1. VIVE LE ROY! L’AMBASCIATORE FRANCESE HA CAPITO COME FAR IMPAZZIRE LA ROMANELLA CAFONAL E LA POLITICA PIACIONA: PER FESTEGGIARE LA PRESA DELLA BASTIGLIA UN GIGANTE COLOSSEO FATTO DI PECORINO E UNA PIOGGIA DI PANINI CON LA PORCHETTA 2. TRA MILLE INVITATI DI PALAZZO FARNESE CHE ASCOLTANO LETTAENRICO CHE SFOGGIA IL SUO FRANCESE, GRANDI ONORI AL NUOVO ALLENATORE DELLA ROMA RUDI GARCIA 3. SFILANO L’AMBASCIATORE THORNE IN PARTENZA, CON I MINISTRI CANCELLIERI, GIOVANNINI, ZANONATO, BONINO, FRANCESCHINI CON LA DELIZIOSA FIDANZATA MICHELA DI BIASE 4. POI GLI IMMANCABILI CASINI E RICCARDI, VENDOLA CON UN IMPROBABILE COMPLETO COLOR GHIACCIO, ANNA MARIA TARANTOLA, MARISELA FEDERICI, ELENA BONELLI, ISABELLA GHERARDI, GIULIO NAPOLITANO, MICHEL MARTONE, ALESSANDRA NECCI, VALERIA LICASTRO, MARIA PIA RUSPOLI, ERIC DE CHASSEY CON ANNE CONSIGNY, EDOARDA VESSEL CROCIANI CON LA FIGLIA CAMILLA DI BORBONE, PIETRO VALSECCHI E CAMILLA NESBITT

Condividi questo articolo


  • Video di Veronica Del Soldà per Dagospia

    "Letta e la Roma cafonal scambiano Palazzo Farnese per la Bastiglia e l'assaltano"

    Foto di Luciano Di Bacco per Dagospia

    Roberta Petronio per "Il Messaggero"

    Attratti in modo irresistibile da Palazzo Farnese, sospinti da una brezza piacevolissima che attraversa la piazza, nella sua giornata di massima visibilità sociale e istituzionale. Mille invitati hanno commemorato ieri sera la presa della Bastiglia, festa nazionale francese. L'ambasciatore di Francia in Italia Alain Le Roy li attende sulla soglia del cortile, con l'elegante moglie Anne. Il grande ricevimento ha traslocato nel grande quadrato rinascimentale sotto il cielo di Roma.

    Ylenia e Lucio MalanYlenia e Lucio Malan

    E nel giardino, verdissimo, dove gli chef stanno cesellando un formaggio a forma di Colosseo. La Banda musicale dell'Arma dei Carabinieri accompagna il valzer degli arrivi, a ritmo di jazz e di swing. Poi gli inni nazionali: prima Mameli, a seguire la Marsigliese. È la prima volta per molti illustri ospiti. Debutta con un intervento in perfetto francese il premier Enrico Letta, sul palco accanto all'ambasciatore per i discorsi di benvenuto e amicizia. È la prima volta del nuovo sindaco di Roma Ignazio Marino.

    Un Colosseo di pecorinoUn Colosseo di pecorino

    È anche la prima discesa in area Farnese del nuovo allenatore della Roma, Rudi Garcia, primo ospite prestigioso della comunità francese protagonista della seconda parte della serata. L'ambasciatore Le Roy gli riserva l'onore dell'annuncio ufficiale dell'arrivo dal palco, e l'accoglienza personale all'ingresso del Palazzo. Per il tecnico francese, bagno di folla e di flash. Lui dice: «È una visita di cortesia».

    Il Governo italiano è rappresentato dai ministri Annamaria Cancellieri, Enrico Giovannini, Flavio Zanonato, Emma Bonino, Dario Franceschini accompagnato dalla fidanzata Michela Di Biase. Ci sono anche l'ex ministro Andrea Riccardi, Pier Ferdinando Casini, Nichi Vendola e Gennaro Migliore, il sindaco di Torino Piero Fassino e il sindaco dell'isola del Giglio Sergio Ortelli.

    Saverio FerraginaSaverio Ferragina Salumi per gli ospitiSalumi per gli ospiti

    Lo champagne è insidiato dallo spumante della Valdobbiadene. Sui buffet trionfano coloratissimi macaron dolci e sfoglie salate. Sfilano l'ambasciatore Usa David Thorne che si prepara a lasciare Roma, gli ambasciatori di Svizzera Bernardino Regazzoni, del Regno Unito Christopher Prentice, della Turchia Hakki Akil.

    Il resto del parterre: Anna Maria Tarantola, Marisela Federici, Elena Bonelli, Isabella Gherardi, Giulio Napolitano, Michel Martone, Alessandra Necci, Valeria Licastro, Maria Pia Ruspoli, Eric de Chassey con Anne Consigny, Edoarda Vessel Crociani con la figlia Camilla di Borbone, Pietro Valsecchi e Camilla Nesbitt.

    Riccardo PacificiRiccardo Pacifici

    «Benvenuti in questo palazzo magnifico. Il mio desiderio è aprirlo il più possibile agli italiani, perché appartiene a loro» dichiara Le Roy. Detto, fatto.

     

     

    Condividi questo articolo

    FOTOGALLERY

    ultimi Dagoreport

    DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

     

    FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

    DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

    C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…