LA CANNES DEI GIUSTI – “INDIANA JONES AND THE DIAL OF DESTINY”, QUINTA E ULTIMA AVVENTURA DELLA SAGA, È UN DISASTRO. E, ALLA FACCIA DEGLI APPLAUSI IN SALA E DEI CINQUE MINUTI DI OVAZIONE DEL PUBBLICO DEDICATI AL SUO PROTAGONISTA, IL MITICO MA OTTANTENNE HARRISON FORD, È STATO MASSACRATO DALLA CRITICA INTERNAZIONALE – “VARIETY” LO DEFINISCE “UN PEZZO DI DRAMMONE NOSTALGICO PIUTTOSTO PRIVO DI GIOIA” – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Marco Giusti per Dagospia

indiana jones and the dial of destiny phoebe waller bridge harrison ford 1 indiana jones and the dial of destiny phoebe waller bridge harrison ford 1

 

Ahi! Lo temevamo. Ma che lo hanno portato a fare fino a qua? Spielberg l’ha visto bene che era meglio sfilarsi. E’ così. Alla faccia degli applausi in sala e dei cinque minuti di ovazione del pubblico dedicati al suo protagonista, il mitico ma ottantenne Harrison Ford, “Indiana Jones and The Dial of Destiny” di James Mangold, quinta e ultima avventura di Indiana Jones è stato massacrato dalla critica internazionale. E’ un disastro.

 

indiana jones and the dial of destiny indiana jones and the dial of destiny

“Il ringiovanimento e altre manipolazioni CGI del corpo di Harrison Ford servono solo a dimostrare che Dial of Destiny vuole tornare indietro nel tempo invece di fare qualcosa di nuovo”, scrive “The Daily Beast”. Lo massacra anche “Variety”, definendolo “un pezzo di drammone nostalgico doverosamente volenteroso, ma alla fine piuttosto privo di gioia”.

 

E ancora, “È meglio rispetto all'esecrabile Crystal Skull, ma l'esumazione che ha fatto James Mangold del serial d'avventura di Spielberg è sia sdolcinato che inutile “ (“The White Little Lies”). "Dial of Destiny" dimostra che certe reliquie dovrebbero rimanere sepolte” (“The Playlist”).

 

indiana jones and the dial of destiny phoebe waller bridge harrison ford indiana jones and the dial of destiny phoebe waller bridge harrison ford

“Malgrado sia un film grande e roboante non trova mai molta gioia in quello che fa, nonostante la colonna sonora di John Williams spinga continuamente i nostri sentimenti sulla nostalgia e cerchi di convincerci che siamo in una corsa sfrenata” (“The Hollywood Reporter”). “Non è degno della frusta di Indiana Jones”, lo battezza “Vanity Fair”.

 

E su “Indiewire”: "Ieri ci appartiene", dice qualcuno a un certo punto, e quando si tratta di Indiana Jones, ieri lo farà sempre. Il problema è che lo ha già fatto e oggi sembra una completa perdita di tempo”. E su twitter si legge “Se credevate che Disney potesse fare un buon film, siete perduti”. “Avete ucciso un adorato personaggio. Voi orribile fetenti!”.

indiana jones and the dial of destiny harrison ford 4 indiana jones and the dial of destiny harrison ford 4 indiana jones and the dial of destiny harrison ford 1 indiana jones and the dial of destiny harrison ford 1 indiana jones e il quadrante del destino 8 indiana jones e il quadrante del destino 8 indiana jones and the dial of destiny harrison ford 2 indiana jones and the dial of destiny harrison ford 2 indiana jones e il quadrante del destino 9 indiana jones e il quadrante del destino 9 indiana jones and the dial of destiny harrison ford 3 indiana jones and the dial of destiny harrison ford 3 indiana jones e il quadrante del destino 6 indiana jones e il quadrante del destino 6 indiana jones e il quadrante del destino 4 indiana jones e il quadrante del destino 4 indiana jones e il quadrante del destino 3 indiana jones e il quadrante del destino 3 indiana jones and the dial of destiny harrison ford indiana jones and the dial of destiny harrison ford

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?