BRIGANTE SARA' LEI - PINO APRILE SCRIVE A DAGOSPIA PER RISPONDERE A MARCO GIUSTI SULLA SERIE NETFLIX “BRIGANTI”: “QUELLA CHE CHIAMIAMO STORIA SOMIGLIA TROPPO AL COMPITO DI CHI LA SCRIVE: SCEGLIERE PERSONAGGI ED EPISODI DA MITIZZARE, PER FORMARE I CITTADINI. CHE UNA PRODUZIONE INTERNAZIONALE SCELGA QUEL PERIODO (IL BRIGANTAGGIO) E QUEL PUNTO DI VISTA (LA RESISTENZA ARMATA DEL SUD), È UN SEGNALE CULTURALE ENORME: INDICA CHE LA PERCEZIONE MAGGIORITARIA, ORMAI, È QUELLA. IL TEMPO È PIÙ ONESTO DEI LIBRI DI STORIA - SE SOLO SI PENSA AI DOCUMENTI IMBARAZZANTI FATTI DISTRUGGERE..."

-

Condividi questo articolo


VI DICO CHE “BRIGANTI”, LA NUOVA SERIE ITALIANA DI NETFLIX, È TERRIBILE. UNA DELLE SERIE PIÙ FINTE CHE ABBIA MAI VISTO. TUTTA MUSICA E FOTOGRAFIA D’EFFETTO PER ACCHIAPPARE UN PO’ DI PUBBLICO. ABITI DA SPAGHETTI WESTERN ALLA DJANGO, EROI E EROINE CHE SPARANO, SCAPPANO, SI TRADISCONO. BOH! MI PIACCIONO I FILM DI BRIGANTI, MA SONO QUASI SEMPRE UNA DELUSIONE

https://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/divano-giusti-che-vediamo-stasera-streaming-intanto-vi-dico-392695.htm

 

PINO APRILE PINO APRILE

Riceviamo e pubblichiamo:

 

Caro Roberto,

quello che scrive Marco Giusti sulla serie “Briganti”, in onda su Netflix, potrebbe anche essere condiviso se ci si ferma al prodotto in sé: gli abiti da “spaghetti western”? A parte che il periodo era lo stesso (la guerra di Secessione americana si combatté negli stessi mesi e anni di quella per la conquista e l'annessione del Regno delle Due Sicilie, da parte dell'esercito sabaudo.

 

Da noi, però, la cosa andò poi avanti per una decina di anni); ma l'osservazione ci sta, anzi, a volerla stressare, si può giungere a vedere certi richiami al cinema indiano (dell'India), vedi vestito, trucco e cerimonia del “matrimonio” con il capo-brigante ucciso dalla sposa.

marco giusti marco giusti

 

Si potrebbe continuare con richiami e analogie, da Hollywood a Bollywood. Ma si rischia così di perdere quello che a me pare il valore che tutti gli altri sovrasta, di questa serie. Giusti dice che i film sui briganti gli piacciono, ma quasi sempre lo deludono. Immagino sia perché le vicende rappresentate si rifanno all'ambientazione, ma poco alla fedeltà ai fatti storici.

 

Ma è quello che accade quasi sempre: “Bastardi senza gloria” non ha nulla a che vedere con quel che accadde davvero contro i gerarchi nazisti , ma vive in quella ambientazione e perderebbe quasi tutto senza quella.

 

E, per restare al periodo risorgimentale, ci sarebbe tantissimo da obiettare su come viene raccontata nei film l'avventura dei Mille e la figura di Garibaldi: un santino, nessun cenno ai ventimila soldati piemontesi finti disertori, alla legione straniera inglese, alla corruzione dei generali borbonici per far “vincere” Garibaldi (“Sfondatore di porte aperte”, fu definito), alle trame massoniche, alla flotta militare britannica che accompagnava l'impresa.

 

briganti briganti

Una delle spese maggiori della spedizione fu quella dell'ufficio stampa, a cominciare dall'insaziabile Alessandro Dumas; e i risultati si vedono ancora oggi. Quella che chiamiamo storia somiglia troppo a quanto, secondo Alessandro Barbero, deve essere il compito di chi la scrive: scegliere personaggi ed episodi da mitizzare, per formare cittadini. Quindi…

 

E se solo si pensa che la quantità di documenti imbarazzanti fatti distruggere, a decine di migliaia (come dimostrato dal professor Umberto Levra, docente di storia risorgimentale e dal colonnello Cesare Cesari, a capo degli Archivi militari), è tale da rendere forse impossibile ricostruire quegli eventi, si capisce cosa significa una serie cinematografica che rappresenta quella repressione del Sud dal lato meridionale. Pietro Fumel era massacratore seriale (“Fucilati 300, briganti e non briganti”) e fu rimosso per le proteste internazionali contro tanta ferocia. Era colonnello, nella fiction lo hanno promosso generale.

briganti briganti

 

Poi la vicenda filmica è quella che è, ma il capovolgimento di rappresentazione dei “buoni” e dei “cattivi” fa di “Briganti”, rispetto alla narrazione storica ufficiale, l'equivalente di “Soldato blu”, circa la fiaba degli eroici visi pallidi costretti a difendersi, con i cannoni, dalle terribili frecce dei selvaggi musi rossi.

 

Che una produzione internazionale scelga quel periodo (il Brigantaggio) e quel punto di vista (la resistenza armata del Sud) per rappresentare una epopea che poteva essere resa dal western a Robin Hood, è un segnale culturale enorme: indica che la percezione maggioritaria, ormai, è quella. Il tempo è più onesto dei libri di storia.

Pino Aprile

briganti briganti briganti briganti briganti briganti briganti briganti briganti briganti briganti briganti

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?