ADDIO A LIMONOV – TEPPISTELLO, POLITICO, GRANDE SCRITTORE: È IL BOHÉMIEN RUSSO CHE VA A NEW YORK E PER SOPRAVVIVERE SI FA SODOMIZZARE DA UN NERO - AVVERSARIO DI PUTIN, È IL LEADER DEL PARTITO NAZIONAL BOLSCEVICO - "IL LIBRO DI CARRERE? HO LETTO SOLO 45 PAGINE. NON MI VEDO COME LUI MI DESCRIVE" – "COSA MI HANNO LASCIATO LE MIE RAGAZZE? DUE FIGLI" - ‘'SIAMO TUTTI TOPI IN GABBIA’’ - INTERVISTA

-

Condividi questo articolo


Lastampa.it

roberto d agostino eduard limonov sandro teti roberto d agostino eduard limonov sandro teti

 

È morto lo scrittore e militante Eduard Limonov. Lo annuncia il suo partito, secondo quanto riporta l'Interfax.

 

Poeta di 77 anni, autore di romanzi auto-biografici che hanno riscosso successo in Francia, Russia e altri Paesi, guerrigliero nella Guerra civile jugoslava al fianco dei serbi, fondatore con Alexander Dugin e leader del Partito Nazional Bolscevico (NBP, successivamente messo al bando), si descrive come un nazionalista moderato, socialista "della linea dura" e attivista dei diritti costituzionali.

eduard limonov (1) eduard limonov (1)

 

Come avversario politico di Vladimir Putin ma anche dei neocomunisti e alleato dell'ex campione mondiale di scacchi e attivista liberale Garri Kasparov, Limonov è uno dei leader del blocco politico L'Altra Russia e fondatore del partito omonimo, erede legale del NBP.

 

2. NESSUN INUTILE RIMPIANTO

Vittorio Macioce per il Giornale

 

Eduard Limonov probabilmente non esiste. Non come tutti gli altri umani, perlomeno.

sandro teti roberto d agostino eduard limonov e olga mazzina sandro teti roberto d agostino eduard limonov e olga mazzina

Non lo afferri, perché lui cambia, evapora, riappare, scappa e ritorna. È un mutaforma. È Eduard Veniaminovich Savenko, il figlio del commissario del popolo, del cekista con doppia vita, doppia famiglia, e notti insonni per i sensi di colpa. È il teppistello di Dzerzhinsk, la città industriale sul fiume Oka, non troppo lontano da Gorky.

 

sandro teti dago eduard limonov e olga mazzina sandro teti dago eduard limonov e olga mazzina

È il bohémien newyorkese che si atteggia a punk e per sopravvivere si fa sodomizzare da un nero. È il leader del partito nazional bolscevico e il fondatore del giornale Limonka, come una bomba a mano, a forma di limone. Naturalmente è anche il personaggio del romanzo di Emmanuel Carrère. Limonov lo puoi solo inseguire, come adesso, che sta a Roma e si racconta con in mano il suo nuovo libro: Zona industriale (Sandro Teti editore). È l' ultima immagine, per ora, che vuole dare di sé.

 

Ora scopriamo che ha un fratello.

EDUARD LIMONOV EDUARD LIMONOV

«A quanto pare sì. È stata una sorpresa anche per me. Ha bussato una notte nella mia casa di Syry, il quartiere dove cartografo la metamorfosi della Russia e mi ha detto: sono il figlio di tuo padre».

 

Avete passato una notte a specchiarvi nello stesso padre. Poi non vi siete più visti, perché?

«Perché siamo russi. Voi italiani siete diversi, la famiglia, il sangue. Noi brindiamo al nostro destino».

 

Ha mai più incontrato Carrère?

«Certo. Tre volte, almeno».

roberto d agostino eduard limonov roberto d agostino eduard limonov

 

Avete parlato del romanzo?

«No, anche perché io ho letto solo le prime 45 pagine. È una sua opera. Non deve piacermi. Carrère mi ha visto così, io non mi vedo come mi descrive, ma non è importante perché lui per me ha fatto una gran cosa. Mi ha presentato al pubblico di massa. Il suo romanzo è stato tradotto in 35 lingue. Ha avuto un successo strepitoso e impensato per lo stesso Carrère e, dunque, per me».

 

Chi è Limonov?

«Dipende da come mi sveglio la mattina».

 

Eduard Limonov Eduard Limonov

Personaggio o autore?

«Io sono una persona in perenne mutamento e non credo sia possibile afferrarmi o rinchiudermi in qualche formula facile. Scrittore, personaggio, politico sono solo etichette che servono a rassicurare gli altri. A me piace evolvermi, ogni giorno, fino alla fine».

 

Ha rimpianti?

«No. Sono inutili».

 

  

Cosa le pesa di più della vecchiaia?

«Che qualcuno mi dica vecchio. Lo sono?».

Eduard Limonov Eduard Limonov

 

Solo per l' anagrafe e la burocrazia.

«Appunto, quindi chi se ne frega. Sto bene, benissimo, sto da Dio. Mi sento al massimo della mia potenza».

 

Come il Faust di Goethe. Si vede simile a lui?

«A dir la verità, è da poco che ho compreso la sua grandezza, e proprio alla mia età, sono finalmente riuscito a comprendere davvero il dilemma di Faust. Quando, da giovanissimo, lo lessi per la prima volta, rimasi piuttosto deluso per il modo antiquato con cui si svolgeva la trama. Oggi, rileggendolo, il Faust mi appare la parabola di un uomo che vorrebbe allungare la propria vita all' infinito riempiendola di un senso superiore».

  

 

limonov e carrere limonov e carrere

Lei si sente più russo o europeo?

«Io sono russo, ma vi ricordo che in Europa ci sono 118 milioni di russi. Di quale Europa poi stiamo parlando? L' Europa è tante cose. È la Ue. È l' euro. È l' Europa di Goethe e l' Europa che finisce agli Urali. È l' Europa con la Russia al centro».

 

Zona industriale è il ritratto delle sue ragazze. Cosa le hanno lasciato?

«Due figli».

 

Eduard Limonov Eduard Limonov EMMANUEL CARRERE E LIMONOV EMMANUEL CARRERE E LIMONOV LIMONOV NELLA PIAZZA ROSSA LIMONOV NELLA PIAZZA ROSSA OTTOBRE ottanta LIMONOV A PARIGI OTTOBRE ottanta LIMONOV A PARIGI limonov boven limonov boven carrere limonov carrere limonov Eduard Limonov Eduard Limonov Eduard Limonov Eduard Limonov limonov limonov LIMONOV A FIANCO DEI SERBI DURANTE LA GUERRA IN EX JUGOSLAVIA LIMONOV A FIANCO DEI SERBI DURANTE LA GUERRA IN EX JUGOSLAVIA LIMONOV A PARIGI NEL ottantatre LIMONOV A PARIGI NEL ottantatre LIMONOV E CARRERE INSIEME A MOSCA LIMONOV E CARRERE INSIEME A MOSCA LIMONOV IN POLTRONA VERSIONE GIOVANE DANDY LIMONOV IN POLTRONA VERSIONE GIOVANE DANDY LIMONOV AD UN CORTEO LIMONOV AD UN CORTEO limonov limonov LIMONOV ALLUSCITA DAL CARCERE LIMONOV ALLUSCITA DAL CARCERE COPERTINA DEL LIBRO DI CARRERE SU LIMONOV jpeg COPERTINA DEL LIBRO DI CARRERE SU LIMONOV jpeg LIMONOV A PROCESSO NEL LIMONOV A PROCESSO NEL LIMONOV CON TANJA A NEW YORK NEL LIMONOV CON TANJA A NEW YORK NEL eduard limonov eduard limonov il primo romanzo di limonov il primo romanzo di limonov limonov limonov limonov limonov LIMONOV A FIANCO DEI SERBI DURANTE LA GUERRA IN EX JUGOSLAVIA 214958 LIMONOV A FIANCO DEI SERBI DURANTE LA GUERRA IN EX JUGOSLAVIA 214958 limonov limonov limonov limonov limonov limonov limonov limonov Eduard Limonov Eduard Limonov limonov limonov limonov limonov limonov limonov Limonov ed Elena Bulova Limonov ed Elena Bulova limonov limonov Eduard Limonov Eduard Limonov

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

MYRTA MERLINO, CHE CARATTERINO: FA INCAZZARE TUTTI QUELLI CHE LAVORANO CON LEI – IL DURISSIMO COMUNICATO SINDACALE CONTRO LA CONDUTTRICE: “HA COMPORTAMENTI INCIVILI E MALEDUCATI; INFLUENZA LA POSSIBILITÀ DI PROLUNGARE CONTRATTI DI PERSONALE SPECIALIZZATO CHE LAVORA PROFESSIONALMENTE NELLA NOSTRA AZIENDA E CONDIZIONA LE TURNAZIONI DEL PERSONALE INTERNO CON MOTIVAZIONI CHE NON POSSONO ESSERE CONSIDERATE NÉ DI TIPO PROFESSIONALE E NÉ DI TIPO ETICO” – CHI HA LAVORATO CON LEI SNOCCIOLA RICORDI VELENOSI, DAL LANCIO DI UNO SGABELLO AGLI ASSISTENTI DI STUDIO “USATI” PER PRENOTARE LA CERETTA – E C’E’ CHI LE SPALMA LA CREMA AI PIEDI…

politica

DAGOREPORT! - NELLA GIUNGLA DEI SONDAGGI, QUELLO CHE È CERTO È CHE IL CARROCCIO NON TIRA AL NORD COME UNA VOLTA E OGGI SALVINI HA IL SUO BACINO DI CONSENSI NEL CENTROSUD, ABBANDONATO DALLA VECCHIA LEGA DI ZAIA E FEDRIGA - L’ATTIVISMO SFRENATO DEL CAPITONE, CHE TANTO IRRITA SIA LA MELONI CHE IL QUIRINALE, È MOTIVATO DALLA SFIDA CHE VEDE CONTRAPPOSTI ATTILIO FONTANA E LETIZIA MORATTI. L’EROE DEL PAPEETE SA BENISSIMO CHE SE PERDE LA LOMBARDIA, E’ FINITO. IN SOCCORSO DI SALVINI, È SPUNTATO IL MINORINO MAJORINO, APICE DEL TAFAZZISMO DEL PD….

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO NO "PUBLISPEI" NO PARTY! – PER FESTEGGIARE I 50 ANNI DELLA CASA DI PRODUZIONE, FESTONE NEL CAFÉ DI VIA DELLA CONCILIAZIONE A ROMA – CON LINO BANFI, SCORTATO DALLA FIGLIA ROSANNA E DA ELEONORA GIORGI, C'ERA IL TRIO DI TESTE D'ARGENTO CHRISTIAN DE SICA, GIULIO SCARPATI E NINETTO DAVOLI – E POI ARISA CON UN “PAGLIA E FIENO” CHE SI FA A MIAMI DI VERDONIANA MEMORIA E UN INGELATINATO EDOARDO PESCE CON I CALLI SULLE MANI (È TORNATO AL PUB DI SAN LORENZO O FA SOLO BOXE?)

viaggi

salute