LA CANNES DEI GIUSTI GIOCHI DI POTERE, ANZI GIOCHI DI REGINA NEL POLPETTONE "FIREBRAND", ENNESIMA VERSIONE CINEMATOGRAFICA DELLA VITA E DELLE MALEFATTE DI QUEL SUPERWEINSTEIN MOLESTATORE E DECAPITATORE DI MOGLI CHE FU RE ENRICO VIII, QUI INTERPRETATO DA UN JUDE LAW INGRASSATO IN MODALITÀ MARIO BREGA - NE VIENE FUORI UN OTTIMO FILM DA SERATE CASALINGHE DA VEDERE SU NETFLIX O AMAZON. È DIFFICILE FARE LA MORALE TROMBONA CONTRO LE PIATTAFORME SE POI SPARI IN CONCORSO FILM GIÀ PRONTI PER LA PIATTAFORMA… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

firebrand. 8 firebrand. 8

Cannes. Finalmente senza pioggia. In attesa dei tre film italiani in concorso questa settimana Bellocchio-Moretti-Rohrwacher che già sappiamo che non verranno accompagnati da Genny Sangiuliano e Borgonzoni varie a fare la ola per made in Italy nel cinema. Possiamo capire. Giochi di potere e prove per quello che accadrà questo settembre a Venezia, dove non sarà più possibile tenere le distanze dal cinema di sinistra ciodal cinema.

 

firebrand. 2 firebrand. 2

Giochi di potere, anzi Giochi di regina anche nel polpettone in concorso "Firebrand", ennesima versione cinematografica della vita e delle malefatte di quel superWeinstein molestatore e decapitatore di mogli che fu King Henry VIII, qui interpretato da un Jude Law ingrassato in modalità Mario Brega, con tanto di scena trashissima della trombata a culo di fuori (ma non è il suo). Ruolo che come tutti saprete estato portato al cinema da campioni come Charles Laughton e Richard Burton.

 

firebrand. 3 firebrand. 3

In anni post #metoo come questi, tutto è visto dalla parte non di Anna Bolena o di Caterina D'Aragona, ma da quella dell'ultima moglie, Katherine Parr, interpretata qui da una ottima Alicia Vikander, che diventa l'eroina protofemminista di un film costruito un po' a tavolino da ben dieci produttori inglesi, diretto dal brasiliano Karim Ainouz, quello del notevole melo "La vita invisibile di Euridice Gusmao", scritto dalle sorelle Henrietta e Jessica Hashworth, responsabili della serie "Killing Eve" e fotografato dalla Helene Louvart, il sofisticato occhio dei film di Alice Rohrwacher.

 

firebrand. 5 firebrand. 5

Ne viene fuori un ottimo film da serate casalinghe da vedere su Netflix o Amazon, forse non adatto al concorso di Cannes. Certo. I due protagonisti sono bravissimi, vorrei anche vedere, Jude Law fa un cattivo pazzo e malata che deve rappresentare secoli di potere maschile e Alicia Vikander la trepida è rigorosa intellettuale che vede la strada nuova per un futuro migliore.

 

firebrand. 4 firebrand. 4

 Mettiamoci anche Eddie Marsan e Sam Riley a contorno, ma non c'è nulla di davvero nuovo nella storia e non andiamo oltre un buon artigianato anche se, in sala, si applaude davvero tutto. Ma è difficile fare la morale trombona contro le piattaforme che uccidono il cinema d'autore se poi spari in concorso film che sono già pronti per la piattaforma.

firebrand. 9 firebrand. 9 firebrand. 7 firebrand. 7 firebrand. 6 firebrand. 6 firebrand. 1 firebrand. 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ