CAFONALINO - BRUTTE NOTIZIE DAL MEETING DI CECCHERINI A FIRENZE: Sei teenager su dieci, in Italia, non vogliono gli immigrati. hanno paura di vedersi portare via il lavoro, hanno paura che aumentino scippi, violenze, piccoli crimini, ma anche mafia. Peggio degli adulti: la percentuale contraria alla presenza di stranieri cala al 41%, quella dei favorevoli al 35 (il 22 tra i ragazzi)....

Condividi questo articolo


Paolo Pellegrini per "La Nazione - QN"

tremonti, d alema, ceccherini, guzzettitremonti, d alema, ceccherini, guzzetti

Sei teenager su dieci, in Italia, non vogliono gli immigrati. Sono il 58%: hanno paura di vedersi portare via il lavoro, hanno paura che aumentino scippi, violenze, piccoli crimini, ma anche mafia. Peggio degli adulti: la percentuale contraria alla presenza di stranieri cala al 41%, quella dei favorevoli al 35 (il 22 tra i ragazzi).

E l'inquietante fotografia emersa da una ricerca di Gfk Eurisko per l'Osservatorio permanente Giovani-Editori, che l'ha proposta ieri alla platea affollata (e assai qualificata: ministri, deputati, presidenti di Fondazioni d'origine bancaria e vertici di banche, editori, direttori di giornali), del meeting Giovani lettori, nuovi cittadini, organizzato per la quarta volta con l'Acri, Associazione delle Fondazioni ex bancarie.

tempesta di giornalisti su Frattinitempesta di giornalisti su Frattini

Di contro, e assai più rassicurante, l'affresco del popolo di teenager che partecipano a Quotidiano in Classe, l'iniziativa che punta a fare crescere i giovani attraverso la lettura dei quotidiani e che vede l'Acri saldamente alleata con l'Osservatorio nella presenza di 28 Fondazioni, accanto a 16 gruppi editoriali.

tavolo di presidenti Aureliano Benedetti Banca Crf - Michele Gremigni Ente Crftavolo di presidenti Aureliano Benedetti Banca Crf - Michele Gremigni Ente Crf

Sono più di 1 milione e 700mila (due su tre, alle superiori) con, al fianco, un esercito di 44.500 prof. Hanno più attitudine a lavorare in squadra (75% contro il 69 dei «non esposti»), hanno più senso di appartenenza allo Stato, più interesse per la politica (46 a 37), più voglia di votare (63 a 44), di pagare le tasse, di sapere che cosa accade, chi decide, come e perché decide in politica.

Il giornale come possibile antidoto alla paura dell'altro, del diverso da sé. Non l'unico, certo: e allora, è tempo di iniziative. C'è la proposta di Andrea Ceccherini, presidente dell'Osservatorio: una Festa dell'Inclusione da celebrare il 3 giugno, il giorno dopo la Festa della Repubblica, quindi «una data non scelta a caso», dice Ceccherini pronto «a mettermi subito al lavoro, domani stesso, per realizzarla». E si guadagna da subito la benedizione di Massimo D'Alema e Giulio Tremonti.

tavola rotonda Palenzona - De Biasi - Giuseppe Mussari Presidente Banca MPStavola rotonda Palenzona - De Biasi - Giuseppe Mussari Presidente Banca MPS tavola rotonda Giulio Tremonti - Lilli Gruber - Massimo D Alematavola rotonda Giulio Tremonti - Lilli Gruber - Massimo D Alema

E per «allontanare le diffidenze, le paure e i timori, e lanciare messaggi di fratellanza» si mette a disposizione anche Claudio Baglioni: un progetto insieme, con l'Osservatorio, non poteva chiamarsi che Un solo mondo. Non poteva mancare, il cantautore che della solidarietà ha fatto una scelta e una bandiera con O' Scià, la fondazione cor ituit a Lampedusa, che racconta quasi accarezzandola, come se tenesse in braccio un bambino. Il suo sogno in una parola: interazione, «suonare tutti insieme nell'orchestra del mondo, ognuno con il suo strumento».

Remo Lucchi AD GfK Eurisko - Maurizio Costa - Dario Di Vico - Piergaetano MarchettiRemo Lucchi AD GfK Eurisko - Maurizio Costa - Dario Di Vico - Piergaetano Marchetti

Un ruolo di prima linea spetta comunque alla politica, anche se «esiste qualche settore che investe sul mercato della paura, come esiste chi vorrebbe le porte aperte a tutti, e quelli che dicono clic gli immigrati non servono».

Piergaetano Marchetti Presidente RCS MediagroupPiergaetano Marchetti Presidente RCS Mediagroup

Franco Frattini, ministro degli Esteri, grande amico dell'Osservatorio («Quotidiano in classe dice - è una bandiera dell'eccellenza nazionale») affronta il tema immigrazione a tutto tondo: «La cittadinanza italiana non è un dono, ma una conquista». Ma «chi porta il burqa - continua - non si vuole integrare, come chi a scuola continua a parlare arabo». Una legge sul burqa, dunque? «Dobbiamo inserire questo aspetto in un contesto di sicurezza», ammette il ministro. Che chiude la porta al relativismo e invita anche gli imam a predicare in italiano nelle moschee del nostro Paese.

ospiti al covengo 2ospiti al covengo 2

«BANCHE VICINE ALLA GENTE»
C'è chi investe centinaia di migliaia di euro ogni anno in progetti sui ragazzi dei quartieri «terribili» di Napoli per combattere il caporalato della camorra pronta ad arruolare i ragazzini per vigilare sui propri interessi illeciti. Chi dedica l'attenzione invece a iniziative interculturali, nelle scuole e nelle biblioteche.

ospiti al convegno dall altoospiti al convegno dall alto

Chi sposta l'interesse sui paesi più poveri, e finanzia - in partnership con altri soggetti pubblici e privati - progetti affidati ai giovani per aiutare i coetanei dei Paesi poveri dell'Africa a crescere in casa loro. E, in genere, tutte sostengono iniziative per l'arte, la cultura, la crescita sociale nel proprio territorio: un ruolo importante, quello delle 88 Fondazioni di origine bancaria (28 sostengono l'Osservatorio Giovani Editori) che nel 2008 hanno sostenuto 29.421 interventi per circa 2 miliardi e mezzo di euro.

Maurizio Costa Ad MondadoriMaurizio Costa Ad Mondadori

Ne va particolarmente fiero il presidente dell'Acri, l'Associazione delle Fondazioni, Giuseppe Guzzetti, che al convegno Giovani lettori, nuovi cittadini sottolinea le «strade impervie» percorse per «offrire - dice - risposte concrete che riducano tanti drammi di bisogni sociali». Quanto al meeting, «è stato il migliore della serie», dice Guzzetti che lancia un appello: entrino nell'Osservatorio anche le Fondazioni che sono ancora fuori.

 

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)