) federico di chio foto di bacco (2) flavio natalia foto di bacco flavio natalia foto di bacco sergio del prete rocco moccagatta giampaolo letta federico di chio foto di bacco sergio del prete rocco moccagatta giampaolo letta federico di chio foto di bacco foto proiettate (1) foto proiettate (1) foto proiettate (3) foto proiettate (3) foto proiettate (2) foto proiettate (2) foto proiettate (4) foto proiettate (4) enrico vanzina foto di bacco (4) enrico vanzina foto di bacco (4) enrico vanzina foto di bacco (1) enrico vanzina foto di bacco (1) domenico procacci enrico vanzina foto di bacco domenico procacci enrico vanzina foto di bacco andrea canali foto di bacco andrea canali foto di bacco domenico procacci foto di bacco (2) domenico procacci foto di bacco (2) enrico vanzina foto di bacco (2) enrico vanzina foto di bacco (2) domenico procacci foto di bacco domenico procacci foto di bacco enrico vanzina foto di bacco (3) enrico vanzina foto di bacco (3) domenico procacci foto di bacco (3) domenico procacci foto di bacco (3) foto proiettate (5) foto proiettate (5)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?