LA CANNES DEI GIUSTI - DOMANI CONOSCEREMO I VINCITORI, MA ALLA QUINZAINE C’È GIÀ UN TRIONFATORE. E’ LO SPAGNOLO “VOLVERÉIS”, SEGNALATO COME MIGLIOR FILM EUROPEO - ALLA "SEMAINE DE LA CRITIQUE", VINCE UN FILM ARGENTINO, ALLA FACCIA DI MILEI, “SIMÓN DE LA MONTAÑA” - IL CONCORSO SI CHIUDE OGGI CON GLI ULTIMI DUE FILM, L’IRANIANO “THE SEED OF THE SACRED FIG” E “LA PLUS PRÉCIEUSE DES MARCHANDISES”… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

anya taylor joy in furiosa anya taylor joy in furiosa

Cannes. Ultimo giorno. Mentre Cher a 78 anni ancora domina la scena nella serata AmFAR, la serata benefica di ricerca fondi per combattere l’Aids, presentata da Demi Moore, 61. Delle bambine. E i film presentati qui in gran pompa escono quasi contemporaneamente in sala con risultati non proprio sorprendenti. “Furiosa” di George Miller con Anya Taylor Koy era primo ieri in Italia con 118 mila euro e 16 mila spettatori, ahi, “Marcello mio” di Christophe Honoré con Chiara Mastroianni ottavo con 11 mila euro, 1.762 spettatori, quando “Ennio Doris” è ancora 11° con mille spettatori… Ecco. Potevamo mandare “Ennio Doris” a Cannes…

volvereis volvereis

 

In Francia, “Furiosa” è stato visto mercoledì da 46 mila spettatori e “Marcello mio”, al secondo posto, da 13 mila. Insomma…. Domani, finalmente, conosceremo i vincitori della Competition e di Un Certain Regard. Intanto alla Quinzaine, dove non c’è un vero concorso, c’è però già un vincitore. E’ lo spagnolo “Volveréis” di Jonas Trueba, segnalato come Miglior Film Europeo. Alla Semaine de la Critique, dove il concorso c’è, vince un film argentino, alla faccia di Milei e della sua politica suicida, “Simón de la montaña” diretto da Federico Luis. Vanno recuperati.

emilia perez emilia perez

Nel concorso i film che sono stati più amati dai critici internazionali, e non per questo saranno amati dalla giuria, sono alla fine pochi. “Emilia Perez” di Jacques Audiard, il musical crime trans messicano adorato anche dal pubblico che Netflix ha appena comprato, come diritti di piattaforma per America e UK. “Anora” di Sean Baker, scatenata commedia dove il figlio svitato di un oligarca russo che fa una vita di sballo a New Tork sposa una escort e scatena la reazione di tutta la famiglia. “Grand Tour” di Miguel Gomes, sofisticata rilettura della fine del sogno dell’imperialismo europeo in Asia vista attraverso la fuga di un funzionario inglese inseguito dalla futura moglie.

 

all we imagine as light all we imagine as light

E, infine, “All We Imagine As Light” di Payal Kapadia, definito oggi da Peter Bradshaw “a glorious film”, e amato da tutti i critici più importanti, storia di tre donne nella Mumbai di oggi alle prese con la vita e l’amore. Formalmente impeccabile. Un film assolutamente superiore. Si leggono echi del cinema di Wong Kar Wai,di Alice Rohrwacher per la costruzione dell’immagine. Erano almeno trent’anni che non si vedeva un film indiano in concorso e questo, diretto da una regista, con un’altra storia di donne, potrebbe fare il colpaccio a Cannes o vincere comunque un grosso premio.

l’amour ouf l’amour ouf

Il melodramma francese di tre ore “L’amour ouf”, definito giù sul poster “una commedia romantica musical ultra violenta”, su un gruppo di amici in due diversi momenti della loro vita, diretto da un attore molto amato come Gilles Lellouche, scritto anche dalla Audrey Diwan di “L’evenement”, con star come François Civil, Adéle Exarkopoulos, Raphael Quenad, Mallory Wanecque, presentato ieri sera con qualcosa come 15 minuti di applausi finali, record assoluto di Cannes, esaltato dall’industria francese, è stato brutalmente massacrato invece dalla critica internazionale e non credo possa aspirare a molto.

 

the seed of the sacred fig the seed of the sacred fig

Il concorso si chiude oggi con gli ultimi due film, l’iraniano “The Seed of the Sacred Fig” di Mohammad Rasoulof, il regista scappato dal proprio paese con tanto di viaggio avventuroso visto che stava per essere arrestato e farsi otto anni di carcere (“Non posso credere di essere qui” ha detto), e Michel Hazanavicius, che presenta “La plus précieuse des marchandises”, stravaganza a cartoni animati.   

marcello mio marcello mio anora anora anora anora the seed of the sacred fig the seed of the sacred fig grand tour grand tour chiara mastroianni in marcello mio chiara mastroianni in marcello mio chiara mastroianni in marcello mio chiara mastroianni in marcello mio grand tour grand tour grand tour grand tour grand tour grand tour simon de la montana simon de la montana la plus precieuse des marchandises la plus precieuse des marchandises la plus precieuse des marchandises la plus precieuse des marchandises the seed of the sacred fig the seed of the sacred fig the seed of the sacred fig the seed of the sacred fig volvereis volvereis all we imagine as light all we imagine as light emilia perez emilia perez la plus precieuse des marchandises la plus precieuse des marchandises emilia perez emilia perez la plus precieuse des marchandises la plus precieuse des marchandises chiara mastroianni in marcello mio chiara mastroianni in marcello mio l’amour ouf l’amour ouf anya taylor joy furiosa anya taylor joy furiosa chris hemsworth furiosa chris hemsworth furiosa simon de la montana simon de la montana l’amour ouf l’amour ouf simon de la montana simon de la montana chris hemsworth furiosa chris hemsworth furiosa marcello mio marcello mio

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA