BRAD, VATTENE VIA, SCIO’! “HO DETTO 'NO' PER DUE VOLTE A BRAD PITT” - LA CONFESSIONE DI YVONNE SCIO’ A MONICA SETTA A “STORIE DI DONNE AL BIVIO” – “LE MIE AMICHE MI DICONO ANCORA OGGI CHE SONO STATA UNA SCEMA, PERCHÉ LUI MI PIACEVA, MA QUANDO MI CHIESE DI USCIRE MI SEMBRÒ UNA FOLLIA. NON MI SONO MAI SENTITA NÉ BELLA NÉ TANTO INTERESSANTE DA POTER PIACERE A BRAD PITT. NON GLI DIEDI NEMMENO IL MIO CELLULARE. SONO STATA ABITUATA A SENTIRE LA MIA BELLEZZA COME UNA COLPA"

-

Condividi questo articolo


yvonne sciò yvonne sciò

(ANSA) - "Le mie amiche mi dicono ancora oggi che sono stata una scema, perché lui mi piaceva, ma quando mi chiese di uscire mi sembrò una follia. Non mi sono mai sentita né bella né tanto interessante da poter piacere a Brad Pitt".

 

Yvonne Scio' attrice e regista, una solida carriera di successo costruita tra l'Italia e Los Angeles, racconta per la prima volta a Monica Setta, nella puntata doppia di Storie di donne al bivio in onda il 4 giugno in seconda serata su Rai2, di essere stata corteggiata dal divo americano. "Incontrai Brad Pitt a una cena di amici americani e mi chiese subito di vederci - ricorda - Non gli diedi nemmeno il mio cellulare. Pensai, ma ti pare che uno cosi vuole portare fuori proprio me?

 

brad pitt brad pitt

La seconda volta lo rividi alla festa degli Oscar di Vanity e fu ancora più esplicito. Mi disse: sei semplicemente meravigliosa. Mi invitò a cena e ancora una volta io mi ecclissai. Me ne sono pentita, ovviamente, ma sono fatta cosi. Figlia di una madre americana artista e un po' pazzoide, sono stata abituata a sentire la mia bellezza come una 'colpa'. L'importante era dimostrare di essere brave, non belle.

 

Ho lavorato anni su me stessa quando facevo l'attrice, ma ho risolto dubbi e conflitti interiori solo ora che faccio la regista e parlano per me le mie opere, non l'aspetto fisico"

yvonne sciò yvonne sciò gianni boncompagni yvonne sciò gianni boncompagni yvonne sciò yvonne sciò antonella elia yvonne sciò antonella elia YVONNE SCIO YVONNE SCIO YVONNE SCIO YVONNE SCIO YVONNE SCIO YVONNE SCIO yvonne scio foto di bacco yvonne scio foto di bacco yvonne scio yvonne scio Yvonne Scio DAGO Yvonne Scio DAGO francesca d'aloja yvonne scio marina suma infelici e contenti francesca d'aloja yvonne scio marina suma infelici e contenti Hormoz Vasfi Yvonne Scio Hormoz Vasfi Yvonne Scio yvonne scio' foto di bacco yvonne scio' foto di bacco yvonne sciò naomi campbell yvonne sciò naomi campbell yvonne scio (3) yvonne scio (3) anna ferzetti yvonne scio anna ferzetti yvonne scio yvonne scio. yvonne scio. YVONNE SCIO E AMBRA ANGIOLINI YVONNE SCIO E AMBRA ANGIOLINI yvonne scio (2) yvonne scio (2) yvonne scio yvonne scio yvonne scio giovanna melandri yvonne scio giovanna melandri brad pitt brad pitt

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE