ARTICOLI DALL'IPERURANIO - LA MERAVIGLIOSA E DELIRANTE DIFESA DI DILETTA LEOTTA FIRMATA DA ASSIA NEUMANN DAYAN, FIGLIA DEL REGISTA ISRAELIANO ASAF DAYAN: "MI PIACE PERCHÉ NON HA INFLESSIONE DIALETTALE, E QUESTO VUOL DIRE CHE HA STUDIATO, SI È APPLICATA - NEL SUO POST SU INSTAGRAM CONTRO IL 'GIORNALISMO SPAZZATURA' C'È TUTTO: IL FEMMINISMO, LA NONNA, I PAPARAZZI, LA METAFORA CALCISTICA. E POI UN "CANE, PANE, MINESTRINA COL DADO" MOLTO SENTITO, UN PO' LADY DIANA, UN PO' SIMONE DE BEAUVOIR"

-

Condividi questo articolo


Assia Neumann Dayan per “la Stampa”

 

ASSIA NEUMANN DAYAN ASSIA NEUMANN DAYAN

C' è mio marito che mi sta dicendo di scrivere: "Cara Diletta, ci piaci così", lo sta dicendo, lo sto scrivendo, e direi che possiamo chiudere qui con l'opinione dei maschi bianchi cisgender in merito a questo argomento. Spero nessuno si offenda. I fatti sono questi: a corredo di una fotografia un po' smarginata, Diletta Leotta scrive un post su Instagram in cui si sfoga un po'. In queste poche righe c' è tutto: il femminismo, la nonna, i paparazzi, la metafora calcistica. E poi un "cane, pane, minestrina col dado" molto sentito, un po' Lady Diana, un po' Simone De Beauvoir.

 

Diletta Leotta si lamenta, a ragion veduta, del "giornalismo-spazzatura", dei fotografi in scooter, dei droni fuori dalle finestre, dei titoloni delle riviste che le assegnano ogni volta un diverso fidanzato, e ci dice che questo non è il prezzo da pagare per la celebrità, che lei è una donna libera, e che ai maschi questo non succede, ma non è che "Hollywood Babilonia" è stato scritto a matita.

 

IL BACIO TRA DILETTA LEOTTA E RYAN FRIEDKIN SU OGGI IL BACIO TRA DILETTA LEOTTA E RYAN FRIEDKIN SU OGGI

Ricordo il monologo che fece a Sanremo, parlava di bellezza, parlava del tempo che inesorabilmente prima o poi passa per tutti, pure per lei, lei biondissima, lei bellissima, lei magrissima, diceva "sarei ipocrita se vi dicessi che il mio aspetto è solo un fattore secondario", parlava di sua nonna Elena, e possiamo quindi oggi tranquillamente affermare che quel monologo era uno spoiler per questo post. A me piace molto Diletta.

 

Mi piace perché non ha inflessione dialettale, e questo vuol dire che ha studiato, si è applicata, ha fatto fatica, non si è detta "va beh che vuoi che sia un po' di accento, tanto sono bella abbastanza". La bellezza salverà il mondo, ma non oggi. Oltre al fatto che "una donna libera è il contrario di una donna leggera", e la poteva chiudere qui, ma le avrebbero detto: tu come ti permetti di citare la compagna di Sartre (questo è un paradosso), torna a parlare di calcio mezza nuda.

 

ASSIA NEUMANN DAYAN ASSIA NEUMANN DAYAN

Diletta ci dice che lei ha bisogno di sfogarsi perché è una donna che rispetta il fidanzato ("un attore, bellissimo") e soprattutto perché porta rispetto nei confronti della nonna (la nonna del monologo di Sanremo) "che a ottant' anni crede, sbagliando, a tutto quello che scrivono i giornali".

 

Ora, se mia nonna credesse ai giornali e non a me le farei una scenata, ma evidentemente quel piccolo mondo antico fatto di riviste scandalistiche è vivo e gode di buona salute.

 

diletta leotta diletta leotta

I commenti al post, dodicimila e fischia, sono prevalentemente orrendi, fanno l' analisi logica della sua vita privata, le dicono che ha violato il lockdown per andare dagli spasimanti (ricordando ovviamente tutti i suoi spostamenti e in quali giorni, giusto perché la gente non è minimamente ossessionata), un lanciafiamme di benaltrismo, e Diletta pensa alle persone che non hanno una lira, e cosa ti lamenti, e cosa fai la vittima, e allora parli perché è tutto finto, e dov' è Can Yaman, e quando ci si mette in mostra devi prendere quello che viene. E allora sì, è evidente che ha ragione lei. Mio marito intanto si è messo a guardare Real Madrid-Chelsea, purtroppo Diletta non c' è, che comunque ci piace così com' è.

diletta leotta e la mamma ofelia castorina diletta leotta e la mamma ofelia castorina diletta leotta diletta leotta diletta leotta diletta leotta diletta leotta diletta leotta diletta leotta diletta leotta

 

Condividi questo articolo

media e tv

FULVIO ABBATE: “MA LE ANIME BELLE DI SINISTRA CHE SCRIVONO ROMANZI EDIFICANTI DEDICATI AD AMICI MORTI GIOVANI DRAMMATICAMENTE, E PER QUESTO PUNTUALMENTE PREMIATI, GLI STESSI CHE SI SONO RISENTITI PER L’ACCENNO A UNA POSSIBILE PRESENZA DI “POLVERE BIANCA” (FRA L'ALTRO, CITATA NEL LORO GIORNALE DI RIFERIMENTO CULTURALE, "LA REPUBBLICA") NELLA TRAGICA FINE DI LIBERO DE RIENZO, DOV’ERANO QUANDO DELLE NOTTI DI LAPO VENIVA RACCONTATA OGNI POSSIBILE CRUDELE E OSCENA COSA? - A QUESTE PERSONE ANDREBBERO SEQUESTRATI DALLE LORO LIBRERIE PRIVATE ANCHE I...

politica

business

LA SINISTRA RIPARTA DA MARGHERITA AGNELLI – “IL FATTO”: “ORMAI VA DETTO. LA MADRE DI JOHN, LAPO E GINEVRA ELKANN VA ANNOVERATA TRA LE EROINE DEL SOCIALISMO ITALIANO, TIPO ANNA KULISCIOFF O MARIA GOIA. A DIFFERENZA DELLE MADRINE DEL MOVIMENTO, MARGHERITA LAVORA DIETRO LE LINEE NEMICHE, DOVE, CON INCISIVE AZIONI DI SABOTAGGIO, PROVA A MOSTRARE AL PROLETARIATO DI CHE LACRIME GRONDI E DI CHE SANGUE IL POTERE CHE LO OPPRIME E QUALI SIANO I SENTIMENTI E LA MORALITÀ DI CUI SI NUTRONO LE BELLE FAMIGLIE DEL CAPITALISMO ITALIANO…”

cronache

DA UN GRANDE PENE DERIVANO GRANDI RESPONSABILITÀ - AVERE UN AUGELLO DI GROSSE DIMENSIONI NON È SEMPRE UNA COSA BUONA, ANZI, PUÒ PROVOCARE MOLTI PROBLEMI. INFATTI ESISTE UN FORUM DOVE LA GENTE CONFRONTA I PROPRI DISAGI: "QUANDO DA FLACCIDO È PIÙ GRANDE DI UNO MEDIO ERETTO, SEMBRI UNA PERSONA PERVERTITA A PRESCINDERE DA COME TI COMPORTI" - "È DOLOROSO PER CHI NON È ABITUATO A QUALCUNO DELLA MIA TAGLIA E PER ME PERCHÉ QUANDO UN ANO È TROPPO STRETTO MI STRITOLA" - “ALCUNI UOMINI MI CHIEDEVANO DI SCOPARMI LE LORO MOGLI E...”

sport

CI AVETE FATTO DUE PALLE COSÌ – LA SQUADRA DI BASEBALL DI CLEVELAND, GLI “INDIANS”, CAMBIERÀ NOME PER NON OFFENDERE I NATIVI D’AMERICA. VIA ANCHE IL MITICO LOGO CON “CHIEF WAHOO”, CHE AVEVA 95 ANNI DI VITA – LA SQUADRA DA ORA IN POI SI CHIAMERÀ “GUARDIANS”: LA SCELTA È ARRIVATA DOPO UN LUNGO PERCORSO DI “PRESA DI COSCIENZA”, E SOPRATTUTTO DOPO LE MINACCE DEGLI SPONSOR – TRUMP SI INCAZZA: “È UNA VERGOGNA. POSSO ASSICURARE CHE LA GENTE PIÙ ARRABBIATA SONO PROPRIO GLI INDIANI DEL NOSTRO PAESE. PER LORO AVERE UNA SQUADRA COL LORO NOME ERA UN ONORE” – VIDEO

cafonal

viaggi

salute