ISRAELE PROVA A CHIUDERE I RUBINETTI FINANZIARI AD HAMAS – GERUSALEMME ORDINA IL BLOCCO DI PIÙ DI 100 CONTI CORRENTI IN BITCOIN PER COLPIRE I FINANZIAMENTI ALL’ORGANIZZAZIONE TERRORISTICA PALESTINESE - PER ANNI I GRUPPI TERRORISTI HANNO UTILIZZATO I MERCATI DI CRIPTOVALUTE, NON REGOLAMENTATI, PER RICEVERE E TRASFERIRE DENARO – NEGLI ULTIMI GIORNI LE AUTORITÀ DI POLIZIA ISRAELIANE HANNO SEQUESTRATO MILIONI DI DOLLARI...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo del “Financial Times” – Dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

miniere criptovalute 2 miniere criptovalute 2

Israele ordina il blocco dei conti di criptovaluta nel tentativo di bloccare i finanziamenti ad Hamas. Le autorità chiudono più di 100 conti su Binance mentre sulle piattaforme dei social media appaiono appelli alle donazioni

 

Le autorità di polizia israeliane hanno ordinato la chiusura di decine di conti di criptovalute e hanno sequestrato milioni di dollari di monete crittografiche, intensificando gli sforzi di lunga data per tagliare i legami tra i mercati delle criptovalute e Hamas dopo il suo attacco al Paese. Scrive il Financial Times.

 

miniere criptovalute 10 miniere criptovalute 10

Persone che hanno familiarità diretta con le azioni di contrasto di Israele hanno dichiarato al Financial Times che più di 100 conti su Binance - la più grande borsa di criptovalute al mondo - sono stati chiusi dall'inizio dell'assalto di Hamas il 7 ottobre. Le autorità hanno inoltre richiesto informazioni su altri 200 conti di criptovalute, la maggior parte dei quali sono detenuti su Binance.

 

Binance ha confermato di aver "bloccato" un "piccolo numero" di conti dall'estate e ha aggiunto di "seguire le regole delle sanzioni riconosciute a livello internazionale". Non ha voluto fornire ulteriori commenti.

 

I governi e le autorità di regolamentazione hanno avvertito per anni che le organizzazioni terroristiche potrebbero utilizzare mercati di criptovalute poco regolamentati per ricevere e trasferire denaro. Ma l'attacco a Israele, seguito da numerosi sforzi di raccolta fondi basati sulle criptovalute da parte di Hamas e di entità collegate, ha reso queste preoccupazioni più urgenti.

esplosione all ospedale al alhi di gaza 2 esplosione all ospedale al alhi di gaza 2

 

"In questo periodo di guerra, le criptovalute sono un problema importante per il finanziamento del terrorismo, perché non ci sono altre opzioni", ha dichiarato Tom Alexandrovich, direttore esecutivo dell'Israel National Cyber Directorate. "L'ammontare [dei fondi in criptovaluta] è aumentato moltissimo dall'inizio dell'attacco", ha aggiunto.

 

Lunedì Tether, il cui token digitale è ampiamente utilizzato per il trading di criptovalute, ha dichiarato di aver congelato 32 indirizzi, contenenti più di 873.000 dollari, che a suo dire erano stati collegati a "terrorismo e guerra" in Israele e Ucraina. Non ha rivelato quando i conti sono stati bloccati o la suddivisione dei beni tra Israele e Ucraina.

 

bitcoin russia bitcoin russia

Secondo i documenti delle forze dell'ordine israeliane visionati dal Financial Times, nell'ultima settimana numerosi post sui social media hanno richiesto donazioni in criptovalute a organizzazioni legate ad Hamas.

 

Persone che hanno familiarità con l'operazione di polizia israeliana hanno dichiarato che dal 7 ottobre sono state identificate circa 150 iniziative di donazione affiliate ad Hamas e ad altri gruppi. La settimana scorsa, la polizia israeliana ha dichiarato in un post sui social media di aver congelato un numero imprecisato di conti utilizzati da Hamas per la raccolta di fondi. Ha rifiutato di commentare Binance.

 

civili morti in israele 1 civili morti in israele 1

Le autorità di regolamentazione finanziaria statunitensi hanno affermato che il denaro detenuto su Binance ha avuto legami con Hamas in passato. A marzo, una causa della Commodity Futures Trading Commission contro la borsa ha affermato che alti dirigenti di Binance avevano ricevuto informazioni "relative a transazioni di Hamas" nel 2019.

 

Un dipendente di Binance all'epoca disse ai colleghi che i terroristi di solito inviano "piccole somme" perché "grandi somme costituiscono riciclaggio di denaro", si legge nella causa. Un altro ha scherzato sul fatto che qualcuno "può a malapena comprare un AK-47 con 600 dollari". Binance ha dichiarato che si opporrà alla causa.

 

soldatesse israeliane uccise da hamas soldatesse israeliane uccise da hamas

Secondo i funzionari israeliani, già prima dell'attacco le forze dell'ordine israeliane stavano monitorando i conti di criptovaluta sospettati di avere legami con il finanziamento del terrorismo. Una persona con conoscenza diretta delle sanzioni e delle procedure di conformità di Binance ha dichiarato che sono state richieste informazioni su "centinaia" di conti della borsa.

 

"La scala è ora molto più grande [per Binance] di quanto non fosse prima [del 7 ottobre]", ha detto il dipendente di Binance.

 

"Ogni volta che Hamas pubblica un indirizzo per le donazioni, l'azienda deve tornare indietro e trovare tutti i clienti di Binance che sono stati esposti a questo indirizzo", ha aggiunto la persona.

 

CHANGPENG ZHAO CHANGPENG ZHAO

Le autorità israeliane si stanno avvalendo anche dell'aiuto del pubblico per identificare e tracciare il flusso di fondi sospetti attraverso i mercati delle criptovalute. Secondo Alexandrovich, la task force di volontari è "super importante" e moltiplica le risorse ufficiali "a decine".

 

Negli ultimi due anni le autorità israeliane hanno sequestrato milioni di shekel in conti di criptovalute sospettati di avere legami con Hamas e altre organizzazioni militanti in Medio Oriente.

 

Ad agosto, la società di analisi Elliptic ha scoperto che i portafogli di criptovalute associati a diversi gruppi sospetti del Medio Oriente hanno talvolta effettuato transazioni tra loro e che i gruppi si sono anche storicamente affidati agli stessi servizi di scambio di criptovalute nel tentativo di convertire le loro criptovalute in valute sovrane.

 

Dopo un'altra chiusura a giugno, il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha dichiarato che la lotta al finanziamento del terrorismo diventa "ancora più complessa quando sono coinvolte le valute digitali". Le autorità di regolamentazione mondiali, come il Financial Stability Board, stanno lavorando a un quadro di riferimento per affrontare il finanziamento del terrorismo attraverso le criptovalute.

 

BINANCE BINANCE

"Credo che i governi debbano concentrarsi sulla velocità con cui si muove la tecnologia... I terroristi sono intelligenti e dobbiamo rintracciarli", ha dichiarato Alexandrovich.

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?