ALZATE IL VOLUME, È TORNATO BRUCE SPRINGSTEEN! – IL BOSS TORNA A FAR SOGNARE IL SUO POPOLO CON “ONLY THE STRONG SURVIVE”, UN ALBUM DI 15 COVER DI PURA PASSIONE SCOVATE DAL PASSATO DELLA MUSICA “SOUL” – A POCHI MESI DAL NUOVO TOUR, SPRINGSTEEN (73 ANNI SUONATI) OMAGGIA LA GRANDEZZA DELLE RADICI AFROAMERICANE DEL ROCK, MUSICA CHE HA FATTO SCATENARE IN PISTA LA “WORKING CLASS” NEGLI ANNI ’60 E ’70...

-

Condividi questo articolo


 

Gino Castaldo per www.repubblica.it

 

BRUCE SPRINGSTEEN Only The Strong Survive, Covers Vol.1 BRUCE SPRINGSTEEN Only The Strong Survive, Covers Vol.1

Sognare e poi ancora sognare, ecco cosa ha da dire il Boss al suo popolo, e lo dice tradendo una punta di nostalgia per un'innocenza che sembra ormai smarrita per sempre negli orrori della contemporaneità, e che forse possiamo trovare in radici lontane e poeticamente struggenti.

 

Una lettera d'amore dedicata al rhythm and blues, appassionata, riconoscente, leale, così potremmo sintetizzare il ventunesimo album in studio di Bruce Springsteen, Only the strong survive, quindici tracce di pura passione, quindici cover scovate nel passato della musica popolare afroamericana, scelte con molta arguzia e finezza di sentimento, per nulla scontate.

 

Bruce Springsteen Bruce Springsteen

Non sono 15 hits del soul, non ci sono i classici sentiti mille volte, le più note sono Nighshift dei Commodores e Don't play that song di Ben E. King, per il resto ci sono pezzi poco conosciuti, perle da scoprire e inserire nelle nostre playlist, come When she was my girl dei Four tops, delizia vintage da ascoltare in macchina correndo lungo strade di paradiso, o Do I love you di Frank Wilson un gospel esplosivo che vorremmo tutti cantare a squarciagola alla domenica in una laica preghiera collettiva.

 

bruce springsteen bruce springsteen

È la seconda volta in assoluto che Springsteen incide un album di canzoni non scritte da lui, la prima volta successe nel 2006 con We shall overcome. The Seeger session, dedicato alla figura santa e carismatica di Pete Seeger, con la dichiarata intenzione  di portare il pubblico a riscoprire le radici folk della musica americana, ma anche questa volta sembra di leggere in controluce molti significati riposti, puntando al glorioso repertorio del rhythm'n'blues, canzoni quasi sempre composte con testi semplici eppure magnificamente abbinati alla musica, con effetto dirompente come What become of the brokenhearted di Jimmy Ruffin o The sun ain't gonna shine anymore cantata a suo tempo dai Walker Brothers, in un lungo e rigoglioso tappeto di suoni caldi, avvolgenti, musica per sognare, per illanguidirsi d'amore, per andare a fondo del sentimento, per essere anima ovvero "soul", ritmo e blues.

 

little steven bruce springsteen 4 little steven bruce springsteen 4

È un omaggio personale e sentito di Springsteen alla grandezza delle radici afroamericane del rock, e alcune di queste canzoni spiegano dove il Boss ha trovato la sua voce di predicatore, dove ha imparato il lessico del gospel, da dove vengono le sue note più profonde e coinvolgenti. Porta alla nostra attenzione eroi dimenticati come Jerry Butler l'unico del quale ha ripreso ben due pezzi, tra cui quello che ha dato il titolo all'album.

 

Butler era un pezzo pregiato della storia della Motown, l'etichetta di Detroit che è molto presente in questo progetto. Dall'altra parte c'era la Stax di Memphis, quella del leggendario duo Sam & Dave. E per questo in Soul days c'è l'unico cameo del disco ovvero Sam Moore, come se per una volta Springsteen avesse voluto indossare idealmente i panni di Dave, duettare con Sam e far parte anche lui dell'immaginario del mito delle origini.

 

BRUCE SPRINGSTEEN BARACK OBAMA BRUCE SPRINGSTEEN BARACK OBAMA

È musica che produce amore, alla lettera, è una nuvola di calore e di empatia, ed è la medicina che il Boss, senza sermoni e dichiarazioni politiche, consiglia a tutti.

bruce springsteen 6 bruce springsteen 6 BRUCE SPRINGSTEEN BARACK OBAMA BRUCE SPRINGSTEEN BARACK OBAMA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI