''RECORD DI CAZZO STASERA'' - VIDEO: LA GAFFE DI GIORGIA ROSSI IN DIRETTA AL TG5. LA GIORNALISTA MEDIASET STAVA ANNUNCIANDO IL BOOM DELLA PARTITA DELL'INTER A SAN SIRO (IN REALTÀ IL RECORD ERA DI INCASSI, NON DI PRESENZE). LA DOMANDA CHE TUTTI SI FANNO SU TWITTER È: MA COSA AVREBBE VOLUTO DIRE INVECE DI ''CAZZO''?

-

Condividi questo articolo

 

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“MA CONTE COME SI PERMETTE A CONTATTARE I NOSTRI UNO PER UNO?” – BERLUSCONI FURIOSO DOPO IL DISPERATO TENTATIVO DI CONTE DI RUBARE PARLAMENTARI A FORZA ITALIA (LE COSE O SI FANNO BENE COME FECE IL CAV CON RAZZI E SCILIPOTI O E' MEGLIO LASCIAR PERDERE) - CON L'APERTURA DI SILVIO A UN GOVERNO DI UNITA’ NAZIONALE, RITORNA IN SCENA LA ‘’MAGGIORANZA URSULA” CON FORZA ITALIA NELL’ESECUTIVO. COME DAGO-RIVELATO, BERLUSCONI, IN BARBA AI PIAGNISTEI DI GIANNI LETTA, NON VUOLE PIU’ VEDERE CONTE A PALAZZO CHIGI…

business

TUTTE LE VIE DELLA SETA PORTANO A BUDAPEST - UN PROGETTO PRIVATO UNGHERESE MIRA A COSTRUIRE QUEST'ANNO, AL CONFINE UCRAINO, UN NUOVO TERMINAL FERROVIARIO PER I TRENI PROVENIENTI DALLA CINA - ENTRO IL 2024 IL PRIMO CAMPUS DI UNA GRANDE UNIVERSITÀ CINESE IN EUROPA POTREBBE NASCERE PROPRIO NEL PAESE DI VIKTOR ORBAN - MA PER GLI ANALISTI NON SONO PROGETTI CHE PORTEREBBERO GRANDI VANTAGGI ECONOMICI: "SEMBRA UN MODO CON CUI L'UNGHERIA VUOLE MOSTRARE A BRUXELLES CHE HA AMICI POTENTI..."

cronache

sport

“MIO PADRE, WALTER ZENGA, MI CHIESE DI CAMBIARE COGNOME” - A "LIVE-NON È LA D’URSO" IL FIGLIO NICOLÒ MENA DURO: "FIN DA PICCOLO MIO PADRE MI HA SEMPRE TRATTATO COME SE FOSSI UN PESO. CON MIA MADRE E MIO FRATELLO VIVEVAMO A COMO. ALL’EPOCA LUI GIOCAVA A PADOVA E DICEVA CHE LA VITA DI CITTÀ ERA STRESSANTE. IN REALTÀ A PADOVA AVEVA UN’AMANTE... QUANDO TORNAVA DOPO LA PARTITA NON VEDEVO L’ORA DI ABBRACCIARLO MA LUI VOLEVA SOLO LEGGERE LA 'GAZZETTA' IN PACE - UN POMERIGGIO GLI HO DETTO QUANTO HO SOFFERTO LA SUA ASSENZA E MI HA RISPOSTO CHE …" - IL LIBRO AUTOBIOGRAFICO DI NICOLO' - VIDEO

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute