SULLE CENERI DELLA RINASCENTE DECOLLA IL RINASCIMENTO DI ZARA: LOW-COST, HIGH-LIFE - GRAN BATTESIMO DE’ NOANTRI PER IL NEGOZIO NUMERO CINQUEMILA DEL GRUPPO SPAGNOLO - CINQUE PIANI E CINQUEMILA METRI QUADRATI RINZEPPATI COME UN UOVO DALLA ROMA GODONA CHE GODE A COMPRARE UN BEL VESTITINO (VABBÉ, RICOPIATO) SBORSANDO 49 EURO -

Condividi questo articolo


  • Flavia Fiorentino per il \"Corriere della Sera-Roma\"
    Foto di Mario Pizzi da Zagarolo

    ZARAZARA ZARAZARA SYLE

    Roma accoglie nello storico Palazzo Bocconi dell\'ex Rinascente su via del Corso, il terzo flagshipstore di Zara, modello di eco-efficienza e sostenibilità ambientale. E\' il negozio numero «cinquemila» del gruppo spagnolo Inditex e forse non è un caso che per centrare l\' obiettivo e festeggiare un risultato così importante, il colosso iberico (di cui, oltre Zara, fanno parte Pull & Bear, Massimo Dutti, Bershka, Stradivarius, Oysho, Zara Home e Uterque) abbia voluto investire proprio in questo straordinario edificio liberty.

    ZARAZARA SYLE

    Della vecchia Rinascente, che dovrebbe «risorgere» poco più avanti in via del Tritone, ma i lavori non sono ancora iniziati, fortunatamente, Palazzo Bocconi conserva ancora molto. «Abbiamo fatto un restauro conservativo - ha spiegato l\'architetto italiano Duccio Grossi che ha vinto un concorso internazionale - perchè questo storico edificio costruito nel 1886, era stato ideato come spazio commerciale e, seppure con alcune modifiche, il concetto di base è ancora attuale».

    ZARAZARA SYLE

    Più luminosa e leggera l\'ambientazione, dove domina il bianco che accompagna una divisione sobria e razionale dei capi esposti. «Oggi l\'elemento che caratterizza lo spazio è la luce, catturata dalle grandi finestre riaperte dopo decenni e rilanciata da un sistema di lamiere forate-aggiunge Grossi - mentre di sera, è la luce che da qui esce verso la strada e cambia il rapporto con la città».

    Anche se esattamente al centro tra altri due store dello stesso marchio, quello all\'altezza di via Condotti e l\'altro nella Galleria Alberto Sordi, il nuovo Palazzo Zara, cinque piani e cinquemila metri quadrati, il più grande al mondo, è il portabandiera della nuova politica «ecosostenibile» del gruppo spagnolo.

    ZARAZARA SYLE ZARAZARA SYLE

    L\'intervento di restauro ha previsto anche un sistema di centraline per la purificazione dell\'aria con misurazione costante dei livelli di azoto e ossigeno. «Un punto vendita - spiegano i vertici di Zara - che consuma il 30% in meno di energia rispetto a un negozio tradizionale e permette di risparmiare il 70% sul consumo di acqua evitando l\'emissione di oltre 200 tonnellate di CO2 all\'anno». Un esempio che sarà seguito, d\'ora in poi, in tutti gli store targati Inditex

     

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY

    ultimi Dagoreport

    DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

    SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

    LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

    DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE