IL BOSS HA PAURA – “LA MORTE NON È LA FINE E TI VEDRÀ NEI MIEI SOGNI” - MOLENDINI: ''IL NUOVO ALBUM DI SPRINGSTEEN, PIENO DI PASSATO E DI NOSTALGIA, NON LASCIA SPAZIO A SORPRESE, NON PROPONE EVENTUALI HIT E RIPESCA SCARTI DEGLI ANNI ‘70 GIÀ INCISI IN PASSATO MA MAI PUBBLICATI. E ALMENO DUE DI QUEI TRE PEZZI POTEVA LASCIARLE NEL CASSETTO'' - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Marco Molendini per Dagospia

 

bruce springsteen bruce springsteen

Springsteen ha paura: lo confessa in Rainmaker, la canzone più politica del suo nuovo album, dove racconta del mago della pioggia che dice «il bianco è nero e il nero è bianco». Canta Bruce su un accordo di piano in un'atmosfera cupa, poi esplodono le chitarre: «A volte le persone hanno bisogno di credere in qualcosa di così brutto, così cattivo, così cattivo...eravamo preoccupati ora abbiamo paura».

 

Erano un bel po' di anni che non registrava un disco di canzoni nuove, lo fa ora in tempi cupi come quelli del covid e a ridosso delle elezioni che chiamano gli americani a scegliere se vogliono ancora Trump. Ha paura il Boss, la sua musica è piena di passato e nostalgia, ma avverte che c'è un filo di speranza, la speranza che per il Rainmaker i giochi siano finiti.

 

bruce springsteen bruce springsteen

Il suo contributo  è un pieno di rock e passione, un album scuro che non lascia spazio a  sorprese, non propone eventuali hit, ripesca vecchie canzoni, sono tre, già incise in passato ma mai pubblicate. Probabilmente non gli piacevano, ora a 70 anni è consapevole di riuscire a trasformare, anche lui mago della pioggia, il giorno in notte, canzoni mediocri in canzoni che possono far parte di un suo album.

 

E' la forza del mestiere, di una voce senza tempo e senza inganni, di una carriera che non ha mai tradito, di un sodalizio con la E Street band che ormai è diventato destino.

 

Non delude Letter to you, una lettera in dodici canzoni registrate live in soli cinque giorni  nel suo studio domestico in New Jersey, da oggi in commercio, un messaggio al suo popolo: «Nella mia lettera per te/Ho messo tutte le mie paure e dubbi.../Tutte le cose difficili che ho scoperto» annuncia la titletrack e c'è tutto quello che quel popolo si aspetta da lui: un'ora di energia senza cadute con un solo neo, l'eccesso di generosità.

 

bruce springsteen bruce springsteen

In fondo, almeno due di quei tre pezzi ripescati dagli scarti degli anni 70, Janey needs  a shooter e Songs for orphans che dura 6 minuti, poteva lasciarle nel cassetto, non aggiungono nulla e il disco forse sarebbe stato ancora più compatto e seducente nel  suo stare in equilibrio fra passato e senso del tempo che corre «un minuto sei qui, il minuto dopo te ne sei andato» canta, chitarra e voce, la suggestiva ballad d'apertura One minute you are here, dove aleggia il dolore per gli amici perduti come Clarence Clemons e Danny Federici.

 

Meglio allora l'altro ripescaggio, If I was a priest,  pur non essendo un capolavoro. La canzone migliore,  con la suggestiva ballad d'apertura, è House of thousand guitars, segnata dal suono intenso di un  organo da chiesa, dove con evidente nostalgia si richiamano i tempi di un vecchi concerti a contatto con i fans, indirettamente evocando una stagione come questa che ha drammaticamente spezzato il rapporto con il pubblico.

bruce springsteen bruce springsteen

 

E belle sono la ballata Last man standing con la frase dolorosa finale «Sono l’ultimo rimasto» e  I’ll See You in My Dreams, un folk molto alla Bob Dylan  in cui canta «la morte non è la fine e ti vedrà nei miei sogni», verso a metà strada fra la rassegnazione e la speranza.

 

L'album è stato accompagnato anche da un documentario, disponibile su Apple tv, dove Springsteen a un certo punto lancia per apprezzamenti nei confronti del pubblico italiano: chissà che non sia un appuntamento per un prossimo incontro, nel 2022, col virus alle spalle e il Boss pronto a raccontare che i suoi 73 anni non hanno scalfito la sua pelle d'acciaio.

bruce springsteen bruce springsteen bruce springsteen bruce springsteen springsteen springsteen SPRINGSTEEN AND FAMILY SPRINGSTEEN AND FAMILY bruce springsteen bruce springsteen un selfie con bruce springsteen un selfie con bruce springsteen bruce e nathan nel 2013 bruce e nathan nel 2013 medaglie di obama bruce springsteen medaglie di obama bruce springsteen medaglie di obama bruce springsteen medaglie di obama bruce springsteen OBAMA SPRINGSTEEN OBAMA SPRINGSTEEN bruce springsteen bruce springsteen SPRINGSTEEN SPRINGSTEEN cartello per bruce cartello per bruce springsteen springsteen springsteen springsteen BRUCE SPRINGSTEEN BRUCE SPRINGSTEEN springsteen springsteen SPRINGSTEEN LITTLE STEVEN SPRINGSTEEN LITTLE STEVEN the boss the boss SPRINGSTEEN SPRINGSTEEN BORN TO RUN AUTOBIOGRAFIA SPRINGSTEEN BORN TO RUN AUTOBIOGRAFIA SPRINGSTEEN SPRINGSTEEN 4 SPRINGSTEEN 4 SPRINGSTEEN 9 SPRINGSTEEN 9 SPRINGSTEEN 2 SPRINGSTEEN 2 malagò springsteen malagò springsteen SPRINGSTEEN SPRINGSTEEN BRUCE SPRINGSTEEN AL BOLOGNESE BRUCE SPRINGSTEEN AL BOLOGNESE BRUCE SPRINGSTEEN AL BOLOGNESE BRUCE SPRINGSTEEN AL BOLOGNESE SPRINGSTEEN SPRINGSTEEN al Circo Massimo per Springsteen al Circo Massimo per Springsteen al Circo Massimo per Springsteen al Circo Massimo per Springsteen LITTLE STEVEN SPRINGSTEEN LITTLE STEVEN SPRINGSTEEN SPRINGSTEEN SPRINGSTEEN SPRINGSTEEN LITTLE STEVEN 11 SPRINGSTEEN LITTLE STEVEN 11 SPRINGSTEEN 1 SPRINGSTEEN 1 bruce springsteen bruce springsteen bruce springsteen bruce springsteen bruce springsteen bruce springsteen SPRINGSTEEN SPRINGSTEEN springsteen broadway springsteen broadway SPRINGSTEEN SPRINGSTEEN lady gaga springsteen lady gaga springsteen springsteen springsteen bruce springsteen bruce springsteen bruce springsteen bruce springsteen

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute