LA CANNES DEI GIUSTI - ''THE STAGGERING GIRL'' DI LUCA GUADAGNINO È UN ESERCIZIO DI ALTA CLASSE, MA RESTA IL FATTO CHE POCHISSIMI SONO OGGI IN GRADO DI GIRARE COME GUADAGNINO ANCHE UN FASHION MOVIE SENZA CADERE NEL RIDICOLO E FARLO DIVENTARE UN EPISODIO O UNA PARTE DI UN FILM CHE CI PIACEREBBE VEDERE PER INTERO. IN FONDO È L'UNICO FILM ITALIANO CHE CI RAPPRESENTA, E BENE, NELLA NUOVA ''QUINZAINE'' DIRETTA PER LA PRIMA VOLTA DA UN GIOVANE CURATORE ITALIANO, PAOLO MORETTI

-

Condividi questo articolo

 

1. ''THE STAGGERING GIRL'' DI LUCA GUADAGNINO

Marco Giusti per Dagospia

 

Cannes. Luca Guadagnino arriva a Cannes con quel che un tempo si chiamava un mediometraggio. The Staggering Girl, 35 minuti perfetti accompagnati dalla meravigliosa musica di Ryuichi Sakamoto interpretati da una superstar come Julianne Moore, la sempre adorabile Marthe Keller di Fedora, Il Kyle McLachlan di Twin Peaks in tutte le tre parti maschili, Alba Rohrwacher, Mia Groth.

the staggering girl the staggering girl

 

Produce la maison Valentino assieme a Paolo Del Brocco per Rai Cinema. È una sorta di coda di Suspiria, come lo ha definito Guadagnino, molto personale e molto simile ai corti di Luchino Visconti, penso al suo episodio ne Le streghe con Silvana Mangano, sporcato da un po' di mistero lynchiano.

 

Più che un fashion movie, cioè un film su commissione voluto da una maison che si può permettere la firma di un regista importante, è un film che usa la moda, in questo caso Valentino, esattamente come fosse il cinema di un maestro, cioè una fabbrica di sogni e di immagini più o meno iconiche. Gli abiti diventano oltre che citazioni o elementi di scenografia, parte essenziale del racconto come la musica di Sakamoto che ci riporta a Bertolucci.

 

La storia rimane giustamente misteriosa, divisa tra New York e Roma. Una mamma pittrice, una figlia scrittrice. Flashback continui. Questi tre maschi identici che rimandano a un universo maschile che sembra poco interessare al regista. Bellissime inquadrature, certo. E la voglia, alla fine, di vederne e saperne di più e di capire che bene che direzione sta prendendo il cinema di Guadagnino. Soprattutto dopo Suspiria che ha cosi diviso pubblico e critici.

the staggering girl julianne moore the staggering girl julianne moore

 

Esercizio di alta classe si dirà, ma resta il fatto che pochissimi sono oggi in grado di girare come Guadagnino anche un fashion movie senza cadere nel ridicolo e farlo diventare un episodio o una parte di un film che ci piacerebbe vedere per intero. In fondo è l'unico film italiano che ci rappresenta, e bene, nella nuova Quinzaine diretta per la prima volta da un giovane curatore italiano, Paolo Moretti. E il primo film italiano che viene mostrato a Cannes.

 

 

 

2. «AL CINEMA NON SERVONO LE QUOTE ROSA»

Francesca D'Angelo per ''Libero Quotidiano''

 

A Cannes Luca Guadagnino non è decisamente passato inosservato. Ieri, alla sua prima volta al festival francese, il regista di Chiamami con il tuo nome e Suspiria si è presentato con un' opera sui generis: un mediometraggio da 37' (leggi: formato preistorico), prodotto con il direttore creativo della Maison di Valentino, Pierpaolo Piccioli. Titolo: The staggering girl (la ragazza che barcolla).

La storia è un ispirato e intenso racconto per immagini, che celebra le donne, le collezioni di alta moda di Valentino, il tempo e la vita. Nel cast, Julianne Moore nel ruolo della protagonista, nonché la nostra Alba Rohrwacher.

 

Com' è nata l' idea di The staggering girl?

«Nutro una grande ammirazione per Pierpaolo Piccioli. Ogni volta che vado alle sue sfilate, mi ritrovo a pensare che il suo sia un lavoro squisitamente narrativo: le collezioni che realizza non sono fatte solo di grandi e bellissimi abiti ma propongono un percorso, che attraversa l' intera collezione. Ho pensato che sarebbe stato interessante provare a tradurlo su un altro medium, ossia il cinema».

pierpaolo piccioli luca guadagnino pierpaolo piccioli luca guadagnino

 

Ammetterà che il formato scelto è poco frequente: non teme che allontani i distributori?

«In realtà stiamo avendo un riscontro molto positivo: il mercato sta apprezzando The staggering girl proprio per la sua specificità».

 

Se si facesse avanti Netflix, accetterebbe?

«Certo! Netflix, AppleTv, Amazon: sono tutti benvenuti. Non ho nessuna preclusione verso alcuna piattaforma o device che sia interessata a proporre il mediometraggio».

 

A Cannes Julianne Moore, protagonista della sua opera, ha invocato l' introduzione delle quote rosa nel mercato cinematografico, anche in termini di parità di finanziamenti. Crede che sia la strada giusta?

«È una domanda difficile e non solo perché, qualsiasi cosa io possa dire, potrei finire con la faccia per terra. Il fatto è che un tema molto complesso. Da un lato ritengo che il sistema delle quote rosa, inteso come qualcosa di forzato, non tradisca molta intelligenza. È infatti difficile cambiare la mentalità di qualcuno forzandolo con delle imposizioni. Dall' altro lato, però, c' è un reale problema di gender equality: in generale le donne vengono pagate meno degli uomini».

the staggering girl julianne moore the staggering girl julianne moore

 

Quindi cosa propone?

«Credo che sia un problema educativo. Forse punterei su quello, e sui diritti, più che sull' introduzione di quote o vincoli».

 

Cosa replica a chi interpreta The staggering girl come un nuovo, brillante, modo di fare marketing?

«Chi conosce la moda sa benissimo che quello è un mondo che vive del "qui e ora", mentre noi abbiamo lavorato su collezioni del passato, ormai superate. Inoltre nel film si parla di alta moda: i vestiti che vediamo non sono prodotti commercializzati e pubblicizzati. Le dirò di più: a me non interessa celebrare l' industria della moda ma l' intelligenza creativa di persone come Pierpaolo».

 

Come ha lavorato affinché questo racconto per immagini non finisse per risultare troppo criptico?

«In realtà, quando lavoro, non mi pongo mai il problema di essere capito. Così, anche con The staggering girl, abbiamo fatto il film che desideravamo realizzare, attraverso gli strumenti a nostra disposizione. E basta».

 

Il suo prossimo progetto?

luca guadagnino foto di bacco luca guadagnino foto di bacco

«Sto lavorando a una nuova serie tv, per Sky e Hbo (il titolo è We are who we are, ndr). Al momento siamo in fase di preparazione. Iniziamo le riprese questa estate e andremo avanti fino all' autunno. Giriamo in Italia anche se l' ambientazione della storia sarà diversa».

pierpaolo piccioli pierpaolo piccioli

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

I DOSSIER FBI SUL 'SUICIDIO' DI MARILYN MONROE - “ROBERT KENNEDY ERA INNAMORATO DI MARILYN. LE AVEVA PROMESSO DI DIVORZIARE DALLA MOGLIE PER SPOSARLA. INULTILMENTE. E LEI MINACCIO' DI RENDERE PUBBLICA LA LORO STORIA” - SI ACCENNA A UNA RELAZIONE LESBICA DI MARILYN CON ... (CENSURA)... - “DURANTE UN RAPPORTO SESSUALE CON MARILYN. IN ALCUNE OCCASIONI, JOHN F. KENNEDY PARTECIPAVA AI FESTINI CON...(CENSURA)... ATTRICI”. E UNO DI QUESTI PARTY ERA STATO FILMATO DA UN DETECTIVE PRIVATO DI LOS ANGELES

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute