“SOTTO LA MIA GESTIONE SOLO LA JUVE HA VINTO PIU’ TITOLI DI NOI”LOTITO SHOW ALLA FESTA PER I 63 ANNI DI GUIDO D'UBALDO, FIRMA STORICA DEL “CORRIERE DELLO SPORT” E PRESIDENTE DELL'ORDINE DEI GIORNALISTI DEL LAZIO – DA FABRIZIO RONCONE A FRANCESCA REGGIANI, DA DAVIDE DESARIO AL DEPUTATO DEM FILIPPO SENSI FINO A GIANNI TOGNI, CHE HA INTONATO “LUNA”: ECCO CHI C’ERA NEL LOCALE ALLE CAPANNELLE, A ROMA, DOVE SI È SVOLTA LA CENA – NON MANCAVA LA QUOTA GIALLOROSSA CON GLI EX CALCIATORI PICCHIO DE SISTI, SEBINO NELA E MIKI KONSEL…

-

Condividi questo articolo


1 – I 63 ANNI DI GUIDO D'UBALDO, GRANDE FESTA A ROMA

Da www.adnkronos.com

 

claudio lotito guido d ubaldo claudio lotito guido d ubaldo

Calciatori, giornalisti, politici, attori e cantanti. Tutti per festeggiare i 63 anni di Guido D'Ubaldo, firma storica del Corriere dello Sport e presidente dell'Ordine dei giornalisti del Lazio. In un locale alla Capannelle, quasi 200 persone hanno risposto all'invito di D'Ubaldo: "Ho deciso di riunire tutte le persone importanti per me, un modo per stare insieme e ricordare i vecchi tempi".

 

roberto napoletano davide desario guido d ubaldo stefano barigelli massimo martinelli roberto napoletano davide desario guido d ubaldo stefano barigelli massimo martinelli

Tra gli invitati, gli ex calciatori della Roma, Odoacre Chierico, Tonino Tempestilli, Michael Konsel, Sebino Nela e Giancarlo 'Picchio' De Sisti, l'attrice Francesca Reggiani e Gianni Togni, che ha intonato 'Luna', il deputato del Pd Filippo Sensi e il senatore di Fi e presidente della Lazio, Claudio Lotito.

 

E poi tanti colleghi di D'Ubaldo, giornalisti sportivi e non solo, volti Rai, i direttori del Messaggero, Massimo Martinelli, del Quotidiano del Sud, Roberto Napoletano, della Gazzetta dello Sport, Stefano Barigelli, dell'Adnkronos Davide Desario, Aldo Cazzullo, vice direttore del Corriere della Sera, Fabrizio Roncone e Filippo Ceccarelli.

 

2 – LAZIO, LOTITO ALLA FESTA DI COMPLEANNO DI GUIDO D'UBALDO

Da www.corrieredellosport.it

guido d ubaldo picchio de sisti guido d ubaldo picchio de sisti

 

Claudio Lotito non è voluto mancare. Senatore della Repubblica, presidente della Lazio, ma anche giornalista iscritto all’Ordine (elenco pubblicisti) ha festeggiato in presenza i 63 anni di Guido D’Ubaldo che mercoledì sera ha riunito in un locale romano quasi tutti gli amici di una vita e del suo mondo professionale.

 

D’Ubaldo è attualmente il presidente dell’Ordine dei giornalisti del Lazio e per tantissimi anni è stato la prima firma del Corriere dello Sport-Stadio al seguito della Roma.

 

guido d ubaldo con ospiti giuseppe giannini guido d ubaldo con ospiti giuseppe giannini

Alla serata hanno partecipato anche personaggi del mondo dello spettacolo (tra gli altri Gianni Togni e Francesca Reggiani) e tantissimi ex giallorossi: da Giuseppe Giannini a Sebino Nela, da Chierico a Di Carlo, passando per Cervone, Tempestilli, Candela, Konsel, Righetti, Faccini e De Sisti. Lotito era perfettamente a suo agio e si è calato nel clima festaiolo, ha preso il microfono per un saluto accanto a D’Ubaldo (a cui vanno anche i nostri auguri) scherzando sul rapporto di antica data e la rivalità calcistica.

 

«Noi siamo per i fatti, voi per le parole. E abbiamo vinto più titoli dietro la Juve sotto la mia gestione. Una volta Guido mi ha detto: “Con uno come te presidente della Roma probabilmente avremmo fatto altri risultati”».

giancarlo de sisti odoacre chierico guido d ubaldo giancarlo de sisti odoacre chierico guido d ubaldo federica serra guido d ubaldo fabrizio roncone federica serra guido d ubaldo fabrizio roncone francesca reggiani roberto napoletano francesca reggiani roberto napoletano stefano barigelli davide desario roberto napoletano stefano barigelli davide desario roberto napoletano massimo martinelli guido d ubaldo roberto napoletano davide desario massimo martinelli guido d ubaldo roberto napoletano davide desario ubaldo righetti antonio tempestilli ubaldo righetti antonio tempestilli giovanni cervone odoacre chierico guido d ubaldo giovanni cervone odoacre chierico guido d ubaldo guido d ubaldo con gianni cerqueti e alcuni ospiti guido d ubaldo con gianni cerqueti e alcuni ospiti guido d ubaldo con ospiti guido d ubaldo con ospiti stefano barigelli guido d ubaldo claudio lotito stefano barigelli guido d ubaldo claudio lotito stefano pantano guido d ubaldo stefano pantano guido d ubaldo davide desario paolo cento davide desario paolo cento

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”