ARTE DYLANIATA - AL MUSEO MAXXI DI ROMA ARRIVA LA MOSTRA "BOB DYLAN. RETROSPECTUM", CHE PRESENTA OLTRE 100 TRA DIPINTI, DISEGNI E SCULTURE DEL CANTAUTORE AMERICANO - L'ATTIVITÀ ARTISTICA DI DYLAN VA AVANTI DA OLTRE 60 ANNI E HA ATTRAVERSATO ANCHE DIVERSE TRASFORMAZIONI STILISTICHE, PASSANDO DAI DIPINTI A OLIO ALLE SCULTURE DI FERRO, COSTRUITE NELLA SUA BOTTEGA A DULUTH, IN MINNESOTA...

-

Condividi questo articolo


Marcello Parilli per il “Corriere della Sera”

 

bob dylan. retrospectum 10 bob dylan. retrospectum 10

Il piede batte il tempo, il corpo scivola pian piano nel ritmo e la voce comincia ad accennare un ritornello, magari senza preoccuparsi troppo del significato delle parole. Ma al di là di un'esperienza epidermica e gratificante, cosa sappiamo davvero di quei musicisti e cantanti che da un palco o con un disco ci offrono queste innocenti evasioni? Spesso poco o nulla, anche se basterebbe bazzicare biografie e documentari (ce ne sono di bellissimi) per capire cosa c'è dietro il trucco di scena e oltre quel pesante sipario che troppo spesso nasconde il senso di una canzone o di un album.

 

bob dylan. retrospectum 11 bob dylan. retrospectum 11

Cosa succede però quando si scopre che quel tizio con la chitarra o quella tipa al pianoforte (come Leonard Cohen, Joni Mitchell, Miles Davis o Franco Battiato) ci sanno davvero fare anche con libri, matite, macchine fotografiche e pennelli ?

 

Una mostra curata da Shai Baitel, in arrivo al MAXXI di Roma (dove resterà dal 16 dicembre al 30 aprile) rappresenta perfettamente questo senso di straniamento. «Bob Dylan. Retrospectrum» dopo Shanghai e Miami approda ora in Europa per raccontare come l'81enne cantautore sia molto più di un musicista dal successo planetario.

Molti ricorderanno come nel 2016 la grande qualità dei suoi testi sia stata premiata con il massimo riconoscimento, il Nobel per la letteratura.

bob dylan. retrospectum 1 bob dylan. retrospectum 1

 

Ma «Retrospectrum» porta alla luce altri due talenti del poeta di Duluth, la pittura e la scultura, che qui vengono rappresentati da oltre 100 opere tra dipinti a olio, acrilici, acquerelli, disegni a inchiostro, pastello, grafite e carboncino, fino a materiale video e a una serie di sculture in ferro.

 

bob dylan. retrospectum 13 bob dylan. retrospectum 13

Tutto selezionato da un'attività creativa che in oltre 60 anni ha attraversato trasformazioni stilistiche anche significative. «Bob Dylan è un mito assoluto, un'icona culturale tra le più importanti del nostro tempo. Con questa mostra, avremo il privilegio di scoprire un aspetto inedito del suo talento inesauribile: i suoi dipinti, come le sue canzoni, sono potenti, sinceri, immediati, evocano cammini e suggestioni on the road - dice Giovanna Melandri, Presidente Fondazione MAXXI -. Dylan è un pezzo della nostra storia e una parte di noi, Per questo sono particolarmente lieta di questa mostra al MAXXI che lo racconta nella sua interezza e ci racconta».

 

bob dylan. retrospectum 15 bob dylan. retrospectum 15

Intorno all'eclettica attività artistica di Dylan, scoperta relativamente tardi (la prima esposizione si è tenuta nel 2007 a Chemnitz, in Germania) girano da sempre informazioni poco certe e quasi leggendarie, come il fatto che il vecchio Bob, nelle notti post concerto, giri la città di turno armato di Nikon digitale a caccia di spunti da trasferire poi su tela.

 

O che nella nativa Duluth (cittadina del minerario Minnesota) possieda una sorta di bottega da fabbro dove si diverte ad assemblare con la fiamma ossidrica sbarre, chiavi, ingranaggi, catene, tubi, chiave inglesi in sculture di cui a Roma sarà possibile ammirare diversi esemplari (un suo cancello sarebbe stato acquistato da Bill Clinton).

 

Con Roma Bob Dylan ha avuto una periodica frequentazione, lasciando qualche traccia anche nei suoi testi, come la citazione della scalinata di Piazza di Spagna nel brano «When I Paint my Masterpiece» del 1971.

 

bob dylan. retrospectum 17 bob dylan. retrospectum 17

Oggi, parlando della mostra romana, presentata al pubblico in una versione completamente ripensata per interagire con gli spazi dinamici e avveniristici del museo progettato da Zaha Hadid, ci chiarisce anche la sua filosofia creativa: «È molto gratificante sapere che le mie opere visive saranno esposte al MAXXI, a Roma: un museo davvero speciale in una delle città più belle e stimolanti del mondo. Questa mostra vuole offrire punti di vista diversi, che esaminano la condizione umana ed esplorano quei misteri della vita che continuano a lasciarci perplessi. È molto diversa dalla mia musica, naturalmente, ma ha lo stesso intento».

bob dylan. retrospectum 14 bob dylan. retrospectum 14 bob dylan. retrospectum 9 bob dylan. retrospectum 9 bob dylan. retrospectum 7 bob dylan. retrospectum 7 bob dylan. retrospectum 6 bob dylan. retrospectum 6 bob dylan. retrospectum 8 bob dylan. retrospectum 8 bob dylan. retrospectum 5 bob dylan. retrospectum 5 bob dylan. retrospectum 22 bob dylan. retrospectum 22 bob dylan. retrospectum 4 bob dylan. retrospectum 4 bob dylan. retrospectum 20 bob dylan. retrospectum 20 bob dylan. retrospectum 21 bob dylan. retrospectum 21 bob dylan. retrospectum 19 bob dylan. retrospectum 19 bob dylan. retrospectum 2 bob dylan. retrospectum 2 bob dylan. retrospectum 18 bob dylan. retrospectum 18 bob dylan. retrospectum bob dylan. retrospectum bob dylan. retrospectum 12 bob dylan. retrospectum 12 bob dylan. retrospectum 16 bob dylan. retrospectum 16

 

Condividi questo articolo

media e tv

DAGO-RETROSCENA: COME BENIGNI E SERGIO MATTARELLA HANNO "CONCORDATO" L'INTERVENTO SULLA COSTITUZIONE DEL COMICO A SANREMO – QUANDO È STATO INVITATO DA AMADEUS, ROBERTACCIO HA CONTATTATO L’ENTOURAGE DEL QUIRINALE PER INFORMARE IL COLLE (I RAPPORTI PERSONALI TRA BENIGNI E MATTARELLA SONO OTTIMI) - A QUEL PUNTO FUORTES HA COLTO LA PALLA AL BALZO E HA INVITATO IL CAPO DELLO STATO – IL COMICO HA "INTERPRETATO" MOLTO BENE LE INQUIETUDINI QUIRINALIZIE SUL PRESIDENZIALISMO TANTO CARO ALLA MELONI - LA LEZIONE PER VESPA E LA CRISI DIPLOMATICA SFIORATA CON ZELENSKY  

politica

DAGONEWS! - GIORGIA MELONI DOMANI PARTIRÀ ALLA VOLTA DI BRUXELLES PER IL CONSIGLIO EUROPEO, A CUI PARTECIPERÀ ANCHE ZELENSKY - GIORGIA SI RITROVERA' IN POSIZIONE ISOLATA AL TAVOLO DELLE TRATTATIVE, DOVE A CAPOTAVOLA CI SONO MACRON E SCHOLZ, E HA CERCATO UNA SPONDA NEL PREMIER SPAGNOLO SANCHEZ CHE HA RISPOSTO CON FREDDEZZA: NON HA DIMENTICATO L’INTERVENTO DELLA PREMIER ALL’EVENTO ELETTORALE DELL’ULTRADESTRA DI VOX - DAI MIGRANTI ALL'HUB DEL GAS, PASSANDO PER IL FONDO SOVRANO, I TEMI CALDI SU CUI GIORGIA FINIRA' IMPANATA E FRITTA...

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute