AMORI, BOLLORI E CONFESSIONI DI CRISTIANO MALGIOGLIO, IN ARTE "MALGY": "DA RAGAZZINO ERO UNA SPECIE DI CHER. COMPRAVO ABITI COLORATISSIMI, DA DONNA, AVEVO ZATTERONI ALTISSIMI, MINA MI CHIAMAVA 'TACCO D’ORO'" - "IL PRIMO BACIO L'HO DATO A 19 ANNI. A UNA RAGAZZA. TENNI LA BOCCA CHIUSA, CON LA LINGUA MI FACEVA SCHIFO. MI FECE SENSO. POI A 21 IL COLPO DI FULMINE CON ALEJANDRO, MARINAIO PORTOGHESE" - DORI GHEZZI PRESENTATA A DE ANDRÉ, I TESTI PER MINA, IL FIDANZATO TURCO ("SPOSARMI? NON AVREBBE SENSO. PER LASCIARGLI LA PENSIONE?") E LA PRONUNCIA INCONFONDIBILE: “SE MI PRENDONO IN GIRO NON MI OFFENDO, QUANDO SCRIVO CANZONI PERÒ LE SCRIVO BENE” - VIDEO

Condividi questo articolo


 

 

Estratto dell'articolo di Giovanna Cavalli per il “Corriere della Sera”

 

L’asilo a Sydney .

cristiano malgioglio cristiano malgioglio

«Parlavo l’inglese con un accento orribile. Casa modesta, due genitori che mi amavano alla follia, le feste della domenica tra emigrati, si suonava, si ballava, poi siamo tornati in Italia. Dell’Australia mi ricordo tanti conigli. E i cancuri».

 

La pronuncia è quella inconfondibile (e imitatissima) di Cristiano Malgioglio, che ne ha fatto un’arma di simpatia di massa («Se mi prendono in giro non mi offendo, quando scrivo canzoni però le scrivo bene»).

 

Si rattrista.

 «Ma era tanto tempo fa. Non mi piace guardarmi indietro, il passato mi procura dolore. Mi mancano i miei, gli amici che ho perso».

 

dori ghezzi fabrizio de andre cristiano malgioglio dori ghezzi fabrizio de andre cristiano malgioglio

Un ragazzino particolare .

«Una specie di Cher. Sempre stato avanti. Mi trasferii a Genova da mia sorella Francesca, compravo abiti coloratissimi, da donna, che mi facevo riadattare dalla sarta. Però i compagni di scuola mi adoravano. Non ho mai conosciuto l’omofobia, non so cosa sia, forse perché mi comporto in un certo modo, senza urtare la mentalità delle persone. Ma ho aperto molte porte».

 

Si presentò a casa di Fabrizio De André.

CRISTIANO MALGIOGLIO CRISTIANO MALGIOGLIO

«Un testone di capelli ricci, jeans a zampa, un giubbotto con due ali d’aquila sulla schiena, ero proprio bello. Zatteroni altissimi, me li facevo rialzare dal calzolaio. Avevo il complesso di essere basso, avrei voluto 15 cm in più, Mina mi chiamava “tacco d’oro”» .

 

Suonò al campanello .

«Finalmente mi fece entrare: “Ecco la più grande showgirl del mondo”. Gli feci sentire le mie prime canzoni, orrende. Fu generoso. Mi presentò il direttore della Ricordi. “Sei talmente strano che gli piacerai”.

 

Mi pagò il biglietto del treno per Milano e mi diede dei soldi. Accettai, ne avevo bisogno. Per guadagnare smistavo telegrammi all’ufficio postale di Quarto. I miei non me ne davano perché non volevano che facessi lo spettacolo. “Finirai all’inferno”, ripeteva mamma. Presi alloggio in una pensione a una stella, 5 lire a notte, piena di prostitute, che ne sapevo».

 

Poi con Faber si sdebitò.

«Gli presentai Dori».

cristiano malgioglio cristiano malgioglio

 

[...] Intraprendente in amore?

«Un imbranato. C’erano ragazzi che mi facevano la corte ma non provavo attrazione fisica per nessuno, ero come asessuato. Soffrivo di acne, mi vergognavo a uscire, restavo a casa ad ascoltare Gino Paoli».

 

Primo bacio a chi?

«A una ragazza. Avevo 19 anni. Fece tutto lei. Tenni la bocca chiusa, con la lingua mi faceva schifo. Non provai niente, anzi mi fece senso».

 

La volta buona.

«A 21. Con Alejandro, marinaio portoghese di 25. Un colpo di fulmine, ero innamorato folle, durò un paio d’anni. Mi insegnò a baciare. Ho scoperto che mi piace. Basta che uno abbia la bocca fresca e non abbia mangiato l’aglio».

malgioglio mina malgioglio mina

 

Lo portò a casa?

«No, ai miei non ho mai fatto conoscere nessuno. Io non dicevo e loro non chiedevano.

Studiavo, avevo sani principi. Li amavo tanto. Quando mamma è mancata le ho scritto una lunga lettera e gliel’ho messa dalla parte del cuore. Per quattro anni non sono riuscito a comporre una canzone».

 

Un altro marinaio.

«Philip, americano. Bello come il sole, conosciuto a La Spezia. Mise un 45 giri di Dusty Springfield nel mangiadischi e mi sussurrò il titolo all’orecchio: I close my eyes and count to ten . Col mio inglese malandato cominciai a contare: “Uno, due, tre...”. Al dieci mi prese le labbra. Scoppiò il vulcano. Fu passione intensa, sangue e arena. Lo raggiungevo di porto in porto. Poi finì. Si è sposato, il primo figlio lo ha chiamato Cristiano jr».

cristiano malgioglio cristiano malgioglio

 

(…)

Flirt a Cuba?

«Amore, non le basterebbero le pagine del Corriere per raccontarli. I cubani hanno la pelle ambrata, stupenda.L’isola è la mia seconda casa. Che emozione quando ho conosciuto Gabriel García Márquez, avevo una giacca multicolore, gli ho chiesto un autografo. “No, dammi il tuo indirizzo”. E mi ha mandato quattro libri con la dedica».

 

I testi che scrisse per Mina erano spinti, per l’epoca.

CRISTIANO MALGIOGLIO CRISTIANO MALGIOGLIO

«C’è sensualità, erotismo, mai volgarità. Me lo disse anche Berlusconi: “Lei è tutto meno che volgare”. L’importante è finire è una grande storia d’amore, qualcuno ci ha visto un significato che non c’è. Pure mamma si scandalizzò: “Che schifezza hai scritto?”».

 

Mina non batteva ciglio ?

«Per Ancora ancora ancora mi fece cambiare testo, non le piaceva. Mi misi a pensare mentre cuocevo due uova sode. Distratto, non misi l’acqua nel pentolino. Squillò il telefono. Era un mio ex. “Ma tu mi ami ancora?”, chiese. “Sì”. “Dimmelo ancora, ancora, ancora”. Fu un flash. Riattaccai e scrissi le parole in 3 minuti».

 

Non è stato rose e fiori.

«Ho preso tante porte in faccia, fatto sacrifici, ma amo questo lavoro, all’idea che un giorno dovrò lasciarlo non so cosa potrebbe succedere».

CRISTIANO MALGIOGLIO CRISTIANO MALGIOGLIO

 

Maria De Filippi. Si sarebbe potuto innamorare di lei?

«Ma io sono innamorato, alla mia maniera. Maria è gioia, è famiglia, è meraviglia».

 

E poi?

«Carlo Conti è un fratello, Mara Venier una sorella, Simona Ventura pure. Silvia Toffanin un angelo, Iva Zanicchi la adoro, per Sophia Loren ho un amore viscerale, al primo incontro ho preso 60 gocce di coramina e gli sono svenuto tra le braccia».

 

La Vanoni non la salutò.

«Una volta, non so perché, all’inizio con Ornella eravamo molto amici. L’ho chiamata, di recente. Mi ha chiesto: “Tu fai ancora l’amore?” “Sì, certo”».

 

CRISTIANO MALGIOGLIO CRISTIANO MALGIOGLIO

Qualcuno le ha spezzato il cuore?

«Tesoro, i cuori li ho spezzati io, ho sempre lasciato, forse per paura, poi, dopo tanto, mi pento».

 

Infedele?

«Sì, mi piace, ho tradito tanto, abbastanza, ma tradimenti innocenti, stupidi, per ripicca. Dopo ritorno, non sono mica Messalina».

 

Non si è sposato.

«Non ci ho mai pensato. Avevo pudore, se vedevo un film con i miei e c’era una scena d’amore mi imbarazzavo e mi allontanavo con una scusa.

 

Ora non avrebbe senso. Per lasciargli la pensione? No, sono troppo libero, se sono triste prendo, parto e vado dove mi pare. Se mi fossi sposato e avessi avuto dei figli sarei stato apprensivo, meglio così».

 

Ha un fidanzato turco.

cristiano malgioglio nel video dolceamaro cristiano malgioglio nel video dolceamaro

«L’ho incontrato nel 2020 al Gran Bazar di Istanbul. Lui passa e mi guarda. Penso: “Ammazza che bono”. L’ho rivisto per caso dopo una settimana alla fiera dei fiori. Si è fermato, abbiamo parlato. Il giorno dopo mi ha mandato un mazzo di tulipani bianchi in hotel. Mi sono detto: “E che me lo faccio scappare?”».

DEN HARROW E CRISTIANO MALGIOGLIO DEN HARROW E CRISTIANO MALGIOGLIO malgioglio marini malgioglio marini cristiano malgioglio e piero chiambretti 5 cristiano malgioglio e piero chiambretti 5 cristiano ronaldo malgioglio meme cristiano ronaldo malgioglio meme alex belli bacia cristiano malgioglio tale e quale show 1 alex belli bacia cristiano malgioglio tale e quale show 1 CRISTIANO MALGIOGLIO CRISTIANO MALGIOGLIO malgioglio signorini malgioglio signorini cristiano malgioglio cristiano malgioglio malgioglio regina elisabetta 5 malgioglio regina elisabetta 5

 

cristiano malgioglio foto di bacco (2) cristiano malgioglio foto di bacco (2) cristiano malgioglio foto di bacco (2) cristiano malgioglio foto di bacco (2)

(…)

malgioglio in piscina malgioglio in piscina

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?